La Russia pubblica documenti declassificati per il 75° anniversario della liberazione di Budapest dai nazisti

Contro ogni revisionismo. La Russia pubblica documenti declassificati per il 75° anniversario della liberazione di Budapest dai nazisti da parte dell’Armata Rossa

“La capitale dell’Ungheria era di grande importanza strategica per le forze naziste. Pertanto, alla periferia della città furono costruiti numerosi punti di difesa e la città stessa divenne una fortezza inespugnabile”, affermano dal Ministero della Difesa russo

Il Ministero della Difesa russo ha pubblicato sul suo sito web diversi documenti declassificati in occasione del 75° anniversario della liberazione da parte dell’Armata Rossa della capitale ungherese dagli occupanti nazisti.

Il 13 febbraio 1945, le truppe sovietiche liberarono Budapest, completando l’ offensiva strategica contro i nazisti nelle regioni centrali dell’Ungheria che durò 108 giorni e notti, partita il 29 ottobre 1944.

Tra i vari documenti declassificati unici dei fondi dell’Archivio centrale del ministero russo, che sono presentati in una nuova sezione storica del sito Web, vi è un piano di raggruppamento delle truppe naziste per il 1° dicembre 1944.

“La capitale dell’Ungheria era di grande importanza strategica per le forze naziste. Così alla periferia della città furono costruiti diversi punti di difesa e la città stessa divenne una fortezza inespugnabile”, hanno spiegato dal Ministero della Difesa russo.

Atrocità naziste

Sebbene l’Ungheria fosse un alleato del Terzo Reich nella seconda guerra mondiale, le truppe naziste distrussero le chiese ungheresi, furono imposte ai giovani e ai più anziani i lavori forzati, rendendo impossibile la vita alla popolazione locale, compresi gli ucraini, e gli ebrei sterminati .
I documenti declassificati evidenziano le atrocità commesse dai nazisti contro i prigionieri di guerra e i civili in Ungheria.

“Vengono presentati i protocolli per l’interrogatorio dei prigionieri di guerra, che nelle loro testimonianze mostrano chiaramente che i nazisti trattavano il popolo ungherese come la popolazione di uno stato vassallo”, hanno confermato dal Ministero.

Inoltre, questi documenti descrivono le rappresaglie dei nazisti contro gli ebrei della città ungherese di Szeged, dove 16.000 persone furono ammassate in un ghetto. Quindi, tutta questa popolazione ebraica con il pretesto di un’evacuazione è stata inviata “in direzione della Germania” in carri merci senza cibo e acqua e “nessuno conosce la sua destinazione successiva”, si legge uno dei documenti declassificati.

I documenti evidenziano anche le atrocità delle truppe della Germania nazista nella vicina Ucraina , all’inizio della seconda guerra mondiale. Entro il 1° maggio 1942, i nazisti, in dono per il führer, “ripulirono completamente” il ghetto della città ucraina di Stálino con l’artiglieria antiaerea, il documento cita l’interrogatorio di un prigioniero di guerra che combatté insieme al nazisti sul fronte orientale.

“Ai lavoratori ucraini, i nazisti li colpivano anche per una piccola cosa. Ad  un lavoratore rimase privo di sensi, lo ricoprirono immediatamente di terra. Se un lavoratore voleva opporsi, gli sparavano immediatamente”, il documento cita un prigioniero di guerra. Il numero di persone uccise dai nazisti in questa città ucraina è stimato tra 60.000-80.000, comprese le madri con bambini, donne e uomini di tutte le età.

Nella stessa città i nazisti sterminarono la popolazione in due autobus ermeticamente chiusi, dove i gas di combustione non uscivano all’esterno, ma si fermavano all’interno dei veicoli. I corpi delle persone assassinate furono gettati in una miniera.

Il Ministero della Difesa russo ha indicato di pubblicare questi archivi con l’obiettivo di proteggere la verità storica, contrastando le falsificazioni della storia e tentando di rivedere i risultati della seconda guerra mondiale.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-contro_ogni_revisionismo_la_russia_pubblica_documenti_declassificati_per_il_75_anniversario_della_liberazione_di_budapest_dai_nazisti_da_parte_dellarmata_rossa/82_33050/

 

75 anni fa l’Armata Rossa liberava Auschwitz

Nel documento diffuso dal Partito Comunista Portoghese, il lucido ricordo del ruolo fondamentale svolto dall’Unione Sovietica nella liberazione del campo di sterminio di Auschwitz e dei comunisti di tutta Europa nella sconfitta del mostro nazifascista insieme alla denuncia delle vergognose speculazioni che accomunano le destre fasciste e reazionarie e la “sinistra imperiale” (di cui fa parte anche il gruppo europarlamentare del PD firmatario di un’immonda risoluzione all’insegna del più sfacciato revisionismo storico) tendenti a mettere sullo stesso piano le belve hitleriane e i loro collaborazionisti, responsabili della guerra e degli immani massacri di ebrei, rom, soldati dell’Armata Rossa, comunisti e altri oppositori politici, e chi, con il sacrificio di decine di milioni di suoi soldati e civili, ha contribuito in modo decisivo alla vittoria della civiltà contro la barbarie del fascismo e dei suoi crimini. (MG) 

Sono passati 75 anni dalla liberazione da parte dell’esercito sovietico del campo di concentramento nazista di Auschwitz, dove più di un milione e centomila esseri umani furono assassinati sistematicamente – nelle camere a gas, per fame e malattie, con fucilazioni e torture.

Nel celebrare questa data, il PCP ricorda il ruolo decisivo e indimenticabile dell’URSS, del popolo sovietico e della sua Armata Rossa, nella sconfitta di Hitler e del nazi-fascismo, l’espressione storica più violenta e terroristica del capitalismo. Gli epici sacrifici del popolo sovietico nella Seconda Guerra Mondiale – con i suoi oltre 20 milioni di morti -, che portarono alla liberazione dei popoli e dei lavoratori dalla barbarie nazifascista, non saranno mai dimenticati.

Nei campi di concentramento nazisti furono sterminati milioni di esseri umani, per lo più prigionieri di guerra e civili sovietici, ebrei, slavi, tra gli altri. Ma i campi di concentramento nazisti erano anche campi di lavoro forzato al servizio dei grandi monopoli tedeschi – IG Farben, Krupp, Siemens, AEG e altri – che avevano giocato un ruolo decisivo nell’ascesa di Hitler e del nazismo al potere. Campi in cui lo sfruttamento del lavoro umano è stato portato all’estremo – fino alla morte – e dove quelli ritenuti inadatti al lavoro sono stati crudelmente eliminati.

Nessuna campagna di menzogne ??e falsificazione storica potrà mai cancellare il ruolo decisivo dell’Unione Sovietica e dei Comunisti, che hanno guidato la Resistenza e la lotta che ha sconfitto il nazifascismo a costo di indicibili sacrifici.

Lotta contro il fascismo, in cui si inserisce la lotta del Partito Comunista Portoghese per la libertà e la democrazia, contro la dittatura fascista in Portogallo, che ha oppresso il popolo portoghese per quasi mezzo secolo, ha liquidato le libertà più elementari, ha condannato il nostro paese all’arretratezza e alla miseria, ha represso, torturato e assassinato, ha condotto guerre coloniali criminali.

I comunisti furono le prime vittime del fascismo. E’ stato in nome dell’anticomunismo che gran parte della classe dominante ha concepito e sostenuto l’ascesa e la brutalità del fascismo, e non solo, nei paesi – come il Portogallo – dove è salito al potere. Una connivenza che aveva un chiaro segno di classe, inseparabile dal desiderio di vedere il nazifascismo schiacciare il movimento operaio e i partiti comunisti, salvare il capitalismo da una profonda crisi e attaccare e distruggere l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche.

