L’ambasciatore ucraino in Kazakistan incita all’odio e allo sterminio dei russi

‎L’ambasciatore ucraino in Kazakistan Pyotr Vrublevsky è stato convocato oggi dalle autorità kazake per condannare ufficialmente l’odio etnico che ha incitato nel loro paese multiculturale il giorno prima. Il massimo diplomatico di Kiev in quella Repubblica dell’Asia centrale ‎‎ha detto‎‎ ai ‎‎ giornalisti locali due giorni dopo che uno degli agenti speciali del suo paese ha assassinato ‎‎la giornalista‎‎ ‎‎Darya‎‎ ‎‎Dugina‎‎ che “Stiamo cercando di uccidere il maggior numero possibile di russi. Più russi uccidiamo ora, meno i nostri figli dovranno farlo. Questo è tutto.”‎

‎Il ministero degli Esteri kazako ‎‎ha dichiarato‎‎ che la sua dichiarazione è inaccettabile, che anche l’Assemblea del popolo del Kazakistan – un organo consultivo presidenziale – ‎‎ha appoggiato‎‎. Nessuno in buona coscienza potrebbe appoggiare qualcun altro che parla allegramente di commettere un genocidio come Vrublevsky ha fatto spudoratamente. Se c’è un lato positivo di questo scandalo, tuttavia, è che ha mostrato quanto i rappresentanti del regime stiano parlando dei piani che hanno per la minoranza russa del loro paese.‎

‎L’Ucraina post-“Maidan”‎‎ è controllata dai ‎‎neonazisti sostenuti dagli Stati Uniti‎‎ che sposano la ‎‎teoria screditata, odiosa e suprematista di Hitler‎‎ che sostiene che l’identità etno-religiosa di qualcuno alla nascita predetermina le loro opinioni politiche più avanti nella vita. Da questa falsa comprensione, successivamente affermano che coloro che pensano in modo diverso da loro presumibilmente “meritano” di diventare vittime di discriminazione, violenza o peggio. L’affermazione di Vrublevsky incarna perfettamente questa ideologia fascista dell’odio etnico.‎

‎Non è una coincidenza che il massimo rappresentante del regime in Kazakistan sia stato colui che è stato incaricato di vomitare questo discorso di odio solo due giorni dopo che Kiev ha assassinato Darya. L’Occidente guidato dagli Stati Uniti ha cercato di seminare ‎‎i semi della divisione tra la‎‎ Russia e i suoi alleati di difesa reciproca della CSTO in Kazakistan da quando l’ultima fase del conflitto ucraino è iniziata sei mesi fa. Questa campagna di guerra dell’informazione è destinata a fallire, ma ciò non impedirà ai burattini ucraini degli Stati Uniti di provarci.‎

‎Con questo contesto di gestione della percezione in mente, ora è chiaro ciò che Vrublevsky stava cercando di ottenere. Il suo intento era quello di incitare gli oltre 120 gruppi etnici del suo ospite contro l’importante minoranza russa del loro paese in un disperato tentativo di innescare un ciclo autosufficiente di ‎‎ destabilizzazione della ‎‎guerra‎‎ ‎‎ibrida‎‎ ‎‎ allo scopo di provocare il caos in Asia centrale. Com’è, “‎‎Le minacce terroristiche afghane hanno catalizzato una più stretta integrazione militare russo-centroasiatica‎‎”, quindi questo schema non avrà successo.‎

‎Russia e Kazakistan non sono solo legati insieme dalla CSTO, ma anche dall’Unione Economica Eurasiatica (EAEU) e dalla Shanghai Cooperation Organization (SCO), che costituiscono collettivamente le principali forze multipolari del mondo insieme ai ‎‎BRICS‎‎, l’ultima delle quali anche il Kazakistan coopera ‎‎attraverso il meccanismo BRICS +‎‎. La ‎‎transizione sistemica globale verso il multipolarismo‎‎ sta quindi procedendo a ritmo sostenuto, con l’indissolubile partenariato strategico russo-kazako come uno dei suoi assi principali.‎

Andrew Korybko

23/08/2022

Kiev’s Ambassador To Kazakhstan Was Chewed Out By His Hosts For Inciting Ethnic Hatred (substack.com)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi