Campagna di informazione sulla produzione di uova

Ogni anno in Italia 40 milioni di galline sono allevate in gabbia, per la produzione delle uova.  Il 13 e 14 marzo la LAV in oltre 350 piazze italiane.

 

Lo spazio a disposizione di ciascun animale è più piccolo di questo foglio, uno spazio che non permette alle galline di soddisfare i bisogni più elementari come il semplice aprire le ali. Numerosi i danni fisici che ne conseguono ai quali si aggiungono quelli psicologici.

 

La LAV, ha lanciato una campagna per sensibilizzare e informare l’opinione pubblica e i consumatori sui metodi di allevamento per la produzione delle uova. Non solo. Il nostro obiettivo è chiedere alle Istituzioni italiane e europee di rispettare il bando all’allevamento in gabbia che prevede dal 2012 il passaggio a metodi di produzione all’aperto o a terra. Chiediamo, inoltre, una maggiore tutela del consumatore e una etichettatura chiara delle uova in commercio. Insieme ai cittadini consumatori ci rivolgeremo alle amministrazioni locali e alle grandi catene dei supermercati per chiedere di non ricorrere più a uova da allevamento in gabbia.

Il 13 e 14 marzo la LAV sarà presente in oltre 350 piazze italiane con questa campagna.

Ai nostri tavoli sarà possibile firmare le cartoline rivolte ai supermercati e alle amministrazioni locali, ritirare materiale informativo e una guida dedicata ai consumatori sul sistema di etichettatura delle uova. I cittadini, inoltre, a fronte di un piccolo contributo, potranno portare a casa il tradizionale uovo di cioccolato della LAV, realizzato con ingredienti e sorprese equo e solidali.

Ufficio Comunicazione LAV

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.