Lavrov ha spiegato perché gli USA non sono riusciti ad imporre all’India le sanzioni contro la Russia

Andrew Korybko – 03/09/2022 (traduzione automatica)

Lavrov Explained Why The US Hasn’t Successfully Pressured India Into Sanctioning Russia (substack.com)

Il fallimento della campagna di pressione degli Stati Uniti contro l’India è istruttivo perché serve da esempio del perché i suoi sforzi correlati contro altri grandi paesi non hanno avuto successo.

Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha tenuto un discorso giovedì agli studenti dell’Istituto statale di relazioni internazionali di Mosca, più comunemente noto con la sua abbreviazione russa come MGIMO e gestito dal Ministero degli Esteri russo, per salutare l’inizio dell’anno accademico. È stato di ampio respiro e ha incluso anche una sessione dettagliata di domande e risposte, durante la quale ha spiegato perché gli Stati Uniti non hanno fatto pressione con successo sull’India e su altri importanti paesi come Cina, Egitto e Indonesia per sanzionare la Russia. Secondo Sergey Lavrov:

“L’Occidente dice ora che dovrebbe costringere il mondo intero a smettere di cooperare con la Russia e a imporre sanzioni. Sarebbe una questione diversa se lo facessero in silenzio, ma questo è il loro progetto domestico, ne sono così orgogliosi che fanno dichiarazioni pubbliche nel senso che chiedono che alcuni paesi introducano sanzioni anti-russe o saranno puniti.

Dal punto di vista del buon senso, per non parlare della diplomazia, come si possono fare dichiarazioni pubbliche così arroganti nei confronti di paesi come l’India, la Cina, la Turchia, l’Egitto o l’Indonesia? Quando questi paesi sono minacciati pubblicamente, nessuno capisce che queste civiltà hanno la loro dignità e il rispetto di sé?

E’ offensivo sentire tali richieste. Anche se fosse stato detto in privato, sarebbe stato comunque un atto contro le buone maniere. Quando ai grandi stati viene detto che devono fare qualcosa su ordine di qualcuno dall’altra parte dell’oceano, posso solo immaginare quale danno a lungo termine possa infliggere alle relazioni con coloro che stanno cercando di imporre la loro volontà.

In parole povere, questa politica aggressiva era destinata a fallire una volta che gli Stati Uniti hanno deciso di fare pubblicamente tali richieste a quei paesi poiché non c’è modo che le loro leadership multipolari e che si rispettino possano mai mostrare al loro popolo che hanno capitolato a una potenza straniera dall’altra parte del mondo. Sarebbe ancora fallito se quei diktat fossero stati fatti a porte chiuse, ma almeno le relazioni bilaterali non avrebbero sofferto come hanno chiaramente fatto nel caso di quelle indiane-americane, specialmente dopo che il portavoce del Dipartimento di Stato Price ha dichiarato che gli Stati Uniti continueranno a intromettersi nella politica estera indiana.

Dal momento che l’India è stata oggetto della domanda che è stata posta a Lavrov, è anche importante riassumere alcune delle sue altre intuizioni. Il ministro degli Esteri russo ha riaffermato il posto chiave dell’India nella grande strategia russa e ha dedicato alcune parole sull’evoluzione della loro speciale e privilegiata partnership strategica.

I loro legami sono completi, reciprocamente vantaggiosi e sempre più forti, ed è proprio per questo che si è sentito a suo agio affermando con sicurezza che “l’India non vuole aderire alle sanzioni. I leader indiani, tra cui il mio collega, il ministro degli Esteri, hanno respinto pubblicamente tutti i tentativi di coinvolgerli nelle restrizioni all’acquisto di energia russa. Hanno detto chiaramente che agiranno in linea con i propri interessi”. Dal punto di vista dell’India, la Russia è l’ancora eurasiatica della sua grande strategia a doppia tripolarità, la cui dipendenza potenzialmente sproporzionata dalla Cina deve essere preventivamente evitata a tutti i costi.

Questo spiega perché Delhi è intervenuta in modo decisivo dopo che l’ultima fase provocata dagli Stati Uniti del conflitto ucraino è iniziata sei mesi fa a diventare la valvola insostituibile di Mosca dalla pressione occidentale in modo che non rischiasse di entrare in una relazione così sbilanciata con Pechino. Lavrov ha anche detto che “C’è stato un recente articolo di uno scienziato politico ed economista indiano che spiega perché l’India non aderirà alle sanzioni americane. Dice che non è solo una questione di interessi economici, ma anche della storia condivisa di Russia e India, e del profondo rispetto che l’India ha per il ruolo che la Russia ha svolto nella lotta per l’indipendenza dell’India e nello sviluppo della propria economia.

Il profondo rispetto che l’articolo citato tocca è un riferimento all’elemento emotivo del partenariato strategico russo-indiano, che è alla base della sua esistenza decennale e ne assicura il successo futuro nonostante qualsiasi disaccordo possa sorgere nella loro relazione. A proposito di questi, l’ambasciatore indiano in Russia ha detto a Sputnik a metà agosto che sono sempre risolti in modo discreto, il che può essere interpretato come tacitamente in contrasto con il metodo preferito dagli Stati Uniti di drammatizzare pubblicamente i loro disaccordi, specialmente sulla Russia.

Il fallimento della campagna di pressione degli Stati Uniti contro l’India è istruttivo perché serve da esempio del perché i suoi sforzi correlati contro altri grandi paesi non hanno avuto successo. Quei grandi paesi che sta aggressivamente tentando di costringere a sanzionare la Russia hanno legittime ragioni strategiche per cui si sono rifiutati di capitolare alle richieste di questo egemone unipolare in declino. Sono tutti a sostegno della transizione sistemica globale verso il multipolarismo, che considerano irreversibile, quindi perché non ha senso dal loro punto di vista schierarsi con gli Stati Uniti contro la Russia.

Non solo, ma ognuno di loro ha anche i propri interessi economici da considerare, anche quelli che non si riferiscono direttamente alla Russia. Ad esempio, soddisfare le richieste degli Stati Uniti contro la Russia invierebbe un segnale preoccupante alla Cina, la cui influenza globale è molto più potente in virtù della sua ineguagliabile forza economica. La Repubblica popolare potrebbe quindi giustamente considerare lo Stato in questione come un nuovo vassallo americano, che a sua volta potrebbe peggiorare le loro relazioni bilaterali poiché Pechino avrebbe motivo di non fidarsi che i loro legami rimarranno al di fuori dell’influenza di terzi come gli Stati Uniti.

Proprio come l’India, ognuno di quegli altri paesi che Lavrov ha menzionato nel suo esempio gode anche di legami storici con la Russia, anche se in misura diversa che si sono manifestati in modi diversi nel corso dei decenni. Che la Grande Potenza Eurasiatica sia quindi genuinamente popolare nelle loro società, quindi andare contro di essa senza alcuna ragione solo per compiacere un egemone unipolare in declino dall’altra parte del mondo potrebbe spingere i loro cittadini a indovinare la saggezza politica dei loro leader e quindi la loro indipendenza generale. Come tale, è molto meglio dal loro punto di vista politico interno non “scuotere inutilmente la barca”.

Complessivamente, gli Stati Uniti non hanno fatto pressione con successo su India, Cina, Egitto, Indonesia e molti altri importanti paesi per sanzionare la Russia per diverse ragioni, ma soprattutto perché hanno cercato di umiliare pubblicamente le loro leadership a concedere unilateralmente su una questione molto delicata che considerano nei loro interessi nazionali oggettivi. Questo ha condannato quella politica al fallimento, ma non avrebbe comunque dato i suoi frutti anche se fosse stata perseguita esclusivamente a porte chiuse, poiché anche suggerire quanto avrebbe macchiato le loro relazioni bilaterali per gli anni a venire. Ahimè, gli Stati Uniti devono ancora imparare queste lezioni molto ovvie.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi