Vetturino botticella aggredisce donna

Una ragazza, impietosita dalle condizioni nelle quali veniva fatto lavorare un cavallo sotto il sole estivo di Roma, è stata aggredita dal vetturino della botticella.

 

COMUNICATO STAMPA

17 settembre 2010

 

ROMA: VETTURINO DELLE BOTTICELLE AGGREDISCE UNA RAGAZZA IMPIETOSITA DALLA SOFFERENZA DEL CAVALLO

 

Le botticelle romane continuano ad arrecare danno non solo agli animali, vittime indifese di un’attività evidentemente anacronistica e insostenibile, come più volte denunciato dall’OIPA negli ultimi due anni, ma anche alle persone; testimonianza ne è il gravissimo episodio accaduto il 7 settembre scorso e riportato oggi in prima pagina dal Messaggero.

Secondo l’articolo pubblicato sul quotidiano, una ragazza, impietosita dalle condizioni nelle quali veniva fatto lavorare un povero cavallo, nel traffico congestionato di via del corso, sotto il sole estivo e al quale per di più era stata messa una retina sugli occhi, ha fatto osservazione al vetturino chiedendo il motivo della retina; la reazione è stata a dir poco violenta ed è sfociata in un’aggressione fisica da parte del vetturino che ha portato la vittima all’ospedale.

Un episodio non isolato che testimonia ancora una volta l’atteggiamento arrogante e prepotente dei conducenti delle carrozze, i quali non gradiscono evidentemente quando qualcuno, con il solo obiettivo di tutelare il benessere dei cavalli, fa loro notare le infrazioni commesse. Le più frequenti, come denunciato nei mesi scorsi dall’OIPA e da altre associazioni animaliste, con documenti video e fotografici realizzati dai volontari, sono l’andatura al trotto, il trasporto di un numero di passeggeri superiore a quello consentito e le corse effettuate negli orari di pausa (dalle 13 alle 17).

L’OIPA esprime solidarietà alla persona aggredita colpevole solamente di essersi preoccupata del benessere di un animale.

Anche Alessandro Onorato, capogruppo Udc in Campidoglio chiede che vengano presi provvedimenti risolutivi e, in merito all’articolo pubblicato sul Messaggero di oggi, dichiara “Se le autorità confermeranno la versione della ragazza aggredita martedì scorso da un vetturino, riportando contusioni e trauma cranico, il minimo che si deve fare è revocare immediatamente la licenza di questa botticella. “Non possiamo più tollerare – continua Onorato – che sulle strade della Capitale ci sia un servizio, per altro a concessione comunale, privo di tariffe prestabilite con l’amministrazione e che non vengano certificate neanche dall’emissione di una ricevuta. Molti vetturini, inoltre, continuano a non rispettare i protocolli stabiliti dal Campidoglio: prendono strade e percorsi vietati intralciando il traffico e mettendo a rischio la vita dei cavalli. E’ giunta l’ora che il Sindaco Alemanno – conclude Onorato – si batta seriamente contro gli interessi di una vera e propria piccola lobby che si autogestisce nella più completa anarchia e che con sfrontatezza, oggi come già in passato, prova a difendere i propri diritti con atti violenti. Ma dove è finita la città della legalità e del rispetto delle regole di cui tanto parla il Sindaco?”.

L’OIPA continuerà naturalmente a chiedere al Sindaco Alemanno e all’Assessore De Lillo delle risposte chiare e una soluzione definitiva ad una problema che – nonostante le proteste dei cittadini e le oltre 5000 firme raccolte, e consegnate lo scorso agosto al Comune di Roma, per chiedere l’abolizione delle botticelle – è ancora lontana.

L’incompatibilità delle botticelle con una città comei Roma, caotica e trafficatissima, si palesa giorno dopo giorno. Ai romani sta a cuore il benessere dei cavalli e non vogliono più vederli soffrire in questo modo, sotto i loro occhi.

OIPA Italia Onlus

Organizzazione Internazionale Protezione Animali

ONG affiliata al Dipartimento della Pubblica Informazione dell’ONU

Associazione riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente

(DM del 1/8/2007 pubblicato sulla G.U. n. 196 del 24/8/2007)

via Passerini 18 – 20162 Milano – Tel. 02 6427882 Fax 02 99980650

info@oipaitalia.comwww.oipaitalia.com

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *