Cina: “In Afghanistan gli USA hanno voluto imporre la loro egemonia”

(traduzione automatica, ci scusiamo per eventuali errori)‎

Il punto di partenza dell’intuizione della Cina sul “momento di Kabul” è che gli Stati Uniti stanno cercando di imporre lo stesso modello egemonico fallito all’Asia-Pacifico che in precedenza hanno tentato di imporre in Eurasia. La retorica sulla “democrazia”, i “diritti umani” e l'”ordine basato sulle regole” non è altro che una cortina fumogena per mascherare la sua agenda unipolare che viene spinta a spese di tutti gli altri e mira a destabilizzare la loro regione.‎

‎Al portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin è stato chiesto lunedì quello che CCTV ha descritto come il “momento di Kabul”, che si riferisce ai talebani che riprendono il controllo della capitale afghana il 15 agosto 2021 senza sparare colpi. Ciò è avvenuto simbolicamente prima del completo ritiro di quelle forze occidentali che avevano occupato questo stato geostrategicamente posizionato negli ultimi due decenni. Le immagini che hanno accompagnato quel momento da allora sono arrivate a rappresentare in modo infame il fallimento di quella guerra guidata dagli Stati Uniti.‎

‎Il diplomatico ha risposto condividendo alcune informazioni utili. ‎‎ ‎‎Nelle sue parole‎‎, “Il ‘momento di Kabul’ segna il fallimento della ‘trasformazione democratica’ imposta dagli Stati Uniti”, che ha detto non può mai essere imposta da forze straniere, per non parlare di obiettivi ideologicamente guidati che contraddicono la cultura e la storia della società presa di mira. Wang ha poi aggiunto che il pretesto degli Stati Uniti che invadono altri paesi per diffondere “democrazia” e proteggere i “diritti umani” è stato definitivamente screditato.‎

‎Tuttavia, ha predetto che altri “momenti di Kabul” potrebbero essere inevitabili fino a quando gli Stati Uniti si rifiuteranno di imparare la lezione dall’Afghanistan. La valutazione professionale di questo diplomatico è che “gli Stati Uniti non hanno mai smesso di impegnarsi in interferenze e manipolazioni politiche in tutto il mondo in nome della democrazia e dei diritti umani. Ha persino cercato di costruire ‘piccoli cerchi’ in ambito economico e tecnologico”. L’ultima parte è presumibilmente in riferimento alla coalizione anti-cinese che gli Stati Uniti stanno tentando di assemblare.‎

‎In particolare, l’alleanza AUKUS dello scorso settembre tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti è considerata dalla maggior parte degli esperti come uno degli sviluppi più destabilizzanti a livello regionale degli ultimi decenni. È particolarmente preoccupante dal momento che comporta la condivisione di tecnologia nucleare in violazione del Trattato di non proliferazione, portando così a temere che i membri anglo-americani di questa troika possano un giorno aiutare il loro partner australiano a sviluppare segretamente armi nucleari nello scenario peggiore.‎

‎L’aspetto economico di questa tendenza più ampia riguarda vari programmi che gli Stati Uniti hanno svelato negli ultimi anni, che condividono tutti la comunanza di essere blocchi chiusi destinati a contrastare ciò che Washington considera erroneamente come “influenza destabilizzante” di Pechino. La realtà è che le dozzine di paesi che cooperano con la Cina attraverso la Belt & Road Initiative (BRI) hanno governi universalmente riconosciuti che hanno volontariamente deciso di entrare in una cooperazione reciprocamente vantaggiosa con essa.‎

‎Al contrario, queste strutture emergenti guidate dagli Stati Uniti si basano su paesi che sono già antagonisti alla Cina come l’Australia è stata recentemente manipolata dall’America per diventare o costringere i potenziali membri ad aderire sotto la minaccia implicita delle conseguenze della guerra dell’informazione se rifiutano. Alcuni relativamente più piccoli e medi non hanno la fiducia per rifiutare questo bullismo, specialmente se gli Stati Uniti sono riusciti a influenzarli attraverso mezzi neo-coloniali.‎

‎In questo contesto, è chiaro che altri “momenti di Kabul” potrebbero verificarsi nel prossimo futuro, anche se nell’Asia-Pacifico invece che in Eurasia considerando il fatto che il primo menzionato viene trasformato dagli Stati Uniti in un teatro di competizione con la Cina contro la volontà dei paesi regionali. Proprio come in Afghanistan, gli Stati Uniti stanno cercando di far avanzare i loro interessi egemonici unipolari con il falso pretesto di diffondere la “democrazia” e sostenere i “diritti umani” attraverso la retorica sull'”ordine basato sulle regole”.‎

‎Questa frase non è altro che l’ultimo punto di propaganda inteso a implicare che tutti gli stati regionali devono concedere unilateralmente i loro interessi nazionali oggettivi rispettando le richieste degli Stati Uniti poiché questa è presumibilmente un’alternativa migliore che sottoporsi alla presunta “egemonia” della Cina. La verità, tuttavia, è che la Cina ha costantemente combattuto contro l’egemonia ovunque si trovi e indipendentemente da chiunque stia tentando di imporla sin dalla fondazione della Repubblica popolare nel 1949.‎

‎Essendo il più grande paese in via di sviluppo del mondo, la Cina ha la responsabilità nei confronti dei suoi pari in tutto il Sud del mondo di aiutarli a seguire le sue orme facilitando la loro piena liberazione dal giogo neo-coloniale dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti. La BRI è il mezzo per questo fine poiché incarna una cooperazione economica reciprocamente vantaggiosa e sostenibile senza alcun vincolo, a differenza di quelli che vengono sempre con gli “aiuti” americani, che è solo un eufemismo per comprare élite corrotte e / o espandere clandestinamente la sua influenza.‎

‎Il punto di partenza dell’intuizione della Cina sul “momento di Kabul” è che gli Stati Uniti stanno cercando di imporre lo stesso modello egemonico fallito all’Asia-Pacifico che in precedenza hanno tentato di imporre in Eurasia. La retorica sulla “democrazia”, i “diritti umani” e l'”ordine basato sulle regole” non è altro che una cortina fumogena per mascherare la sua agenda unipolare che viene spinta a spese di tutti gli altri e mira a destabilizzare la loro regione. Proprio come in Afghanistan, tuttavia, anche gli Stati Uniti sono destinati a fallire nell’Asia-Pacifico.‎

Andrew Korybko

18/08/2022

(traduzione automatica, ci scusiamo per eventuali errori)‎

China’s Insight Into The “Kabul Moment” Is Worth Considering (substack.com)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi