Il rapporto sulle violazioni dei diritti umani in Medio Oriente denuncia la barbarie, la crudeltà e l’ipocrisia degli USA

La China Society for Human Rights Studies (CSHRS) ha pubblicato martedì un rapporto, rivelando una serie di crimini commessi dagli Stati Uniti in Medio Oriente e nelle aree circostanti che hanno gravemente violato i diritti umani fondamentali delle persone e causato danni permanenti e perdite irreparabili ai paesi e alle persone nelle regioni.

Il rapporto, che precede il primo anniversario del frettoloso ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan, che è stato lasciato con una terribile crisi umanitaria, mostra che poiché la natura dell’egemonia americana e la barbarie, la crudeltà e la perniciosità della loro politica di potere sono state completamente smascherate, i popoli del mondo avrebbero una migliore comprensione dell’ipocrisia e dell’inganno della democrazia americana e dei diritti umani americani.

Intitolato “Gli Stati Uniti commettono gravi crimini di violazione dei diritti umani in Medio Oriente e oltre”, il rapporto si concentra sulle sistematiche violazioni dei diritti umani da parte di Washington, tra cui il lancio di guerre, il massacro di civili e il danneggiamento del diritto alla vita e alla sopravvivenza; trasformazione forzata, sanzioni unilaterali, grave violazione dei diritti delle persone allo sviluppo, alla vita e alla salute; creando uno “scontro di civiltà” e abusando della prigionia e della tortura, violando la libertà di religione e la dignità umana.

Il rapporto afferma che gli Stati Uniti hanno commesso crimini di guerra, crimini contro l’umanità, detenzione arbitraria, tortura dei prigionieri e sanzioni unilaterali indiscriminate in Medio Oriente e nelle aree circostanti.

È una pratica abituale della superpotenza come gli Stati Uniti condurre azioni crudeli unilaterali, tra cui il lancio di guerre e l’imposizione di sanzioni, per affrontare i suoi conflitti con paesi e regioni straniere, chang Jian, professore e direttore del Centro per lo studio dei diritti umani presso l’Università di Nankai, ha detto al Global Times martedì.

Sotto le mentite spoglie della democrazia e dei diritti umani, la vera intenzione delle azioni crudeli degli Stati Uniti contro paesi e regioni straniere è puramente quella di servire gli interessi dei loro gruppi di capitale nazionali e del suo complesso militare-industriale, ha osservato Chang.

Il punto di vista di Chang è stato sostenuto da Zhu Yongbiao, direttore del Center for Afghanistan Studies dell’Università di Lanzhou, poiché Zhu ha affermato che gli Stati Uniti hanno cercato di utilizzare il loro cosiddetto sistema democratico per riformare l’Afghanistan e hanno abbandonato il paese quando la riforma è fallita, e l’Afghanistan ha perso il suo valore, con un totale disprezzo per le questioni umanitarie più basilari.

Ha inoltre dimostrato che qualsiasi cosa facciano gli Stati Uniti è destinata solo a servire i propri interessi, ha osservato Zhu.

Gli Stati Uniti non solo hanno radunato i loro alleati per lanciare la guerra del Golfo (1990-1991), la guerra in Afghanistan (2001-2021), la guerra in Iraq (2003-2011) e così via, ma sono stati anche profondamente coinvolti nella guerra libica e nella guerra siriana, creando disastri umanitari raramente visti nel mondo. Gli Stati Uniti guerrafondai hanno causato danni diretti, gravi e duraturi ai diritti della popolazione locale alla vita e alla sopravvivenza, afferma il rapporto.

Quasi un anno dopo il ritiro delle truppe statunitensi, l’Afghanistan ha ora il più alto numero di persone in insicurezza alimentare nel mondo, con oltre 23 milioni di persone che hanno bisogno di assistenza e circa il 95% della popolazione che ha cibo insufficiente, secondo il sito web delle Nazioni Unite.

Di particolare preoccupazione è la vulnerabilità di oltre 4 milioni di sfollati interni

Gli Stati Uniti affermano di essere il faro dei diritti umani, ma in realtà stanno violando gravemente i diritti del popolo afghano alla vita e alla proprietà. La sua protezione dei diritti umani è esclusiva di un piccolo gruppo di persone, e questo è stato dimostrato anche da gravi disuguaglianze tra le diverse nazionalità e dal problema del razzismo negli Stati Uniti, ha osservato Chang.

Gli Stati Uniti sono anche molto bravi a spostare l’attenzione del pubblico. Quasi un anno dopo il ritiro delle truppe dall’Afghanistan, il paese ha spostato con successo l’attenzione della comunità internazionale cercando di passare la responsabilità a Cina e Russia, poi alimentando le fiamme della crisi Russia-Ucraina che ha portato a conflitti militari tra i due e ora provocando sulla questione di Taiwan, hanno avvertito gli osservatori.

Quello che possiamo fare è continuare a chiedere alla società internazionale di prestare attenzione alle crisi umanitarie in Afghanistan e in Medio Oriente, e continuare a sollecitare gli Stati Uniti ad assumersi le proprie responsabilità, hanno detto gli esperti.

Alla 50a sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite tenutasi a giugno, un rappresentante della missione cinese presso le Nazioni Unite a Ginevra ha sottolineato che gli Stati Uniti dovrebbero essere ritenuti responsabili dell’attuale situazione in Afghanistan e dovrebbero adottare misure significative per compensare il popolo afghano per le sue sofferenze.

A febbraio, il Global Times ha lanciato una petizione online chiedendo che gli Stati Uniti restituiscano il denaro salvavita agli afghani incondizionatamente dopo che gli Stati Uniti hanno rilasciato un piano per sbloccare il denaro dalla banca centrale afghana ma usarlo per le esigenze degli Stati Uniti, il che ha irritato la comunità internazionale. La petizione ha raccolto più di 420.000 firme.

Un altro sondaggio online lanciato dal Global Times a luglio che chiede agli intervistati se il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite dovrebbe condurre un’indagine sul campo sulle violazioni dei diritti umani negli Stati Uniti ha attirato più di 50.000 partecipanti al momento della stampa, con oltre l’80% a sostegno della proposta.

Leng Shumei (Global Times)

Ago 09, 2022

Il rapporto sulle violazioni dei diritti umani in Medio Oriente denuncia la barbarie, la crudeltà e l’ipocrisia degli Stati Uniti – Global Times

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi