Roger Waters: “Le accuse di antisemitismo servono a coprire gli abusi di Israele sui diritti umani”

Il grande musicista e co-fondatore dei Pink Floyd, Roger Waters, è stato recentemente censurato in modo tanto incredibile quanto vergognoso dal Festival di Sanremo (qui per un approfondimento). Anzi, ad essere onesti, è stato censurato due volte, considerando anche tutto il mainstream che non ha potuto sollevare il polverone della scure della Rai  – del resto poi i poveri giornali italiani vi avrebbero dovuto spiegare come su Venezuela, Siria, Palestina, Bolivia, Cile avesse avuto ragione Roger a ridicolizzarli…

Roger Waters, forse il più grande musicista vivente e sicuramente quello maggiormente impegnato per la pace e la giustizia dei popoli, ha rilasciato un’intervista a RT in cui smaschera in modo magistrale la propaganda che vuole attraverso generiche e infondate accuse di antisemitismo coprire tutti i crimini internazionali del regime teocratico di Israele.

Dopo la censura a Sanremo, Roger Waters è vittima di una campagna di odio per impedire che partecipi al festival musicale di SXSW (Austine), dopo che la ONG filo-sionista B’nai B’rith lo ha definito “antisemita” e ha ritirato la pubblicità alla Major League Baseball, solo perché durante alcune partite è stata data notizia del tour di Waters.

A RT, Roger Waters sppiega che le accuse infondate di antisemitismo servono come campagna di propaganda per coprire i crimini e gli abusi dal lato dei diritti umani di Israele. “Confonde le acque su una questione molto specifica, che è la questione dell’occupazione coloniale della terra di Palestina da parte delle forze armate israeliane … i diritti umani dovrebbero essere qualcosa di fondamentale che si applica a tutte le persone allo stesso modo”, ha detto Waters . “Chiaramente la questione Israele-Palestina è un esempio lampante di un luogo in cui alcune persone hanno diritti e altre no.”

Il motivo [le accuse di antisemitismo] vengono sollevate così spesso che non si affronta la questione fondamentale se ciò che dico sia vero o no. Waters ha anche fatto riferimento al losco sforzo della “nebulosa ONG”, l’Associazione internazionale della memoria dell’Olocausto, per ridefinire effettivamente la parola “antisemitismo”, ampliando il significato della parola per includere “qualsiasi critica delle politiche sia interne che straniere dello stato di Israele come intrinsecamente antisemita. ”

Sul movimento per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) che Waters sostiene e che è stato equiparato all’antisemitismo dal ministero degli Affari strategici israeliano, il muscista sostiene che “il movimento è contro tutte le forme di “ismi”, compreso, ma non limitato all’antisemitismo”.

Rivolgendosi direttamente ai suoi critici nella lobby israeliana, Waters li ha ammoniti di non nascondersi dietro il popolo ebraico, perché non tutti i cittadini israeliani sostengono le politiche di Tel Aviv. “Dovete trovare una difesa per la vostra argomentazione: è giusto o non è giusto che il governo israeliano stia gestendo un sistema di apartheid nel paese che un tempo si chiamava Palestina”.

“Dobbiamo essere in grado di guardare queste cose senza fango e non bollando i nomi delle persone che non si adattano come antisemiti”, ha concluso Waters.

Un gigante e per questo censurato vergognasmente in una Rai di nani.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-roger_waters_a_rt_le_accuse_di_antisemitismo_servono_a_coprire_gli_abusi_di_israele_sui_diritti_umani/82_33067/

 

Ebrei contro il sionismo. Parole e immagini che non vedrete mai sul mainstream

La battaglia contro l’antisemitismo è spesso il paravento dove nascondere il tentativo di sdoganare un’ideologia razzista come quella sionista.

Tanti sono gli ebrei che rigettano il sionismo e lo combattono. Come ad esempio la congregazione ebraica Haredim contro il sionismo e per i diritti dei palestinesi.

In questo video le parole che non sentirete mai sui media mainstream.

 

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-video_ebrei_contro_il_sionismo_parole_e_immagini_che_non_vedrete_mai_sul_mainstream/82_32861/