Cure sicure contro il Covid: controllo livello di ossigeno nel sangue, coaguli e ivermectina

Joel S Hirschhorn – 4/12/2022

Blood oxygen level, clots and ivermectin (substack.com)

 

Quasi tutti coloro che hanno visto un medico o sono stati in ospedale hanno posizionato il proprio dito in un semplice dispositivo, un pulsossimetro, che misura il livello di ossigeno nel sangue. Dovrebbe essere del 95% o superiore (di solito 97% o più) se sei in buona salute. Vari problemi di salute, tra cui malattie respiratorie possono causare una riduzione del livello di ossigeno nel sangue. Questo è un grave problema medico, perché i polmoni e gli organi non ricevono ossigeno sufficiente. Alcuni anni fa ho comprato il mio dispositivo che non è costoso in modo da poter controllare il mio livello di ossigeno a casa.

Ecco alcuni recenti commenti del grande Dr. Peter McCullough:

“Gli ultimi tre anni hanno generato milioni di vignette di casi di pazienti con malattie respiratorie COVID-19. I casi più drammatici includono pazienti ricoverati in condizioni critiche con ipossiemia grave nonostante il massimo supporto respiratorio. Di gran lunga, i casi più notevoli di sopravvivenza si sono verificati con la somministrazione di ivermectina. L’ex ricercatore NIH David Scheim, PhD, all’inizio della pandemia ha proposto che la proteina Spike SARS-CoV-2 agisse come un rampino che tira insieme i globuli rossi circolanti in lunghe catene e grumi in un processo chiamato emoagglutinazione. Questo spiega perché i globuli rossi non potevano trasportare ossigeno normalmente ed era congruente con la scoperta di micro coaguli di sangue nei polmoni”.

“In una straordinaria pubblicazione, Stone et al, descrive il rapido miglioramento dell’ossigenazione nei pazienti con ivermectina. “

“Le curve di ossigenazione pubblicate da più studi mostrano chiaramente che questo effetto fisiologico dell’ivermectina si verifica così rapidamente, deve essere spiegato da un effetto proteico anti-Spike diretto dell’ivermectina. … Quindi, per il prossimo paziente critico con COVID-19, se si presenta l’opportunità, spingere per la somministrazione di ivermectina. Questa è l’unica terapia pubblicata per COVID-19 che migliora la saturazione di ossigeno mentre il paziente va verso un recupero. Come in quest’uomo, potrebbe essere il fattore critico per un’inversione di tendenza e la possibilità di uscire dall’ospedale. “

Ecco la descrizione della nuova ricerca sul successo dell’ivermectina nell’aumentare l’ossigeno nel sangue:

“L’emergenza di COVID-19 nel marzo 2020 ha sfidato lo Zimbabwe a rispondere con strutture mediche e opzioni terapeutiche limitate. Sulla base delle prime indicazioni cliniche di efficacia per il lattone macrociclico, Ivermectina (IVM), contro COVID-19, sono stati implementati trattamenti combinati basati su IVM per trattarlo. I dati di saturazione dell’ossigeno (SpO2) sono stati analizzati retrospettivamente per 34 pazienti COVID-19 gravi e ipossici tutti all’aria della stanza (senza ossigeno supplementare). I pazienti, età media 56,5 anni, sono stati trattati in clinica o a domicilio tra agosto 2020 e maggio 2021. Tutti tranne tre di questi 34 pazienti avevano aumentato significativamente i valori di SpO2 entro 24 ore dopo la prima dose IVM. L’aumento medio della SpO2 come percentuale di piena normalizzazione a SpO2 = 97 è stato del 55,1% a +12 h e del 62,3% a +24 h dopo la prima dose IVM (t-test accoppiato, p < 0,0000001). Questi risultati sono paralleli a simili aumenti rapidi e bruschi della SpO2, tutti all’aria aperta, per 24 pazienti COVID-19 per lo più gravi negli Stati Uniti (California) a cui è stato somministrato un trattamento combinato basato su IVM. Tutti i pazienti in entrambe queste serie critiche si sono ripresi. Questi rapidi aumenti dei valori di SpO2 dopo il trattamento IVM sono in netto contrasto con il declino della SpO2 e della funzione polmonare associata fino alla seconda settimana successiva all’insorgenza di sintomi COVID-19 moderati o gravi sotto cure standard”.

In sintesi, l’ivermectina agisce per prevenire e risolvere l’infezione precoce di COVID a causa della sua proprietà antivirale. Nelle fasi finali della malattia grave può curare a causa della sua proprietà antinfiammatoria. E ora sappiamo che può rimuovere i coaguli di sangue che bloccano il flusso di ossigeno. Ma, ancora, il governo non esce in modo molto pubblico per approvare l’uso di ivermectina nella pandemia COVID. Anche se un avvocato federale ha detto in un caso giudiziario che il governo non ha esplicitamente o effettivamente bloccato il suo uso. Quindi procurati un po ‘di ivermectina, disponibile da molte aziende in India, o convinci il tuo medico a darti una prescrizione per questo. Ma purtroppo la maggior parte degli ospedali probabilmente continuerà a bloccarne l’uso per i pazienti COVID.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi