Putin al Forum economico orientale: “La Russia proteggerà i propri interessi”

VLADIVOSTOK, 7 settembre. /TASS/ (traduzione automatica)

Putin parla di operazioni in Ucraina, di accordo sul grano, della “coda di lupo” dell’Europa all’EEF – Business & Economy – TASS

 

La Russia non ha perso nulla e non perderà nulla a causa della sua operazione militare in Ucraina, ma al contrario, ha rafforzato la sua sovranità, poiché la polarizzazione in tutto il mondo e all’interno del paese porterà alcuni benefici, ha detto il presidente russo Vladimir Putin in una sessione plenaria del Forum economico orientale (EEF) mercoledì.

Il presidente ha dichiarato che la Russia sta affrontando l’aggressione dell’Occidente, la cui stabilità è stata gettata nella “fornace delle sanzioni”, e ha criticato l’accordo sul grano di Istanbul come “oltraggioso inganno”. Quando ha toccato le restrizioni politiche sulle esportazioni di energia russa, ha detto all’Europa “lascia che la coda del lupo si congeli”, citando un racconto popolare russo. Commentando le dichiarazioni del capo della politica estera dell’UE Josep Borrell, Putin ha detto: “Lascia che Dio sia il suo giudice”. Inoltre, ha suggerito che i giornalisti occidentali potrebbero visitare la centrale nucleare di Zaporozhye “già domani”.

Putin ha richiamato l’attenzione sullo sviluppo dell’Estremo Oriente. Ha suggerito di estendere il programma di assistenza per l’acconto per gli acquirenti di case nella regione almeno fino al 2030 e ha promesso nuove misure di sostegno per la crescita della regione. Il presidente ha anche commentato il verdetto a Ivan Safronov dicendo che l’agenzia di controspionaggio aveva indagato su di lui per diversi anni e la corte ha ritenuto la sua colpevolezza provata.

TASS ha riassunto le dichiarazioni chiave di Putin.

Informazioni sugli sviluppi in Ucraina
L’operazione russa in Ucraina è una risposta tit-for-tat a ciò che stava accadendo lì dal 2014: “Vorrei sottolineare ancora una volta che non abbiamo iniziato nulla in termini di operazioni militari. Stiamo solo cercando di porre fine alle ostilità”.

“Credo che non abbiamo perso nulla e non perderemo nulla. E dal punto di vista dei guadagni, posso dire che il nostro principale guadagno è una sovranità più forte. Questo è un risultato inevitabile di ciò che sta accadendo”, ha sottolineato.

“Una certa polarizzazione sta avvenendo sia nel mondo che all’interno del paese. Credo che questo porterà alcuni benefici, perché tutto ciò che è inutile, dannoso e tutto ciò che ci impedisce di andare avanti sarà rinunciato. Guadagneremo slancio e il ritmo dello sviluppo”, ha detto Putin.

Informazioni sull’affare del grano

L’accordo sul grano di Istanbul si è rivelato essere “un altro oltraggioso inganno”, poiché quasi tutti i prodotti agricoli spediti dall’Ucraina sono andati nei paesi dell’UE, mentre la Russia e le economie più povere sono state “semplicemente abbandonate”.

La Russia può presentare una proposta per limitare le esportazioni di grano ucraino verso l’Unione europea.

“Parlerò con il presidente turco, il signor Erdogan su questo tema. Dopotutto, siamo stati noi a elaborare il meccanismo di esportazione del grano ucraino “, ha detto il presidente.

Tuttavia, Mosca continuerà a lavorare sull’accordo, “nella speranza che gli obiettivi, per il bene di cui è stato organizzato questo caso, alla fine saranno raggiunti”.

I prezzi alimentari globali sono ancora in crescita a causa delle restrizioni sulle esportazioni russe, che sono ancora in vigore.

“È un design sofisticato e astutamente elaborato quando non sembrano essere in vigore sanzioni, ma ci sono restrizioni relative alla logistica, al noleggio di navi, ai finanziamenti e all’assicurazione”, ha affermato.

“È ovvio che con questo approccio la portata dei problemi con i prodotti alimentari nel mondo non potrà che crescere, purtroppo, con nostro grande rammarico, che è in grado di portare a una catastrofe umanitaria senza precedenti”, ha sottolineato Putin.

A proposito di gas e “coda di lupo”

Un tetto ai prezzi delle importazioni di gas russo, che viene pesato dall’Unione europea, è “l’ennesima stupidità, un’altra decisione non di mercato che non ha futuro”, che potrebbe comportare un aumento dei prezzi.

La Russia non ha problemi con le esportazioni delle sue risorse energetiche, poiché il gas consegnato dalla Russia tramite gasdotti “è molte volte più competitivo del gas naturale liquefatto spedito attraverso l’oceano”.

Mosca non attuerà “le decisioni politiche che contraddicono i contratti”.

“Non forniremo nulla se è in contrasto con i nostri interessi”, ha detto. “Coloro che ci impongono qualsiasi cosa non sono in grado di dirci quello che vogliono. Lasciate che ci pensino”.

“C’è solo una cosa che ci resta da fare, come in un famoso racconto popolare russo, canteremo: “lascia che la coda del lupo si congeli”, ha detto Putin citando una favola per bambini, che dice come una volpe, un altro personaggio, fa pescare il lupo in un buco di ghiaccio con la coda.

Le accuse secondo cui Mosca sta usando il gasdotto Nord Stream come “un’arma energetica” sono “un altro carico di sciocchezze”.

La Russia è pronta a riavviare Nord Stream 1 anche domani, ma sarebbe anche sufficiente attivare il Nord Stream 2.

In generale, la Russia sta puntando sullo “sviluppo ponderato e intelligente delle ricchezze naturali della Russia”, quindi le materie prime estratte nel paese saranno utilizzate principalmente per rafforzare la sovranità nazionale, mentre il settore dell’estrazione è già protetto “contro azioni ostili”.

A proposito di “fornace di sanzioni”

Lo slittamento del dominio globale degli Stati Uniti e l’incapacità delle élite occidentali di accettare fatti oggettivi sono diventati un catalizzatore per la “frenesia delle sanzioni” dell’Occidente. Di conseguenza, l’alto livello dello sviluppo industriale dell’Europa e il tenore di vita degli europei “vengono gettati nella fornace delle sanzioni” e sacrificati agli Stati Uniti per mantenere la loro dittatura globale.

La competitività delle imprese europee sta diminuendo a causa, tra gli altri fattori, dei legami interrotti con la Russia.

“Non sarebbe sorprendente se alla fine la nicchia del business europeo sia nel continente che nel mercato globale fosse occupata dai loro mecenati americani. Non si limitano mai a seguire i loro interessi e non esitano a raggiungere il loro obiettivo”, ha detto Putin.

Inoltre, “nel tentativo di resistere al corso della storia, i paesi occidentali hanno minato i pilastri chiave del sistema economico mondiale”, quindi la fiducia nel dollaro, nell’euro e in altre valute occidentali è stata persa e i tassi di inflazione hanno raggiunto livelli record pluriennali.

Informazioni su Zaporozhye NPP

Il rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) sulla centrale nucleare di Zaporozhye è credibile.

“Sì, senza dubbio mi fido di questo rapporto”, ha detto il presidente. “Loro [l’AIEA – TASS] sono, ovviamente, sotto pressione < … > e non possono dire chiaramente che i bombardamenti provengono dal territorio ucraino, ma è una cosa ovvia”, ha detto il capo dello stato.

Le affermazioni secondo cui la Russia sta bombardando la centrale nucleare che controlla sono “sciocchezze”, ha aggiunto.

La Russia è pronta a portare “chiunque, incluso un folto gruppo di giornalisti, compresi giornalisti europei e statunitensi” nella centrale nucleare “anche domani”.

Informazioni su visti e contatti

La Russia non dovrebbe rispondere alle restrizioni sui visti contro i cittadini russi, “Non dovremmo fare nulla che non serva i nostri interessi”, ha detto Putin.

La Russia non taglierà i contatti con i paesi occidentali, compresi quelli della cultura, dell’istruzione e dello sport.

“Quelli che lo fanno non ci stanno isolando, si stanno isolando”, ha detto Putin.

Inoltre, Mosca accoglierà con favore se le compagnie occidentali continueranno le loro operazioni “nonostante tutte le loro restrizioni”.

“Lasciateli venire a lavorare, cosa c’è di così brutto?” ha osservato.

Informazioni su Borrell

Gli appelli del capo della politica estera dell’UE Josep Borrell “per sconfiggere la Russia sul campo di battaglia” sono un “bizzarro approccio diplomatico”.

Per quanto riguarda le sue parole su “una Russia fascista”, “lascia che Dio sia il suo giudice, che rivendichi ciò che vuole”, ma nel 1930 “sarebbe stato dalla parte dei golpisti” in Spagna.

Informazioni sugli affari russi

“Nel complesso, la comunità imprenditoriale russa sta mostrando al massimo grado la propria responsabilità per il paese, per la Patria, per i cittadini della Russia. Voglio prendere nota di questo e voglio ringraziarli per questo”, ha detto Putin.

Parlando di quegli uomini d’affari i cui conti e yacht sono stati sequestrati in Occidente, Putin ha ricordato che erano stati avvertiti di possibili conseguenze.

“Avrebbero dovuto tenere quelle barche qui, e avrebbero dovuto investire i loro soldi non in attività estere, ma nello sviluppo delle infrastrutture russe. Non avrebbero perso nulla, ma avrebbero realizzato un profitto sui soldi che hanno investito”, ha detto Putin.

A proposito di sovranità

“La Russia è un paese sovrano e proteggeremo sempre i nostri interessi nazionali mentre perseguiamo un corso politico indipendente”, ha detto Putin.

La Russia apprezza le stesse qualità in quelli dei suoi partner che si sono dimostrati affidabili e responsabili in anni di cooperazione nel commercio, negli investimenti e in altre sfere, ha aggiunto, riferendosi principalmente ai paesi dell’Asia-Pacifico.

Secondo Putin, “la stragrande maggioranza delle nazioni dell’Asia-Pacifico trova inaccettabile la logica distruttiva delle sanzioni e le relazioni commerciali [con la regione] si basano sul reciproco vantaggio”, e questo è “l’enorme vantaggio competitivo della regione e la chiave per il suo sviluppo dinamico e a lungo termine”.

A proposito di ordine multipolare e “basato su regole”

“La visione [della Russia] di un ordine multipolare è quella di un mondo che deve essere più giusto, un mondo che non dovrebbe essere basato sul diktat di un paese, che si immagina come rappresentante di Dio sulla Terra, o forse anche più in alto, e costruisce tutta la sua politica sulla sua presunta esclusività”, ha specificato Putin.

“Molti dicono oggi che la Russia sta violando il diritto internazionale. Credo che questo non sia assolutamente vero”, ha insistito aggiungendo che il diritto internazionale è stato violato da coloro che hanno invaso la Libia e l’Iraq, ma che ora si riferiscono a certe regole inventate.

A proposito del nuovo primo ministro britannico

Commentando la nomina di Liz Truss a primo ministro del Regno Unito, Putin ha detto che “una procedura lontana dai principi democratici di eleggere un capo di governo” è in vigore nel Regno Unito.

“Il popolo della Gran Bretagna non sta partecipando al cambio di governo in questo caso”, ha detto.

Il modo in cui Londra costruirà le relazioni con la Russia sotto il primo ministro Liz Truss dipenderà dalle élite dominanti britanniche, ha ipotizzato.

“Il nostro dovere è quello di proteggere i nostri interessi. Lo faremo in modo coerente e nessuno dovrebbe avere dubbi al riguardo”, ha promesso.

Sulla situazione economica

“La Russia sta affrontando l’aggressione economica, finanziaria e tecnologica dell’Occidente”, ha detto il presidente.

In generale, “il picco, la situazione più difficile [nell’economia del paese] è stata superata. La situazione si sta normalizzando”, anche se alcuni problemi rimangono in atto “in diverse industrie e regioni, nelle singole imprese del paese, in particolare quelle che erano legate alle forniture dall’Europa o fornivano i loro prodotti lì”.

In particolare, il tasso di disoccupazione è al minimo storico – al di sotto del 4%, e anche l’inflazione è in calo. Potrebbe raggiungere circa il 12% entro la fine dell’anno, ed entro il secondo trimestre del prossimo anno, è probabile che diminuisca al 5-6%, “e altri dicono che il 4% sarà raggiunto”.

Ci sarà un calo del PIL, ma sarà insignificante, da qualche parte intorno al 2%, ha detto aggiungendo che il bilancio di quest’anno avrà un surplus fino a 0,5 trilioni di rubli nonostante l’aumento delle spese.

Informazioni sullo sviluppo dell’Estremo Oriente

Il programma di assistenza all’acconto per gli acquirenti di case in Estremo Oriente sarà esteso almeno fino al 2030. Cinque miliardi di rubli saranno stanziati ogni anno per rinnovare le città e le città dell’Estremo Oriente con una popolazione inferiore a 250.000 persone, che è la metà dei fondi stanziati per le ristrutturazioni urbane in tutta la Russia.

Le autorità russe continueranno a sostenere il rapido sviluppo delle regioni dell’Estremo Oriente, anche attraverso il sostegno statale, ha promesso Putin.

EEF 2022

Organizzato dalla Roscongress Foundation, il Settimo Forum Economico Orientale si svolgerà dal 5 all’8 settembre a Vladivostok. TASS è il partner di informazione generale dell’evento e la sua agenzia ufficiale di photohost.

Quest’anno, il tema del forum è: “Sulla strada per un mondo multipolare”.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi