Il Sudafrica merita elogi per la sua politica estera neutrale nella nuova guerra fredda

Andrew Korybko – 03/09/2022 (traduzione automatica)

South Africa Deserves Praise For Its Neutral Foreign Policy In The New Cold War (substack.com)

Il Sudafrica ha dimostrato di essere davvero un grande paese con una politica estera indipendente che mantiene sempre aperte le sue opzioni e non le chiude mai a nessuno.

Il Sudafrica, membro dei BRICS, pratica una politica di neutralità di principio nei confronti del conflitto ucraino in cui non sostiene né si oppone a nessuno dei combattenti. Invece, proprio come la stragrande maggioranza dell’umanità nel resto del Sud del mondo, è interessata a mantenere relazioni positive con Mosca e Kiev. A tal fine, il Sudafrica rispetta rigorosamente il diritto internazionale sancito dalla Carta delle Nazioni Unite e quindi non ha sanzionato la Russia come richiesto dagli Stati Uniti, nonostante le enormi pressioni per farlo.

Il ministro delle relazioni internazionali e della cooperazione Nalendi Pandor lo ha chiarito ospitando il suo omologo statunitense Antony Blinken all’inizio di agosto. Pur negando che lui stesso l’abbia mai messa personalmente sotto pressione, ha tuttavia insinuato che altri funzionari americani probabilmente lo hanno fatto ad un certo punto quando hanno detto che “una cosa che sicuramente non mi piace è sentirsi dire ‘o scegli questo o altro’. … Sicuramente non sarò vittima di bullismo in quel modo, né mi aspetterei che qualsiasi altro paese africano accetti di essere trattato”.

Poco dopo, il ministro della Difesa Thandi Modise ha visitato Mosca per partecipare alla sua conferenza annuale sulla sicurezza internazionale. Alcuni media locali nel suo paese hanno fatto un gran chiasso sul suo viaggio, proprio come hanno fatto quando si è trattato dell’orgogliosa dichiarazione di Pandor che né lei né nessuna delle sue controparti africane degne del loro sale accetteranno mai di essere vittime di bullismo, ma ciò non ha deviato dall’importanza di questa visita rispetto alla riaffermazione della neutralità di principio del Sudafrica.

Questa politica sta per essere ulteriormente rafforzata dal presidente Cyril Ramaphosa che si recherà a Washington per incontrare il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a metà di questo mese. Al Jazeera ha riferito che i due leader dovrebbero discutere di commercio, investimenti, infrastrutture e altre forme di cooperazione reciprocamente vantaggiosa durante quel periodo. La visita programmata di Ramaphosa scredita indiscutibilmente quei critici malintenzionati e insinceri che in precedenza hanno affermato che i suoi ministri di cui sopra sostengono la Russia rispetto agli Stati Uniti.

La realtà è molto più sfumata dal momento che il Sudafrica, proprio come ogni stato del Sud del mondo coinvolto nella Nuova Guerra Fredda e in particolare quelli in tutta l’Africa, preferirebbe non essere mai stato messo sotto pressione dal Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti per schierarsi nell’ultima fase provocata dagli americani del conflitto ucraino. La “Strategia verso l’Africa sub-sahariana” di Washington, recentemente svelata, rende ovvio che gli Stati Uniti sono in competizione con la Russia e la Cina, nonostante il suo ambasciatore delle Nazioni Unite lo neghi ridicolmente.

L’America mira a soggiogare quelle diverse dozzine di stati sotto la sua egemonia unipolare in declino al fine di ritardare indefinitamente la transizione sistemica globale verso il multipolarismo. Al contrario, la Russia aspira ad aiutarli a completare pienamente i loro processi di decolonizzazione secondo il ministro degli Esteri Sergey Lavrov, la cui promessa ha seguito il presidente Vladimir Putin svelando il suo manifesto rivoluzionario globale per ispirare il Sud del mondo a riunirsi per liberarsi dal giogo neo-imperiale dell’Occidente.

È ovvio con quale di queste due visioni i leader africani siano d’accordo, ma detto questo, abbracciare il multipolarismo non significa automaticamente rifiutare la cooperazione con i paesi del Golden Billion. Al contrario, la migliore politica dal punto di vista della scuola realista della teoria delle relazioni internazionali è che gli stati bilancino idealmente tra il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud globale guidato dai BRICS secondo il precedente dell’India, che è esattamente ciò che il Sudafrica sta cercando di fare.

Pretoria condivide la visione dei suoi partner BRICS di riformare gradualmente le relazioni internazionali (con un focus prioritario sulle dimensioni economico-finanziarie) in modo che i legami tra gli Stati possano diventare più uguali, equi e giusti, ma comprende anche che i benefici reciproci possono derivare dalla cooperazione con l’altro “blocco” (per mancanza di una parola migliore) purché ciò avvenga in condizioni uguali e rispettose. Washington non merita il beneficio del dubbio, ma il giudizio di Pretoria ha un peso cruciale.

Di conseguenza, l’imminente incontro del presidente Ramaphosa con Biden suggerisce fortemente che gli Stati Uniti prevedono di offrire al Sudafrica condizioni piuttosto interessanti per espandere la cooperazione, quindi perché questo indaffarato leader del Sud globale si prenderebbe del tempo per discutere le questioni con la sua controparte americana. Questa osservazione non implica che gli Stati Uniti abbiano abbandonato il loro “bastone” di fare pressione su coloro che si rifiutano di capitolare alle loro richieste anti-russe, solo che potrebbero sperimentare la “carota” anche ora.

Nessun paese dovrebbe mai rifiutarsi di discutere proposte di cooperazione reciprocamente vantaggiose con nessuno, quindi perché il Sudafrica sta dando all’America la sua attenzione. Anche se non si concorda nulla di significativo, l’incontro tra i loro due leader invia comunque un segnale positivo da Pretoria che la sua leadership è abbastanza pragmatica e neutrale da non escludere mai colloqui con nessuno, il che integra il segnale che il suo ministro della Difesa ha inviato quando ha visitato Mosca il mese scorso.

Questa politica merita elogi perché solo i paesi fiduciosi, stabili e forti possono praticarla con successo. Coloro che mancano di fiducia, stabilità e forza sono facilmente manipolati dall’egemone unipolare in declino nel concedere unilateralmente su questioni di interesse nazionale oggettivo come le loro relazioni bilaterali con chiunque esso sia. Il Sudafrica ha dimostrato di essere davvero un grande paese con una politica estera indipendente che mantiene sempre aperte le sue opzioni e non le chiude mai a nessuno.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi