Le truppe ucraine attaccano la centrale nucleare di Zaporozhye con armi NATO prodotte in USA

Le forze ucraine hanno nuovamente aperto il fuoco sulla centrale nucleare di Zaporozhye sabato usando armi fornite dall’Occidente, ma le strutture critiche non sono state danneggiate nell’attacco, ha detto l’amministrazione civile-militare della città di Energodar, sede della NPP.

“Le forze punitive di Kiev hanno aperto il fuoco sulla centrale nucleare di Zaporozhye e sulla periferia di Energodar”, ha scritto l’amministrazione sul suo canale Telegram. “Sono stati registrati attacchi di artiglieria sull’area della centrale nucleare di Zaporozhye”.

“Secondo i rapporti ricevuti, per l’attacco sono state utilizzate armi occidentali a lungo raggio. L’incendio proveniva dalla riva opposta del fiume Dnepr. I proiettili sono esplosi molto vicino a uno degli edifici amministrativi. Le strutture critiche dell’impianto non sono state danneggiate”, ha detto l’amministrazione civile-militare.

Non ci sono segnalazioni immediate di vittime tra i dipendenti dello stabilimento.

Nel frattempo, Vladimir Rogov, membro del consiglio principale dell’amministrazione civile-militare della regione di Zaporozhye, ha scritto sul suo canale Telegram che le forze armate ucraine avevano aperto il fuoco alla periferia di Energodar dopo un attacco di artiglieria sulla centrale nucleare.

“Subito dopo l’attacco dell’artiglieria sulla centrale nucleare di Zaporozhye, i militanti di [il presidente ucraino Vladimir] Zelensky hanno aperto il fuoco sulla periferia di Energodar”, ha scritto. “Le informazioni sulle vittime e sui danni alle infrastrutture civili sono in fase di chiarimento. I servizi di emergenza della città stanno prontamente raccogliendo informazioni e sono pronti a fornire assistenza alle persone ferite”.

La centrale nucleare di Zaporozhye, situata nella città di Energodar, è sotto il controllo delle truppe russe. Negli ultimi giorni, le forze ucraine hanno condotto diversi attacchi sull’impianto, utilizzando droni, artiglieria pesante e lanciarazzi multipli. Nella maggior parte dei casi, gli attacchi sono stati respinti dai sistemi di difesa aerea, ma alcuni proiettili hanno colpito l’infrastruttura dell’impianto e l’area dell’impianto di stoccaggio delle scorie nucleari.

Colpi di artiglieria da 155 mm

L’attacco alla centrale nucleare di Zaporozhye è stato effettuato con munizioni da 155 mm standard NATO dotate di micce prodotte negli Stati Uniti, ha scritto sabato l’amministrazione civile-militare della città di Energodar sul suo canale Telegram.

“L’attacco è stato condotto con l’uso di proiettili da 155 mm standard della NATO dotati di fusibili statunitensi M739”, dice il post aggiungendo che i proiettili sono atterrati nei locali della centrale nucleare.

Le strutture critiche dell’impianto non sono state danneggiate nell’attacco. Dopo aver condotto un attacco di artiglieria sulla centrale nucleare, le forze armate ucraine hanno aperto il fuoco alla periferia di Energodar.

La centrale nucleare di Zaporozhye, situata nella città di Energodar, è sotto il controllo delle truppe russe. Negli ultimi giorni, le forze ucraine hanno condotto diversi attacchi sull’impianto, utilizzando droni, artiglieria pesante e lanciarazzi multipli. Nella maggior parte dei casi, gli attacchi sono stati respinti dai sistemi di difesa aerea, ma alcuni proiettili hanno colpito l’infrastruttura dell’impianto e l’area dell’impianto di stoccaggio delle scorie nucleari. Giovedì, Alexander Volga, capo dell’amministrazione civile-militare di Energodar, ha dichiarato che tutti i servizi sono stati messi in allerta in caso di provocazioni da parte delle forze ucraine nella centrale nucleare.

MELITOPOL, 20 agosto. /TASS/

Le truppe ucraine aprono il fuoco sulla centrale nucleare di Zaporozhye, le strutture critiche non sono danneggiate – autorità – Mondo – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi