Snowden: Chelsea Manning ha mostrato “forza morale” scegliendo la prigione

La decisione di Chelsea Manning di stare in prigione piuttosto che cooperare alle accuse contro WikiLeaks da parte del governo degli Stati Uniti è una testimonianza del suo carattere e dei suoi principi incrollabili, ha scritto Edward Snowden, ex analista della NSA

Commentando la libertà appena conquistata di Manning, Snowden ha osservato che l’ex analista dell’esercito era stata “buttata in una prigione” dagli Stati Uniti per essersi rifiutata di lavorare con il governo per criminalizzare la pubblicazione di materiali classificati.

Si sono offerti di lasciarla uscire in cambio di collaborazione, ma ha scelto i suoi principi.

Per Snowden, la riluttanza di Manning a scambiare la sua libertà con le sue convinzioni è stata la dimostrazione finale di “forza morale”.

The government cast Manning into a dungeon for resisting a scheme to make publishers of news subject to the Espionage Act. They offered to let her out in exchange for collaboration, but she chose her principles instead.

That is moral strength.@xychelsea https://t.co/zmlG0ksTnV
— Edward Snowden (@Snowden) March 13, 2020

Manning è stato rilasciata ieri dopo aver trascorso quasi un anno in detenzione per aver rifiutato di collaborare con un’indagine di una giuria federale su WikiLeaks. Il suo ordine di rilascio è arrivato poco dopo che il suo team legale aveva rivelato che era stata ricoverata in ospedale dopo aver tentato di togliersi la vita. Sebbene non fosse più rinchiuso in una struttura di detenzione in Virginia, Manning deve ancora pagare più di $ 250.000 per essersi rifiutata di collaborare all’inchiesta.

L’ex analista dell’esercito è divenuta un nome familiare dopo aver rivelato centinaia di migliaia di documenti e file relativi alle guerre statunitensi in Iraq e Afghanistan. È stata dichiarata colpevole nel 2013 di spionaggio e ha trascorso quattro anni in prigione prima che la sua condanna fosse commutata nel 2017.

La decisione di rilasciare Manning coincide con un’altra battaglia legale: il co-fondatore di WikiLeaks Julian Assange sta attualmente combattendo contro l’estradizione negli Stati Uniti. L’Editore potrebbe passare il resto della sua vita in una prigione degli Stati Uniti se il tribunale del Regno Unito sentenzierà a favore dell’estradizione negli USA.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-snowden_chelsea_manning_ha_mostrato_forza_morale_scegliendo_la_prigione_piuttosto_che_la_collaborazione_con_il_governo_degli_stati_uniti/82_33586/