Botticelle romane, lettera aperta al Sindaco di Roma

 

Egregio Signor Sindaco Gianni Alemanno,

 

 

ritorniamo sul grave problema delle botticelle romane, ad oggi non risolto nonostante gli incidenti mortali risalenti all’anno scorso, l’istituzione di un’apposita commissione scientifica, le successive promesse da parte dell’Amministrazione, poi non mantenute, di eliminare una volta per tutte le anacronistiche carrozze dal centro di Roma relegandole nei parchi, infine la delibera del 20 luglio scorso.  Nemmeno le restrizioni, minime, previste da tale delibera, di per sé comunque assolutamente non risolutiva per il benessere dei cavalli, sono  state ad oggi recepite né dunque applicate.

Chiediamo notizie per esempio dell’elenco delle cosiddette strade off-limits, preannunciato a settembre ed espressamente previsto dalla delibera suddetta: “è inibito il passaggio delle vetture pubbliche a trazione animale in strade non ritenute idonee e/o con pendenze eccessive indicate con apposito provvedimento dirigenziale”. Si legge anche: “i percorsi e le aree di sosta più adeguate sono individuati con provvedimento dirigenziale entro 90 giorni dall’approvazione del presente atto. Con medesimo provvedimento sono individuate le modalità di monitoraggio del servizio eventualmente tramite controllo satellitare”.

Facciamo notare che i 90 giorni sono scaduti il 20 ottobre scorso e fin’ora nulla è stato deciso nè comunicato dall’Amministrazione su questo punto, né pare si stia dibattendo sulla questione.

Molto semplicemente non è stato fatto nulla, e i cavalli continuano a essere forzati a percorrere anche le strade più difficoltose dove la fatica dovuta al traino di un carico di 700 kg si somma a quella dovuta alle pendenze eccessive di strade come via Veneto, via del Tritone, via Sistina e via del Circo Massimo.

Qual è la motivazione di un simile ritardo per l’approvazione di un elenco di strade?

 

Dobbiamo aspettare di veder stramazzare a terra un altro cavallo per ottenere che vengano stabiliti dei percorsi vietati?

 

O per lo meno c’è l’intenzione, se non di evitare un incidente – che prima o poi avverrà visto che le botticelle sono ancora in essere – almeno di posticiparlo nel tempo deliberando quanto prima l’esclusione delle strade più pericolose dai percorsi consentiti alle carrozze?

 

I romani dimostrano una crescente sensibilità nei confronti del modo in cui vengono trattati gli animali nella nostra città e sono sempre più contrari all’istituzione della ‘botticella’, ormai icona del passato. La consapevolezza del rispetto che meritano questi animali è in linea tra l’altro con la recente proposta di legge che intende riconoscere al cavallo lo status di animale da affezione, al pari del cane e del gatto, vietandone la macellazione e il generale sfruttamento.

 

L’OIPA sta portando avanti la petizione – sottoscritta anche dalla LAV e da altre 12 associazioni e arrivata ad oggi a 5000 firme – con la quale si chiede che i cavalli vengano liberati per sempre dalle carrozze, e che queste vengano sostituite con altre a trazione elettrica, mezzi più civili e senz’altro più sicuri per l’incolumità stessa delle persone che le utilizzano, vetturini compresi.

Lo scorso ottobre è stata individuata la somma di 547.500 euro per la realizzazione di carrozze elettriche sperimentali che potrebbero essere il primo passo – sempre che sussista la reale intenzione di portare avanti il progetto da parte del comune – verso la definitiva messa al bando delle botticelle.

Considerando che è già trascorso più di un anno dalla valutazione positiva, da parte del comune, del progetto del prototipo di carrozza elettrica chiediamo che si deliberi quanto prima in merito all’affidamento per la realizzazione della nuova flotta di carrozze elettriche e che i vetturini vengano automaticamente convertiti a conducenti dei nuovi mezzi abbandonando la vecchia ‘botticella’.

 

Tel Aviv ha recentemente messo al bando i carri trainati da cavalli ed asini, diventando la prima città in Israele a rifiutare questa crudeltà. Riesce Roma a non essere da meno dicendo finalmente e definitivamente ‘NO’ a questo mezzo di trasporto ormai obsoleto?

 

Ricordiamo infine  il regolamento del comune di Roma per i diritti degli animali che all’art 46, comma 2,  recita: “ E’ fatto divieto di trasportare un numero di persone superiore a quello dei posti per i quali la carrozza è omologata, non a cassetta, e la sola andatura consentita è il passo. E’ altresì proibito percorrere strade in salita fuori dalla Zona a Traffico Limitato”

Questo comma viene regolarmente ignorato dai vetturini i quali conducono i cavalli al trotto. L’andatura al passo, la sola consentita, non viene praticamente mai rispettata. Anche per quanto riguarda il numero dei passeggeri nulla di più facile notare che spesso accanto al vetturino siede un turista, cosa non consentita. Quando la famiglia è numerosa in altre parole i vetturini accettano di fare la corsa pur di non rinunciare all’introito, sarà il cavallo poi a farne le spese. Per lo stesso motivo non viene rispettata la pausa estiva (comma 3. Dal 1° giugno al 15 settembre è vietato far lavorare i cavalli dalle ore 13,00 alle ore 16,00): quest’estate in varie occasioni i nostri volontari hanno avvistato carrozze che si spostavano con i turisti a bordo durante l’orario vietato. Le limitazioni previste dal regolamento vengono quindi ignorate, complice la totale assenza dei controlli da parte delle forze dell’ordine.

L’ufficio diritti animali non ha finora svolto il proprio ruolo nemmeno quindi nel garantire i controlli sulle pochissime regole vigenti!

 

Visto lo stato attuale delle cose ci chiediamo: al prossimo cavallo morto si avrà ancora il coraggio di parlare di “incidente”?

 

Distinti saluti.

 

OIPA Itala

campagne@oipaitalia.com

www.oipaitalia.com

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *