Appello: Una firma per dire “No al rigassificatore a Piombino”

Un rigassificatore a Piombino, sia a terra che in mare, presenta criticità tanto rilevanti da non poter essere accettato. Si tratta di un impianto ad alto rischio sottoposto alla disciplina degli incidenti rilevanti. I rischi possibili sono molti: centinaia di migliaia di m3 di gas liquefatto che, tornato allo stato gassoso, aumenta il proprio volume fino a 600 volte. Avrà un inevitabile impatto sull’ambiente: lo scambio termico alla base del processo di rigassificazione prevede l’utilizzo dell’acqua di mare e ciò comporterà l’immissione in mare di ingenti quantità di acqua fredda clorata e di schiume in un golfo con scarsa circolazione di correnti, con conseguenze sull’ecosistema e sulla fauna marina. Ci chiediamo inoltre quale possa essere la fascia di sicurezza per il porto di Piombino, considerati gli intensi traffici marittimi e la contiguità della banchina con la terraferma.

Firma per dire il tuo No a questo pericoloso e scellerato progetto!

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi