Oliver Stone: “Gli USA sono diventati forza del male contro persone che vogliono cambiare le cose”

In questa puntata di “Conversando con Correa”, l’ex presidente dell’Ecuador ha intervistato il noto scrittore e regista nordamericano Oliver Stone, con il quale approfondisce le sue esperienze personali e cinematografiche, le guerre, la politica di Washington e le sue interferenze in America Latina

La conversazione tra Rafael Correa e Oliver Stone inizia con un breve viaggio attraverso la vita del regista. La sua giovinezza con suo padre economista, repubblicano e conservatore, a Wall Street. Stone ricorda come è cresciuto in quei valori e in un ambiente in cui pensava “New York era il centro del mondo”. Non gli piaceva il sistema in cui viveva, quindi si unì alla Marina mercantile e andò in Vietnam, un paese in cui tornò con le forze armate. Un’esperienza che avrebbe segnato “un approccio diverso alla vita” e segnato alcuni dei suoi film.

Dopo il Vietnam, Stone, che si considera un antisistema, è tornato negli Stati Uniti. Entrò nella scuola di cinema, lavorò come tassista e solo sei anni dopo scrisse la sceneggiatura del mitico film “Fuga di Mezzanotte”, che ebbe un successo internazionale e vinse il suo primo Oscar nel 1978. Successivamente vinse  altri due premi nel 1986 con “Platoon” e nel 1989 con “Nato il 4 luglio”.

“Gli Stati Uniti sono la più grande ipnosi attiva che il mondo abbia mai visto (…) Vende la stessa storia, ancora e ancora, che è il miglior paese del mondo”

Stone afferma che nell’industria cinematografica americana non è più possibile realizzare film come quelli realizzati in precedenza. “Si potrebbe dire che Hollywood è cambiata dal 2001 [anno degli attacchi terroristici commessi da al Qaeda negli Stati Uniti]. C’è più censura”, secondo Stone.

Ma, inoltre, dalla caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, “le cose hanno preso improvvisamente una direzione in cui gli Stati Uniti si sono sentiti sempre più potenti , hanno ritenuto che fossero l’unica potenza, la forza dominante nell’universo, e cominciato a comportarsi sempre più come tale. Sono stati coinvolti nella guerra in Iraq, Panama e Granada, e di nuovo, naturalmente, per l’Iraq e poi in Afghanistan è stato uno dopo l’altro, una guerra dopo l’altra.  Sono stati molto coinvolti, i media l’hanno accettato”.

Correa, d’altra parte, ricorda che “i grandi imperi sono crollati per aver aperto troppi fronti” e anche “per mantenere guerre che non possono essere vinte e che sono sostenute nel tempo contro nemici che non si arrenderanno mai”.

“Negli Stati Uniti non c’è più una vera sinistra. Si tratta di partiti di destra che combattono contro altri partiti di destra. “

“Obiettivamente, Trump ha parlato molto, ma ha fatto poco. Le sanzioni contro il Venezuela sono iniziate con Obama”, ricorda l’ex presidente ecuadoriano. Il regista è d’accordo e sottolinea persino il fatto che “negli Stati Uniti non c’è più una vera sinistra”. “Questi sono partiti di destra che combattono contro altri partiti di destra”.

Ad esempio, Stone ritiene che l’ex candidato alla presidenza Hillary Clinton sia un “falco” e, al contrario, Donald Trump, abbia avuto un messaggio “più pacifico”. “Ha detto: ‘Perché stiamo combattendo i russi?’ Ha allarmato lo stato industriale militare, lo stato politico e i media, che hanno iniziato ad attaccarlo prima che diventasse presidente “.

Per quanto riguarda Trump: “La cosa peggiore e più pericolosa è che ha rotto l’accordo nucleare (…) Stiamo mettendo il mondo intero a rischio di guerra nucleare , stiamo sviluppando in modo aggressivo nuove armi nucleari (…) il fatto è destabilizzare il mondo “.

In breve, gli Stati Uniti, afferma Stone, sono “la più grande ipnosi attiva che il mondo abbia mai visto (…) vendono la stessa storia, ancora e ancora, che è il miglior paese del mondo. Le prove mostrano che il contrario: un gran numero di persone sono state uccise in tutti quei paesi: dall’Iraq alla Siria, all’Afghanistan, al Vietnam, alla Corea … ”

America Latina

Nel film documentario ‘Al Sur de la Frontera’ (2009), il regista ha intervistato gli allora leader di Venezuela, Bolivia, Brasile, Argentina, Paraguay, Cuba ed Ecuador.
“Chavez è stata la base, il nucleo, che ci ha presentato tutti i leader: Sono andato a trovare Lula, Nestor Kirchner e Cristina Kirchner, a Lugo in Paraguay ed Ecuador e Cuba in Bolivia si … … E fu un’esperienza che mi ha aperto gli occhi” dice Stone.
Un documentario, osserva il regista, che è stato totalmente ignorato dai media mainstream negli Stati Uniti “Ero un nemico”, dice, ricordando che una volta era stato invitato al New York Times e gli editori gli hanno chiesto come era arrivato a rispettare Chavez.

“La stessa cosa che è successa con l’Unione Sovietica accadrà con gli Stati Uniti. Sta per succedere qualcosa perché ci siamo spinti al limite, stiamo corrompendo completamente la storia”

“Era chiaro per me: non c’è modo di vincere il dibattito sul Sud America”, afferma. Stone descrive come “farsa” gli eventi accaduti in Brasile con l ‘”impeachment” dell’ex presidente Dilma Rousseff e la successiva prigionia di Lula.
Un estremo con cui Correa concorda, definendo farsa ciò che è accaduto in Bolivia [il colpo di stato contro Evo Morales] e in Venezuela, con l’autoproclamato presidente Juan Guaidó, riconosciuto da Washington.

“La questione boliviana non è rappresentabile. È un chiaro colpo di stato, ma si vede il doppio standard internazionale: riconoscono immediatamente quel governo di fatto se è funzionale ai loro interessi”, spiega Correa. “Non uccidono più le persone, ma uccidono la reputazione dei leader della sinistra”, aggiunge.
Infine, Stone riflette: “La stessa cosa che è successa con l’Unione Sovietica, accadrà con gli Stati Uniti (…) qualcosa accadrà perché ci siamo spinti al limite, stiamo corrompendo completamente la storia. Sfortunatamente, perché voglio bene al mio paese, siamo diventati una forza del male. Una forza del male contro le persone . Contro le persone che vogliono le riforme, che vogliono cambiare le cose “.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-oliver_stone_gli_stati_uniti_sono_diventati_una_forza_del_male_contro_le_persone_che_vogliono_cambiare_le_cose/82_32858/