Direttore Rosatom: “La Russia è pronta a continuare i colloqui per stabilire una zona di sicurezza attorno a ZNPP”

VIENNA, 26 settembre. /TASS/.

La Russia è pronta a continuare i colloqui per stabilire una zona di sicurezza attorno a ZNPP – Capo Rosatom – Politica e diplomazia russa – TASS

 

La Russia è pronta a continuare i colloqui per stabilire una zona di sicurezza intorno alla centrale nucleare di Zaporozhye e si aspetta un approccio non politicizzato dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica, ha detto Alexey Likhachev, direttore generale di Rosatom (azienda pubblica russa attiva nel settore dell’energia nucleare, ndr).

“Siamo pronti per la cooperazione sugli aspetti tecnici della zona di protezione e sulla sicurezza nucleare fisica della centrale nucleare di Zaporozhye. Siamo pronti a concordare la sua istituzione il più rapidamente possibile”, ha detto alla 66a sessione della Conferenza generale dell’AIEA.

Ha detto durante il suo discorso che, “nonostante un livello senza precedenti di politicizzazione nelle attività di un certo numero di organizzazioni internazionali”, così come “i tentativi da parte di un certo numero di Stati membri di trasformare l’agenzia in una piattaforma per promuovere posizioni politiche”, l’AIEA rimane all’interno del suo mandato professionale. “È importante che l’AIEA mantenga questo approccio professionale e non politicizzato”, ha affermato.

Il capo di Rosatom ha ricordato che la Russia fin dall’inizio ha sostenuto gli sforzi dell’AIEA e del suo direttore generale per inviare una missione allo ZNPP. Ad esempio, è stato fatto tutto il possibile per garantire che la visita degli esperti si svolgesse a giugno, “ma poi il viaggio è stato interrotto non per nostre colpe”, e l’assistenza attiva è stata fornita anche all’invio della missione a fine agosto – inizio settembre.

“Riconosco il coraggio personale dei membri della missione e del capo dell’agenzia, Rafael Grossi”, ha detto.

“Accogliamo con favore la presenza di due dipendenti dell’agenzia su base continuativa. Questa decisione aiuta a dissipare numerose speculazioni sulla situazione allo ZNPP. Siamo in contatto con i nostri colleghi e stiamo garantendo la loro sicurezza, nonché condizioni di lavoro e di vita adeguate. Naturalmente, non stiamo interferendo nel loro lavoro sostanziale “, ha detto Likhachev.

Situazione allo ZNPP

Il 21 settembre, Grossi ha dichiarato di aver tenuto una serie di incontri a margine della 77a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tra cui con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba, nonché con il presidente francese Emmanuel Macron, dove ha discusso la creazione di una zona di sicurezza intorno alla centrale nucleare di Zaporozhye. Grossi ha anche tenuto incontri con il primo ministro ucraino Denis Shmygal e l’alto diplomatico dell’UE Josep Borrell. Inoltre, il capo dell’AIEA ha affermato che l’agenzia intende espandere la missione presso la centrale nucleare di Zaporozhye nei prossimi giorni. Secondo Grossi, la missione allo ZNPP sta funzionando bene, nonostante le difficili circostanze.

La centrale nucleare di Zaporozhye, situata nella città di Energodar, è controllata dalle truppe russe. Una delegazione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica guidata dal direttore generale del gruppo Rafael Mariano Grossi si è recata all’impianto a settembre. Ha lasciato due osservatori presso la struttura, quindi ha pubblicato un rapporto che chiede l’istituzione di una zona di sicurezza intorno all’impianto per prevenire incidenti che potrebbero sorgere a causa delle ostilità.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi