Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Ambientalismo

Caccia nei Parchi, continua la discussione in Consiglio Regionale del Lazio

Scritto da Legambiente Lazio. Postato in Ambientalismo

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

COMUNICATO STAMPA - 18/09/2018

Caccia nei Parchi, continua la discussione in Consiglio Regionale. Legambiente “Servono azioni ambientali”



Mentre in aula del Consiglio Regionale continua la discussione sul collegato al bilancio, Legambiente Lazio torna a chiedere un passo indietro sugli emendamenti approvati che aprono alla caccia nei Parchi regionali e azioni ambientali all'assessora all'Ambiente Onorati.


"Torniamo a chiedere all'assessora Onorati l'annullamento degli emendamenti approvati con il suo parere positivo che aprono la caccia e l'ingresso dei cacciatori nei Parchi - dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -. A tutti è chiaro che c'è un'emergenza cinghiali in grado di mettere in sofferenza l'agricoltura ma soprattutto la biodiversità stessa della quale i parchi sono i custodi, l'emergenza è stata peraltro già dichiarata dalla stessa Regione ormai da alcuni anni, ma la soluzione non è aprire ai cacciatori che sono i responsabili principali del numero di cinghiali in circolazione a causa di decenni in cui le politiche di ripopolamento al fine venatorio erano estremamente spregiudicate. Far entrare la caccia e i cacciatori nei parchi non risolve il problema, è un palliativo che non funziona e aggrava la situazione allontanando le vere soluzioni, quelle che i Parchi, per quanto di competenza, stanno già praticando. Parliamo dei piani di contenimento dei Parchi, che hanno avuto anche pareri dell'Ispra, e che prevedono la fornitura delle gabbie per la cattura agli agricoltori e anche la loro formazione per gestire questo percorso, come ha fatto l'Ente Regionale RomaNatura. L'assessora Onorati dovrebbe sostenere e rafforzare queste azioni, coinvolgendo e responsabilizzando ancora di più gli agricoltori e consentendo il conferimento per la trasformazione. Tra le azioni ambientali c'è bisogno piuttosto di approvare gli emendamenti al collegato che prevedono ampliamenti dei perimetri dei Parchi a partire da quello del Parco del Laurentino-Acqua Acetosa, che da tre anni aspetta che sia approvato il piano d'assetto, così come l’ampliamento del Parco dell'Appia Antica".

Ufficio Stampa Legambiente Lazio

0
0
0
s2sdefault

Ambiente Media

è realizzato da