No Draghi Day, il 4 dicembre in tutta Italia il sindacalismo di base scende in piazza

I COBAS e tutto il sindacalismo conflittuale in piazza in tante città contro i provvedimenti economici e sociali del governo Draghi. A Roma corteo da P. della Repubblica ore 15.00

Nella Legge di Bilancio del governo Draghi c’è un nuovo e pesante attacco alle condizioni di vita dei settori sociali più deboli del paese, assieme ad un ulteriore stanziamento di risorse verso le grandi  imprese e la rendita. Mentre gli aumenti dei prezzi delle materie prime e dell’energia provocano pesanti rincari delle bollette e dei beni di prima necessità, la Legge di Bilancio non riduce gli effetti del carovita sui bassi salari e le pensioni minime o per chi vive con il Reddito di cittadinanza, anzi. E’ previsto un rialzo dell’età pensionabile, mentre sul Reddito di Cittadinanza si restringe la platea degli aventi diritto, per forzarli ad accettare lavori anche a grande distanza dalla residenza. Sul fisco si preannuncia l’abolizione dell’IRAP, cioè dell’unica tassa ineludibile per le imprese, mentre le riduzioni per i lavoratori verranno indirizzate solo verso i redditi medio-alti (tra i 28 e i 55mila euro).

Malgrado sia ormai operativo lo sblocco totale dei licenziamenti e ancora visibili gli effetti pesantissimi della crisi pandemica, la manovra economica non punta alla riduzione delle fortissime disuguaglianze sociali. I significativi investimenti pubblici, che tanto abbiamo richiesto in questi mesi  sui servizi, a cominciare dalla Scuola, dalla Sanità  e dai Trasporti urbani, non ci sono. Per la Scuola non ci saranno le tanto auspicate riduzioni del numero di alunni/e per classe, l’aumento delle aule disponibili, il ridimensionamento dei mega-istituti, né l’aumento dei docenti ed Ata disponibili con l’assunzione dei precari/e – tutti provvedimenti utili contro la pandemia – né un contratto accettabile per i lavoratori/trici ai quali si promettono solo incentivazioni per il cosiddetto “merito” e per la “dedizione al lavoro”, mentre il governo tenta di far partire davvero l’Autonomia differenziata che sgretolerebbe l’unitù dell’istruzione pubblica nazionale. Né si intravedono impegni seri per la Sanità pubblica, malgrado il suo immiserimento sia apparso clamorosamente con la pandemia e per il rilancio della Sanità territoriale; come nessun impegno serio si dedica ad un potenziamento del Trasporto pubblico urbano, le cui carenze tanto hanno contato per la diffusione del Covid 19. E ancora una volta non ci sono interventi sulla questione abitativa a favore dei settori sociali a basso reddito. A completare il piano governativo c’è poi il disegno di legge sulla Concorrenza che prepara la privatizzazione di ciò che resta ancora di pubblico nel nostro paese: dai trasporti locali all’energia, dall’acqua all’igiene ambientale, dai porti fino ad un rilancio in grande stile della sanità privata, in spregio ai diritti sociali e alla salvaguardia dei Beni comuni,  senza alcuna seria preoccupazione verso i disastri ambientali e l’attacco alla sicurezza e alla salute dei lavoratori/trici e dei cittadini. Malgrado tutto ciò, il governo Draghi non incontra alcuna vera opposizione sul piano politico-isttuzionale e gode del silenzio complice dei leader dei “sindacatoni” e può ulteriormente svuotare di funzione il Parlamento e comprimere gli spazi di agibilità democratica, godendo di una libertà d’azione senza precedenti.

Lo sciopero generale dell’11 ottobre, promosso da tutto il sindacalismo conflittuale e di base, aveva individuato con precisione i temi all’ordine del giorno, dal no ai licenziamenti e alle privatizzazioni alla lotta per il salario e il reddito, dalla cancellazione della Legge Fornero al contrasto al carovita, per soddisfacentii contratti nel Pubblico impiego e consistenti investimenti nella Scuola, Sanità e Trasporti pubblici, contro la precarietà, per l’occupazione, aggredendo le rendite e le disuguaglianze. Quel programma di lotta oggi esce confermato dai nuovi provvedimenti presentati da Draghi.  E’ urgente la costruzione di un vasto movimento popolare che contrasti con la mobilitazione e la lotta questo disegno autoritario, destinato ad approfondire le disuguaglianze. Il sindacalismo di base, per potenziare la lotta, ha indetto una Giornata di protesta nazionale il prossimo 4 dicembre denominata “No Draghi Day” e invita tutti i movimenti e le realtà sociali e politiche a costruire in forma unitaria e condivisa la mobilitazione.

Manifestazioni regionali e provinciali si svolgeranno a: – ROMA (P. della Repubblica  ore 15.00)- FIRENZE  (P. Stazione  ore 15.00)- NAPOLI  (P. del Gesù  ore 14.30)- MILANO  (Palazzo della Regione  ore 16.00)- CAGLIARI (Palazzo delle Regione  ore 16.00)- BOLOGNA (P. Unità  ore 11.00)- TORINO (P. Solferino  ore 15.00)- PALERMO  (P. Massimo ore 17.00)- GENOVA  (P. Caricamento  ore 15.30)- PESCARA  (P. S. Cuore  ore 16.00)- ANCONA  (P. Pertini  ore 11.00)- TERNI (P. Ridolfi  ore 16.00)- MESSINA  (Prefettura  ore 10.30)- COSENZA  (P. Kennedy  ore 17.00)- REGGIO CALABRIA  (P. Camagna  ore 17.00)- BARI (Piazzale INPS  ore 10.00)- TRIESTE (Largo Barriera  ore 10.30)- PISA  (P. XX Settembre  ore 16.00)- GROSSETO  (P. San Francesco   ore 16.00)- CATANIA e PADOVA (con luogo e orario in via di decisione)- PISTICCI (Matera) Assemblea popolare regionale ore 16.00 con luoghi e orari in via di decisione, oltre ad altre città che verranno comunicate a breve.

Piero Bernocchi  portavoce nazionale COBAS

4 DICEMBRE NO DRAGHI DAY / Notizie / Cobas – Cobas

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi