Secondo la Russia il Pakistan è colluso con gli Stati Uniti per ricattare i talebani

Andrew Korybko – 04/11/2022 (traduzione automatica)

Russia Implied That Pakistan Is Colluding With The US To Blackmail The Taliban (substack.com)

 

Il risultato di questa politica machiavellica è che la sicurezza regionale è messa a repentaglio di conseguenza, il che a sua volta mette in pericolo gli interessi oggettivi del Pakistan anche se la sua élite catturata dagli Stati Uniti non se ne rende ancora conto. Speriamo che elementi patriottici all’interno dell’establishment riescano a invertire queste politiche controproducenti prima che sia troppo tardi.

L’inviato speciale presidenziale russo per l’Afghanistan Zamir Kabulov ha sollevato le sopracciglia all’inizio di questa settimana in un articolo che ha pubblicato su Nezavisimaya Gazeta sul paese devastato dalla guerra in cui è specializzato. Secondo lui, “Gli americani stanno apertamente ricattando i leader talebani, minacciandoli con un attacco di droni e costringendoli a prendere le distanze dalla Russia e dalla Cina (in questo caso, chiedono che Kabul si astenga dal limitare le attività dei militanti uiguri con sede in Afghanistan dal cosiddetto Movimento islamico del Turkestan orientale, designato come organizzazione terroristica in Russia)”.

Non l’ha detto direttamente, ma questo influente politico russo ha fortemente implicato che il Pakistan è colluso con gli Stati Uniti rispetto allo schema di ricatto di questi ultimi contro i talebani. Dopotutto, gli attacchi dei droni che Kabulov ha detto che l’America sta tenendo sopra le teste di quel gruppo come una spada di Damocle per costringerli a fare i suoi ordini di politica estera sono credibili solo se ilregime golpista post-moderno del Pakistan – che ha appenatentato senza successo di assassinarel’ex primo ministro Imran Khan – continua almeno a “facilitare passivamente” quegli attacchi come èsospettato di fareall’inizio di agosto.

Dal loro punto di vista, ilpericoloso dilemma della sicurezzain cui il loro paese è attualmente coinvolto con i talebani potrebbe significare che “i fini giustificano i mezzi” per difendere gli interessi del Pakistan come li intendono essere. Questo è un punto giusto in linea di principio, ma in realtà tutto è molto diverso nella pratica considerando il contesto che Kabulov ha appena descritto. Innanzitutto, che il regime golpista post-moderno del Pakistan se ne renda conto o meno, questa spada di Damocle che stanno tenendo congiuntamente sulle teste dei talebani insieme al loro protettore statunitense minaccia gli interessi oggettivi della sicurezza nazionale della Cina.

Questa conclusione è dovuta al fatto che la Repubblica popolare si oppone fermamente all’ETIM, che considera giustamente un gruppo terroristico. Anche il Pakistan ha designato quell’organizzazione di conseguenza, ma colludendo con gli Stati Uniti per ricattare i talebani – anche se questo è guidato solo dal loro pericoloso dilemma di sicurezza e non con intenzioni anti-cinesi in mente – aiuta inavvertitamente quello stesso gruppo terroristico contribuendo alla pressione che Washington sta esercitando sui leader de facto dell’Afghanistan per “astenersi dal limitare” le attività terroristiche dell’ETIM lì.

Il secondo punto che dimostra che tutto non è così semplice come potrebbe sembrare è che la Russia è recentemente emersa comepartner geo-economico preferito dei talebani. Questa decisione è stata tacitamente presa da quel gruppo al fine di evitare preventivamente qualsiasi dipendenza potenzialmente sproporzionata dai loro partner pakistani con i quali ora stanno intensamente litigando a causa del loro pericoloso dilemma di sicurezza. Mosca non ha intenzione di ostacolare l’impegno geo-economico di Islamabad in questo stato strategicamente posizionato poichéle loro rispettive visioni sono complementari, ma il regime golpista post-moderno potrebbe ancora esserne geloso.

La rivalità fabbricata artificialmente che gli Stati Uniti stanno cospirando per far rivivere tra Russia e Pakistan sull’Afghanistan porta al punto finale su come l’America prevede che il suo vassallo dell’Asia meridionale recentemente restauratocatalizzerà il grande riorientamento strategico della regionein un modo che impedisce il multipolarismo. A tal fine, ha ricattato e / o corrotto i suoi delegati in quel regime post-moderno golpista per facilitare almeno “passivamente” i loro attacchi di droni in Afghanistan, l’ultimo dei quali la Russiatemevapeggiorasse la sicurezza regionale. Se questo accordo rimane in vigore, allora il Pakistan sarà responsabile di tutto ciò che accadrà.

La conseguente destabilizzazione del più ampio spazio asiatico centro-sud-occidentale che circonda l’Afghanistan peggiorerebbe anche gli interessi nazionali oggettivi del Pakistan, quindi perché è controproducente per la sua sicurezza continuare a “facilitare passivamente” gli attacchi dei droni degli Stati Uniti che Washington sta sfruttando per ricattare i talebani. Questa politica estremamente spericolata non è nemmeno popolare tra le masse pakistane, eppure viene promulgata comunque perché l’America ha catturato con successo la sua élite, compresi quelli all’interno del suo establishment che dovrebbero essere responsabili della difesa degli interessi del loro paese.

La tragedia che si sta svolgendo è che gli Stati Uniti stanno purtroppo facendo progressi nel trasformare il Pakistan dalla “cerniera dell’Eurasia” alla “Linea di faglia dell’Eurasia”, con l’ultima prova di ciò che è l’insinuazione di Kabulov che questo paese è colluso con l’America per ricattare i talebani. Il risultato di questa politica machiavellica è che la sicurezza regionale è messa a repentaglio di conseguenza, il che a sua volta mette in pericolo gli interessi oggettivi del Pakistan anche se la sua élite catturata dagli Stati Uniti non se ne rende ancora conto. Speriamo cheelementi patriottici all’interno dell’establishmentriescano a invertire queste politiche controproducenti prima che sia troppo tardi.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi