Qualità dell’aria presso Mela,”Ingannati dalle Istituzioni!”

Denunciamo a tutti gli Organi competenti il gravissimo inganno con cui l’Agenzia Europea dell’Ambiente definisce “ottima” la qualità dell’aria nella zona industriale ASI del Comprensorio del Mela.

Ogg.: Comunicato stampa Agenzia Europea Ambiente

 

 

Ingannati dalle Istituzioni!

 

Denunciamo a tutti gli Organi competenti il gravissimo inganno con cui l’Agenzia Europea dell’Ambiente definisce “ottima” la qualità dell’aria nella zona industriale ASI del Comprensorio del Mela. The European Environment Agency (EEA) è un’agenzia dell’Unione Europea sin dal 1990 e gestisce il sito web “Eye on Earth” (Occhio alla Terra) con il quale vengono monitorate e definite la qualità di Aria ed Acqua in varie parti del mondo. E’ la maggiore fonte di informazioni per i 32 paesi componenti per quei temi che coinvolgono “sviluppo, adozione, implementazione e valutazione di strategie e procedure ambientali”. L’obiettivo principale dell’EEA è di produrre dati utili in campo ambientale per consentire l’adozione di decisioni basilari per la politica ambientale europea.

Come è possibile vedere dalle comparazione delle foto allegate (foto 1: il sito dell’Edipower su Google Earth; foto 2: il sito dell’Edipower su Eye on Earth dell’Agenzia EEA) la centrale Edipower NON esiste (o è stato cancellata?) nelle mappe dell’Agenzia Europea dell’Ambiente! Un’Agenzia internazionale che si occupa di ambiente e fornisce indicazioni agli stati membri europei sulle politiche ambientali è paradossale che risulti non avere i propri siti aggiornati giudicando, conseguentemente, ottima la qualità dell’aria di uno dei più grossi siti industriali italiani. Anche da queste errate informazioni si intuisce perchè le Istituzioni continuano a mandare segnali di disinteresse verso i bisogni dei Cittadini negando gli inquinamenti. I Cittadini e le Associazioni continuano a reclamare i FATTI e le industrie si permettono il lusso di dichiarare che le emissioni sono regolari e che non ci sono gravi inquinamenti ma noi dichiariamo che fino a quando le centraline e la rete di monitoraggio saranno esclusivo appannaggio di coloro che dovrebbero essere solo controllati e non controllori di se stessi, non avremo mai la certezza della verità. E quest’ultimo episodio ne è un’ulteriore conferma. Se le industrie riportano i dati di tabelle da loro stessi forniti, i Cittadini ribattono con le cartelle cliniche delle centinaia di morti sospette per gravi inquinamenti.

 

Milazzo li 27/11/2009 Referente regionale aree industriali a rischio

Dr. Giuseppe Falliti

 

 

WWF Italia

Sezione regionale Sicilia

Via E. Albanese, 98

90139 Palermo

www.wwf.it/sicilia

 

 


AmbienteWeb precisa: le foto sono state omesse per motivi tecnici.

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.