Le responsabilità dei gruppi monopolistici e delle potenze occidentali nell’ascesa del fascismo e nello scoppio della Seconda Guerra Mondiale sono evidenti nel tradimento della Repubblica democratica spagnola, nell’abbandono alla loro sorte dei popoli che furono le prime vittime delle aggressioni fasciste – come l’Etiopia, la Cina e l’Austria – o alla Conferenza di Monaco del settembre 1938, con la collaborazione aperta del Regno Unito e della Francia con Hitler e Mussolini nello smembramento della Cecoslovacchia. Ciò ha avuto una sua espressione anche nella resa e nel collaborazionismo della Francia di Vichy.

La connivenza del grande capitale con il fascismo è continuata, dopo la seconda guerra mondiale, con la promozione di un’alleanza anticomunista guidata dagli Stati Uniti – di cui è esempio la trasformazione del Portogallo fascista in un alleato e membro fondatore della NATO -, con l’obiettivo di contenere e far regredire i progressi storici ottenuti nella liberazione sociale e nazionale dai popoli nel dopoguerra. Migliaia di nazifascisti e di loro collaboratori sono stati messi al servizio di campagne anticomuniste e reti di sovversione e terrorismo – come “Gladio” – create dall’imperialismo statunitense e dai suoi alleati in tutto il mondo. In numerosi paesi, come la Repubblica Federale Tedesca, costoro sono stati collocati in importanti posizioni di potere. È con questi mezzi e con il sostegno aperto e nascosto dell’imperialismo che le forze che emergono oggi, in diversi paesi dell’Europa orientale – come in Ucraina o nelle repubbliche baltiche – riabilitano il fascismo e glorificano apertamente i collaboratori con il nazismo, mentre distruggono i monumenti e la memoria delle truppe sovietiche, mettono fuorilegge i partiti comunisti e perseguitano i comunisti e gli altri democratici.

Come dimostra la storia, dietro l’anticomunismo si nascondono le concezioni e le intenzioni più reazionarie e antidemocratiche.

La riabilitazione del fascismo e dei suoi crimini non è nuova, come attesta, ad esempio, la visita del presidente degli Stati Uniti, Ronald Reagan, e del cancelliere della Repubblica Federale di Germania, Helmut Kohl, al cimitero delle “SS” (truppe d’assalto naziste) a Bitburg, nel 1984. Ma le campagne per imbiancare il fascismo, banalizzare l’ideologia fascista, la menzogna e la falsificazione storica, ottengono oggi una dimensione senza precedenti – di cui è parte la vergognosa risoluzione anticomunista adottata dal Parlamento europeo lo scorso settembre o l’inaccettabile iniziativa di creare in Portogallo un “museo” dedicato al dittatore Salazar.

Queste campagne dimostrano che, come nel XX secolo, settori del grande capitale stanno ora scommettendo nuovamente sull’attacco alle libertà, alla democrazia, alla sovranità, con la violenza e la guerra, per cercare di superare la crisi strutturale del capitalismo e fermare l’inevitabile resistenza del lavoratori e popoli di fronte all’assalto di questo brutale sistema di oppressione e sfruttamento. Particolarmente cinica e perversa è la campagna per cercare, in nome della giusta condanna della crudele persecuzione nazista nei confronti degli ebrei, di giustificare i crimini del regime sionista israeliano contro il popolo palestinese e l’occupazione violenta e illegale dei territori palestinesi.

In un momento in cui l’umanità si trova di nuovo di fronte alla minaccia del fascismo e della guerra, il PCP, alzando lo stendardo della pace e della verità, della lotta contro le menzogne ??e la falsificazione storica, contro il fascismo e la guerra, fa appello alla coscienza e alla mobilitazione dei democratici e degli antifascisti perché mai più si ripetano Auschwitz e gli orrori del nazifascismo e della guerra.

Nota dell’Ufficio Stampa del Partito Comunista Portoghese

da http://www.pcp.pt

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-75_anni_fa_larmata_rossa_liberava_auschwitz/82_32898/