4 messaggi per gli amici di Erdogan che manifestano sotto l’ambasciata della Grecia

E’ possibile essere così sprovveduti? O si tratta di vera complicità?

Oggi gli amici di Erdogan, e tutti coloro che si fanno incredibilmente manipolare da costoro, manifestano sotto l’ambasciata della Grecia.

1.L’esercito turco invade la Siria a sostegno dei terroristi di Al Qaida ed attacca l’esercito siriano che cerca di liberare il paese dai terroristi.

2.L’esercito turco ed i terroristi chiudono i corridoi umanitari predisposti dal Governo siriano e dai Russi per far defluire i civili coinvolti nei combattimenti verso zone sicure.

3.Per ricattare la Grecia ed altri paesi europei che non hanno espresso pieno sostegno alla politica aggressiva della Turchia, la polizia turca spinge decine di migliaia di profughi e di “migranti” verso il confine greco, o li induce ad imbarcarsi verso le isole greche dell’Egeo.

4.Gli amici di Erdogan ed una miriade di organizzazioni pseudo-umanitarie vanno a manifestare sotto l’Ambasciata greca a Roma a obiettivo sostegno dell’orrido dittatore turco.

E’ possibile essere così sprovveduti? O si tratta di vera complicità?

Vincenzo Brandi

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-4_messaggi_per_gli_amici_di_erdogan_che_manifestano_sotto_lambasciata_della_grecia/82_33423/

 

“La persecuzione di Assange ed i giornalisti comprati”

Il giornalista australiano Assange è in attesa a Londra della decisione di un tribunale britannico sulla richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti.
Assange è accusato di aver diffuso sul sito Wikileaks documenti statunitensi, in gran parte forniti dal soldato Chelsea Manning (anche lui perseguitato ed in galera negli USA), che attestano le malefatte, le uccisioni e le stragi compiute dall’esercito statunitense durante le varie imprese imperiali degli USA.
Se la richiesta venisse accolta, Assange – già perseguitato per 10 anni dal Governo svedese, alleato degli USA, con una falsa accusa di stupro, poi completamente caduta – rischia di rimanere in galera a vita.
La cattura di Assange, che si era rifugiato nell’Ambasciata equadoriana, è stata resa possibile dal tradimento del nuovo Presidente equadoriano Lenin Moreno, che, su pressione statunitense, lo ha fatto rapire all’interno dell’Ambasciata ignorando il principio dell’asilo politico. Una recente manifestazione per Assange a Roma ed in altre città italiane del mondo ha ricordato questi episodi che coprono di vergogna i nostri governi “democratici” dell’Occidente.
E’ inevitabile a questo punto il confronto con la nutrita schiera dei giornalisti occidentali che hanno affidato le loro brillanti carriere ad un uso sistematico della menzogna, regolando i loro articoli sulle precise indicazioni che vengono loro dai Governi degli USA e di altri paesi della NATO, dai servizi segreti occidentali e dai grandi gruppi capitalistici e finanziari. Un recente libro del “grande” giornalista tedesco Ulfkotte, recentemente scomparso, dal titolo che non ha bisogno di commenti, “Giornalisti comprati”, coraggiosamente presentato in Italia dall’editore Zambon con una prefazione di Diego Siragusa, ha descritto il fenomeno per esperienza diretta. Ulfkotte confessa apertamente di essere stato anche lui pagato per diffondere false notizie, e denuncia, dopo essersi pentito, la maggior parte dei giornalisti tedeschi per aver accettato soldi, prebende, avanzamenti di carriera, in cambio della manipolazione delle notizie a favore del Governo, della NATO, degli USA, e di altri poteri forti.
Un libro in cui veniva descritta la sistematica manipolazione delle notizie da parte di giornalisti e commentatori vari fu scritto pochi anni fa in Italia anche da Vladimiro Giacché con il titolo “La Fabbrica del Falso”. Anch’esso non ha bisogno di commenti. Un altro libro in materia fu scritto dal Prof. Borgognone, ed un altro ancora dall’altro giornalista tedesco Elsasser con particolare riferimento alle guerre in Jugoslavia (“Menzogne di Guerra”). Anche gli amici Mario Albanesi, Fulvio Grimaldi, Marinella Correggia e tanti altri hanno contribuito allo sputtanamento dei bugiardi.

Tra le bugie dei giornalisti corrotti sono particolarmente odiose quelle dedicate alla politica estera per giustificare guerre ed aggressioni.
Il primo ministro jugoslavo Milosevic fu paragonato dalla stampa occidentale ad Hitler, poi rapito, processato con accuse riconosciute come false dopo la sua morte avvenuta in circostanze poco chiare nelle prigioni dell’Aja. I Serbi furono accusati di presunte stragi a Sarajevo, Srebenica, e Rakac nel Kossovo; e queste false notizie servirono a giustificare le aggressioni della NATO.
Gheddafi fu accusato falsamente di aver fatto bombardare folle di manifestanti a Tripoli e di aver fornito Viagra ai suoi soldati per indurli a stuprare le oppositrici. Queste ridicole ed assurde accuse servirono a distruggere la Libia ed assassinare il suo Presidente.
Le accuse di usare armi chimiche e di torturare gli oppositori sono servite a mettere sotto accusa il Presidente regolarmente eletto della Siria, Bashar Assad, e giustificare l’appoggio occidentale alle peggiori bande terroriste di Al Qaida e dei Fratelli Musulmani che hanno cercato di destabilizzare la Siria.
I golpisti nazisti di Kiev ed il ridicolo “presidente autoeletto” del Venezuela Guaidò sono stati fatti passare per autentici democratici.
Ora l’epidemia Coronavirus viene usata da qualche sciacallo per sparlare della Cina, mentre sempre più incredibili sono le accuse contro il Presidente della Corea Popolare Kim Jong Un, che addirittura farebbe assassinare gli oppositori con cannoni antiaerei (ma perché non usare metodi più semplici?).

In queste accuse si sono distinte, oltre che giornalisti compiacenti, anche alcune notissime ONG che vanno per la maggiore.
Amnesty International ha mandato in giro per tutto il mondo una mostra fotografica consistente in immagini di cadaveri di persone torturate, che sarebbero stati fotografati da un fantomatico agente della polizia siriana pentito, noto col soprannome di Caesar. Ma quando ho chiesto a membri di Amnesty il nome di questo Caesar e come facessero ad affermare che quelle foto fossero realmente foto di oppositori siriani, nessuno ha saputo rispondere.
Lo stesso è avvenuto quando un gruppo dell’organizzazione pacifista No War di cui faccio parte chiese a Medici Senza Frontiere su quali basi avessero diffuso la notizia di un attacco chimico a Douma, alla periferia di Damasco, nel 1913, in cui sarebbero morti 1500 civili. Anche loro non seppero dare una risposta. Ripetevano a pappagallo notizie diffuse dai nemici del Governo della Siria (quello regolarmente eletto e riconosciuto dall’ONU).
Anche nel caso della campagna orchestrata contro l’Egitto per il caso Regeni, se chiediamo la verità, allora vorremmo sapere tutta la verità. Vorremo sapere, ad esempio, perché Regeni avesse lavorato per la Oxford Analytica, una società i cui dirigenti erano John Negroponte, noto agente della CIA, organizzatore degli “squadroni della morte” in America Centrale, Colin McColl ex dirigente del servizio segreto inglese MI6 , ed il Sig. Young già consigliere privilegiato di presidenti statunitensi. Vorremmo sapere perché Regeni ha tentato di arruolare nell’ambito di un fantomatico “progetto” un sindacalista egiziano, che poi lo ha denunciato, e come mai il corpo di Regeni (che i Servizi Segreti egiziani avrebbero potuto facilmente far sparire, se fossero stati loro i colpevoli dell’omicidio) sia stato esibito in un luogo frequentato, non lontano da una sede degli stessi Servizi, e proprio nel giorno in cui doveva essere siglato un accordo miliardario tra ENI ed Egitto. La possibilità di una “provocazione” per far fallire l’accordo, attuato con il sacrificio di un personaggio minore già “bruciato”, è molto reale, e male fanno anche giornali come il “Manifesto” o il “Fatto Quotidiano” ad alimentare a senso unico il “caso Regeni”.

Oggi che l’esercito siriano sta scacciando i terroristi sostenuti dall’esercito turco dalle loro ultime basi, si leva dai loro sostenitori sconfitti – che non possono fare altro – un coro di proteste contro i presunti bombardamenti di scuole ed ospedali da parte dell’aviazione russa e dell’artiglieria siriana.
Se ne fanno portavoce, non solo 14 ministri degli Esteri europei, tra cui Di Maio, in una lettera aperta piena di bugie, ma anche i giornalisti “progressisti” di Lettera 21.
Invece di accusare per le sofferenze del popolo siriano i terroristi che hanno tenuto in ostaggio per 7 anni la Provincia di Idlib, viene accusato il Governo siriano, che ha il dovere di liberare tutto il suolo nazionale dal terrorismo diretto dall’esterno.
Le vittorie dell’esercito e del popolo siriani, che si stringono intorno al loro Presidente, sono un’adeguata risposta a queste ennesime ipocrisie menzognere.

Roma 27.febbraio, 2020
Vincenzo Brandi

http://www.gamadilavoce.it/