“Chiude Morini, salvi i beagle!”

Per anni al centro delle proteste degli animalisti, cessa l’attività l’allevamento di S. Polo specializzato in animali da laboratorio. 283 cani acquistati dal Comune e ceduti a un’associazione di Milano.

 

CHIUDE MORINI, SALVI I BEAGLE

Per anni al centro delle proteste degli animalisti, cessa l’attività l’allevamento di S. Polo specializzato in animali da laboratorio. 283 cani acquistati dal Comune e ceduti a un’associazione di Milano.

Un accordo tra Giovanna Soprani, titolare dell’allevamento Morini, e il sindaco di San Polo, Mirca Carletti, scrive la parola fine sulla vicenda dei cani beagle che per anni ha suscitato proteste, anche a livello nazionale, presidi, scontri, violente polemiche nel mondo degli animalisti e tra le associazioni che si battono per la difesa degli animali, coma Enpa e Lav.

L’allevamento Morini cessa l’attività e l’area sarà oggetto di riqualificazione urbanistica. I beagles rimasti, che sono 283, sono stati acquistati a prezzo di mercato dal Comune, insieme a circa 700 cavie da laboratorio. Verranno trasferiti a Milano e ceduti gratuitamente all’associazione di volontariato “Vita da cani”, che fa parte dell’OIPA, l’Organizzazione Internazionale per la Protezione degli Animali.

Info alla pagina http://www.oipaitalia.com/vivisezione/notizie/chiudemorini.html

NO ALL’UCCISIONE DELLE NUTRIE DEL PARCO MIRALFIORE DI PESARO

Circa 4-5 anni fa un gruppo di nutrie si è insediato nell’area didattico-naturalistica del Parco Miralfiore di Pesaro. All’inizio sono arrivati 2-3 esemplari, che successivamente si sono riprodotti. Nessuno dei gestori del parco, a quei tempi, ha pensato di sterilizzare i pochi esemplari presenti, non considerando il prevedibile problema di sovraffollamento che sarebbe sorto in seguito. Nel 2009 la Provincia, visto l’elevato numero di animali presenti, dopo aver chiesto e ottenuto il parere favorevole dell’ISPRA ha emanato una Deliberazione per il loro abbattimento, giustificandola con i “danni lamentati a piante presenti nell’area didattica” e con un “problema di carattere sanitario legato alla trasmissibilità di malattie all’uomo e all’inquinamento delle acque”. Le Provincie di tutta Italia giustificano sempre questo genere di campagne di abbattimento con queste motivazioni… è senz’altro vero che le nutrie mangiano la vegetazione e che possono creare dei danni, ma solo se sono in concentrazioni molto elevate, e la questione della trasmissione delle malattie a tutt’oggi non è stata dimostrata da nessuno studio scientifico. Le analisi di sangue che sono state effettuate a campione dalle ASUR non hanno individuato rischi sanitari di nessun genere. L’abbattimento era stato fortunatamente bloccato dal Comune di Pesaro in seguito a proteste di privati cittadini (si era in periodo pre-elettorale).
Le associazioni ENPA Pesaro, OIPA Pesaro, Lupus in Fabula, Anpana Fano e Animal Freedom di Rimini, precedentemente tenute allo scuro di tutto, venute a conoscenza della questione hanno subito inviato una lettera di protesta a Comune, Provincia e a Marche Multiservizi (l’azienda che ha in gestione il parco), un comunicato stampa ai giornali, e hanno formulato un progetto di gestione incruenta delle nutrie del parco (che prevedeva l’installazione di reti antinutrie e la sterilizzazione degli animali), che è stato presentato in occasione di ben due Conferenze dei Servizi organizzate dal Comune stesso per affrontare la questione. […] Da allora (ottobre 2009) le associazioni non hanno più ricevuto alcun aggiornamento sull’evolversi della questione e sulle decisioni prese da Comune e Provincia. Sono state in pratica tenute volutamente allo scuro di tutto, fino a venerdì 21 maggio 2010, quando alcuni volontari sono venuti a sapere per puro caso che nei prossimi giorni la Provincia avvierà le catture e le successive soppressioni delle nutrie!
Invia la lettera di protesta alla pagina http://www.oipaitalia.com/caccia/appelli/nutrie.html

PRIMA ASSEMBLEA NAZIONALE GENERALE DELLE GUARDIE AMBIENTALI OIPA

In data 29 maggio 2010, presso una sala della “Città dell’altra economia” a Roma, si è svolta la prima Assemblea generale dei Coordinatori provinciali e regionali delle Guardie ambientali dell’OIPA Italia.

In tale occasione erano presenti anche i direttori dei corsi formativi per Guardie ambientali (eco-zoofile, venatorie, ittiche) che l’OIPA Italia ha in via di svolgimento in diverse città italiane.

L’assemblea si è aperta ricordando le 2 guardie zoofile della provincia di Genova recentemente scomparse durante lo svolgimento della loro mansione volontaria. Durante l’assemblea si è dibattuto di moltissimi argomenti tra cui la nuova formulazione del Regolamento interno delle Guardie Ambientali (approvato nell’aprile scorso dall’Assemblea dei soci OIPA), i requisiti per potere accedere ai corsi formativi delle Guardie e per potere mantenere in seguito tale qualifica, l’opportunità di richiedere o meno il porto d’armi anche alla luce dei gravi fatti recentemente accaduti nella provincia di Genova, l’organizzazione ed i contenuti dei corsi formativi in corso e dei corsi formativi futuri, la possibilità per le guardie in possesso di decreto prefettizio zoofilo di esercitare anche la vigilanza venatoria, la possibilità di avvalersi o meno, con ciò che esso comporta, della qualifica di Ufficiale di Polizia Giudiziaria.

Si sono analizzate leggi, norme e circolari attuative in merito al nostro operare quali Guardie Ambientali (Guardie che operano in base a nomina ricevuta dal Prefetto (Guardia Eco-Zoofila) e/o da Ente pubblico (venatoria e/o ittica e/o ecologica) per la prevenzione e la repressione delle infrazioni relative ai regolamenti locali e generali relativi alla protezione degli animali.

Leggi la notizia alla pagina http://www.oipaitalia.com/ecozoofile/notizie/assemblea2010.html

 

PER UN AMICO IN PIU’

Manifestazione dedicata alla sensibilizzazione sui diritti degli animali
Domenica 13 giugno – ore 17.00
Piazzetta di Castro Marina (LE)
All’interno della manifestazione si procederà con la microchippatura dei cani del territorio con l’ausilio di medici veterinari. Verrà distribuito materiale informativo per sensibilizzare i cittadini sulle tematiche riguardanti: abbandono degli animali, animali vaganti, malattie stagionali ed endemiche, adozioni.

Info alla pagina http://www.oipaitalia.com/appuntamenti/giugno_lecce13.html

 


GIORNATA 2 CUORI E 6 ZAMPE

13 giugno 2010

Giornata 2 cuori e 6 zampe
Una giornata dedicata al rapporto Uomo – Animale

Al Prato di Arezzo
Dalle 16:00 – 23:00

Info alla pagina http://www.oipaitalia.com/appuntamenti/giugno_2cuori6zampe.html

 

ANCHE QUEST’ANNO DONA IL 5 PER MILLE ALL’OIPA!

Basta apporre la tua firma nella casella “Sostegno delle organizzazioni non lucrative…” e indicare unicamente il codice fiscale dell’OIPA che è 97229260159

ATTENZIONE! SEI UN PENSIONATO O NON DEVI COMPILARE IL 730?
Anche i contribuenti esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi o i pensionati possono comunque destinare il 5 per mille all’OIPA, come?
Questa la semplice procedura:
– compilare il modulo della “Scelta per la destinazione dell’otto e del cinque per mille dell’Irpef” apponendo il codice fiscale dell’OIPA e la propria firma
– inserire il modulo in una busta bianca scrivendo nell’intestazione della busta il proprio nome e cognome e il numero del proprio codice fiscale e la dicitura “Scelta per la destinazione dell’otto e del cinque per mille”;
– consegnare la busta (senza nessuna affrancatura postale) alla propria banca o in qualsiasi ufficio postale.

Info alla pagina http://www.oipaitalia.com/5permille.html

 

OIPA Italia Onlus

Organizzazione Internazionale Protezione Animali

ONG affiliata al Dipartimento della Pubblica Informazione dell’ONU

Associazione riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente

(DM del 1/8/2007 pubblicato sulla G.U. n. 196 del 24/8/2007)
via Passerini 18 – 20162 Milano – Tel. 02 6427882 Fax 02 99980650

info@oipaitalia.comwww.oipaitalia.com

 

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.