Il fenomeno detto “infezioni-breccia” fa strage di vaccinati Covid. AIFA e EudraVigilance zitte

Fabio Giuseppe Carlo Carisio – 05/11/2022 (Gospa News)

STRAGE DA COVID TRA VACCINATI. Ma AIFA ed EudraVigilance Celano i Morti da “Infezioni-Breccia”. Allarmi e Studi negli USA (gospanews.net)

 

Nelle precedenti inchieste abbiamo messo in evidenza numeri allarmanti: quello sui vaccinati morti di Covid-19 segnalati dall’Istituto Superiore della Sanità e quelli sulle alte percentuali di “decorso ignoto” derivante dalle reazioni avverse registrate dalla piattaforma di farmacovigilanza dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e di “correlazioni indeterminate” tra somministrazione dei sieri genici sperimentali e decessi.

Adesso sveliamo come la stessa AIFA e l’EudraVigilance, piattaforma di ricezione delle segnalazioni sugli effetti indesiderati dell’European Medicines Agency (EMA), stanno palesemente occultando un fenomeno che è già stato oggetto di allarme negli USA e nella comunità scientifica internazionale: il “Breakthrough Covid-19”.

Si tratta della “infezione-breccia”, che può colpire i vaccinati dopo l’inoculazione dei vettori di mRNA o DNA messaggero della proteina Spike, così denominata in inglese perché “fa breccia” bucando il vaccino. Ma avvalora anche il sospetto che la reazione degli anticorpi alle dosi vaccinali sia tale da causare essa stessa un Covid-19 in alcuni casi pure letale.

Infatti, contrariamente a quanto avviene nei Dipartimenti della Salute di molti stati americani (citeremo ad esempio i dati di Washington), l’AIFA non contempla i decessi da Covid-19 tra quelli da potenziali reazioni avverse e non ci risulta che stia monitorando il problema…

SIERI COVID: MISTERI FARMACOVIGILANZA AIFA. Decorso “Ignoto” per 2mila Vaccinati con Reazioni Gravi. Correlazione “Indeterminata” nel 40 % dei Decessi

Non solo. Dopo la nostra inchiesta di alcune settimane fa sul precedente resoconto, nell’ultimo “13o Rapporto sulla Sorveglianza dei vaccini anti-COVID-19” diffuso dall’AIFA nei giorni scorsi è sparita la tabella che differenziava il decorso delle reazioni avverse gravi tra quelle curate e quelle con l’inquietante esito “ignoto”!

Mentre la piattaforma EudraVigilance, già di complessa interpretazione per la mancanza di una sintesi dei decesso sulle segnalazioni degli effetti indesiderati di ogni vaccino, ha fatto sparire il dettaglio delle patologie specifiche indicate in ogni gruppo di reazioni avverse.

Le infezioni derivanti da sospette reazioni avverse dopo il vaccino di Pfizer nella tabella EudraVigilance

Al momento, ad esempio nel caso del siero genico Comirnaty di Pfizer-Biontech, alla voce “Breakthrough Covid-19” come per quella “Covid-19 pneumonia” non sono più leggibili i numeri specifici ma compaiono i dati generici della categoria “Infezioni” che svelano peraltro un abnorme numero di “decorsi sconosciuti” tale da superare l’astronomica cifra di 110mila e tale da rendere praticamente inutile questo tipo di farmacovigilanza… 

I casi fatali risultano essere 2.385 mentre quelli “non ancora guariti” 26.820. Nel complesso le segnalazioni di effetti indesiderati per il vaccino Comirnaty, chiamato Tozimeran sulla piattaforma EudraVigilance, sono giunte a quota 1 milione e 148mila 277. Ma come si evince da un’attenta verifica il bilancio non viene aggiornato dal mese di settembre…

Breaking – COVID: LA COLOSSALE MENZOGNA! Direttrice Pfizer Ammette davanti all’UE: “Vaccini Non Testati per Prevenire la Trasmissione del Virus”. (video)

Praticamente da quando è venuta a galla la colossale menzogna circa la protezione dai contagi da parte del siero Pfizer e la successiva inchiesta sulle segrete modalità di acquisto delle dosi da parte del presidente della Commissione UE Ursula Von der Leyen. 

L’ALLARME NEGLI USA E NEI DATI DELL’ISS

«Nel giugno 2021, prima dell’emergere della variante delta, i casi ”breakthrough” rappresentavano solo il 12% dei nuovi casi. Entro ottobre, poiché la variante delta ha continuato a dominare e con un numero crescente di persone più lontane dalla serie di vaccini originale, le “infezioni-breccia” rappresentavano circa un terzo dei casi. Quando la variante omicron ancora più trasmissibile è emersa nel novembre 2021, la percentuale di casi breakthrough ha iniziato a crescere costantemente e, a marzo, le infezioni rivoluzionarie tra i vaccinati hanno rappresentato la maggior parte dei nuovi casi. Tra aprile 2021 e aprile 2022, la percentuale di casi rivoluzionari è cresciuta dal 3% a oltre il 60%».

Questo è quanto ha scritto la giornalista Arielle Mitropoulos sul network americano ABC News che si è sempre distinto per una smaccata propaganda PRO-VAX. Anche in questo articolo, infatti, dà spazio all’invito di Anthony Fauci, direttore dell’Istituto Nazionale di Malattie Infettive, a ricorrere ai booster nonostante, come denunciato dal British Medical Journal, la Food and Drug Administration stia occultando i dati reali sulle reazioni avverse gravi.

DANNI VACCINI COVID: BOMBA DEL BRITISH MEDICAL JOURNAL: “FDA Occulta Dati su Reazioni Avverse Gravi: nel 2021 fino al 91 % di Vaccinati”

«Con gli americani più vulnerabili e più anziani più lontani dalle loro serie primarie, anche il tasso di decessi rivoluzionari è cresciuto. Ad aprile 2021, solo l’8% dei decessi è stato il risultato di “infezioni-breccia”, ma a marzo 2022 quel numero era aumentato a oltre il 41% dei decessi registrati nel mese. Anche i casi di “breakthrough” e i decessi tra i booster sono in aumento, anche se a un ritmo più lento. Nel settembre 2021, meno dell’1% dei casi di COVID-19 e dei decessi si è verificato tra gli americani che erano stati completamente vaccinati e potenziati con la prima dose. Ad aprile 2022, la percentuale di casi era aumentata a oltre il 52%, mentre la percentuale di decessi era cresciuta fino a quasi il 31%» scrive ancora ABC News.

“I numeri che stiamo tenendo d’occhio sono i numeri di individui con una malattia “breccia” che richiede ricovero, terapia intensiva o che provoca la morte” ha dichiarato ad ABC News Buddy Creech, direttore del Vanderbilt Vaccine Research Program e professore associato di malattie infettive pediatriche , ha detto a ABC News.

“Possiamo anticipare un certo grado di ciò tra gli anziani, quelli con complicate condizioni mediche di base e quelli immunocompromessi; tuttavia, se iniziamo a vedere numeri elevati tra individui altrimenti sani, potrebbe essere un segno che i vaccini attuali non funzionano altrettanto bene contro le nuove preoccupanti varianti “, ha aggiunto.

La tabella sui vaccinati morti di Covid-19 diffusa dal dottor Andrea Stramezzi

“Per coloro che sono immunocompromessi, ad alto rischio di complicanze, di età superiore ai 50 anni o che hanno ricevuto la terza dose mesi fa, una quarta dose riduce la probabilità di infezione e complicanze dalla malattia”, ha affermato Creech.

Ma i dati raccolti in Italia dall’Istituto Superiore della Sanità fino al 26 ottobre 2022 e diffusi su Twitter dal medico chirurgo Andrea Stramezzi, tra i più attenti e pugnaci nel segnalare i pericoli dei booster per il sistema immunitario delle persone più fragili come fece anche il compianto virologo Luc Montagnier, confermano la tendenza già evidenziata nel luglio scorso proprio da Gospa News in relazione all’alto numero di vaccinati morti nonostante i booster.

[…]

L’articolo integrale qui: STRAGE DA COVID TRA VACCINATI. Ma AIFA ed EudraVigilance Celano i Morti da “Infezioni-Breccia”. Allarmi e Studi negli USA (gospanews.net)

© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione
segui Gospa News su Telegram

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi