L’apertura degli USA all’APEC verso la Russia dimostra che Washington non è riuscita a isolare Mosca

Andrew Korybko – 12/12/2022

The US’ APEC Outreach To Russia Proves That Washington Failed To Isolate Moscow (substack.com)

 

Gli Stati Uniti hanno promulgato una politica di isolamento della Russia dalla comunità internazionale e dai relativi forum per tutto l’anno in corso da quando Mosca ha iniziato la sua operazione speciale in Ucraina. Questo approccio è completamente fallito, tuttavia, come evidenziato nientemeno che dagli stessi Stati Uniti che invitano la Russia a partecipare alle riunioni della Conferenza economica Asia-Pacifico (APEC) del prossimo anno che è pronta ad ospitare. L’alto funzionario statunitense per l’APEC Mike Murray ha avviato questa pragmatica sensibilizzazione durante un briefing con i media lunedì.

Ha spiegato questa inversione di politica sulla base del fatto che gli Stati Uniti sono “buoni amministratori dell’APEC” durante la sua presidenza del blocco il prossimo anno, che a sua volta richiede che inviti tutti i partecipanti senza eccezioni a partecipare a eventi correlati prima della riunione dei leader dell’APEC del 2023 a San Francisco. A parte la sua retorica altisonante, la ragione interessata dell’America per capovolgere la sua precedente politica di isolamento della Russia è che quanto sopra stava in realtà isolando l’America stessa.

Nonostante abbiano riconsolidato la loro egemonia unipolare precedentemente in declino sul Golden Billion nel corso degli ultimi dieci mesi, gli Stati Uniti hanno allontanato il Sud del mondo come mai prima d’ora, dopo aver mostrato loro quanto aggressivamente cercheranno di imporre la loro volontà su tutti coloro che osano sfidarlo come ha fatto la Russia. Invece di costringerli a rannicchiarsi davanti a loro per paura che sarebbero stati il prossimo bersaglio, hanno coraggiosamente resistito alla sua pressione per fare un punto potente sulla loro neutralità di principio nella Nuova Guerra Fredda.

Facendo l’opposto di ciò che gli Stati Uniti si aspettavano, ma che tutti gli osservatori obiettivi che avevano seguito gli impressionanti progressi pro-sovranità del Sud globale negli ultimi anni avrebbero potuto facilmente prevedere che sarebbe accaduto, Washington è stata costretta a ricalibrare la sua politica per adattarsi a questa realtà. La fantasia politica di isolare la Russia non si è mai avverata e in realtà è servita ad essere controproducente per i grandi obiettivi strategici degli Stati Uniti, da qui l’urgente necessità di abbandonare questo approccio.

Le sanzioni anti-russe del Golden Billion rimarranno in vigore poiché mirano a perpetuare indefinitamente il disaccoppiamento di quel paese preso di mira e dell’UE, ma questo leader americano de facto del blocco della Nuova Guerra Fredda sta ovviamente soffiando il fischio del cane che gli sforzi relativi ai suoi delegati per spremere la Russia fuori dai forum internazionali dovrebbero immediatamente fermarsi. Questo straordinario sviluppo non sarebbe stato possibile se non fosse stato per l’India che ancora una volta ha mostrato la sua neutralità di principio all’inizio di questo mese.

Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri (EAM) Arindam Bagchi ha dichiarato in un briefing settimanale con i media il 1 ° dicembre che “la Russia è un membro del G20 e quindi ci aspettiamo che partecipino a questi processi” che l’India ospiterà nel prossimo anno della sua presidenza. La sherpa russa del G20 Svetlana Lukash ha successivamente sostenuto l’obiettivo previsto del Dr. Subrahmanyam Jaishankar dell’EAM che il suo paese diventasse la voce del Sud del mondo attraverso quel ruolo, che ha dissipato le affermazioni del suo isolamento del G20.

Di conseguenza, gli Stati Uniti non hanno avuto altra scelta pratica che consentire alla Russia di partecipare alle riunioni dell’APEC del prossimo anno che anch’essi prevedono di ospitare nel corso del prossimo anno della propria presidenza di quel blocco economico altrettanto influente. Se l’India avesse capitolato alle pressioni americane per prendere le distanze dalla Russia segnalando che non voleva che i rappresentanti di quel paese partecipassero ai processi del G20 che ospiterà, allora non c’è dubbio che gli Stati Uniti avrebbero continuato a promulgare la loro politica di isolamento di Mosca dai forum correlati.

La tendenza generale è che la transizione sistemica globale verso la multipolarità ha già preceduto di gran lunga la drammatica sequenza di eventi di quest’anno che l’ha accelerata senza precedenti, tanto che questi processi erano già radicati al punto da rendere impossibile il successo della politica anti-russa degli Stati Uniti. Gli strateghi americani non se ne erano resi conto, ecco perché hanno continuato il loro approccio controproducente per così tanto tempo, fino a quando la recente decisione dell’India ha reso impossibile negarlo.

Di fronte alla nuova realtà geostrategica dell’India che è riuscita nel suo grande obiettivo strategico di diventare una Grande Potenza di rilevanza globale, che a sua volta l’ha posta sulla traiettoria di diventare il terzo polo di influenza nell’ordine mondiale bi-multipolare in evoluzione, gli Stati Uniti hanno prontamente cambiato rotta. L’approccio pragmatico di Murray alla partecipazione della Russia alle riunioni APEC del prossimo anno che il suo paese ospiterà è un risultato diretto dei fallimenti politici degli Stati Uniti e dei relativi successi dell’India, che hanno entrambi cambiato gli affari globali.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi