L’ambasciatore di Kiev in Vaticano ha vilmente giustificato l’assassinio di Darya Dugina

di Andrew Korybko – 25/08/2022

Kiev’s Representative To The Vatican Just Vilely Justified Darya Dugina’s Assassination (substack.com)

‎Kiev è caduta in disgrazia con il pubblico occidentale nelle ultime settimane da quando i media mainstream (MSM) hanno improvvisamente iniziato a riferire sui molti aspetti sgradevoli di quel regime fascista, guidati da organi di stampa influenti come ‎‎CBS News‎‎, ‎‎CNN‎‎ ‎‎e ‎‎The Guardian‎‎. Inoltre, il precedente ‎‎servizio fotografico di Vogue‎‎ degli Zelensky ha lasciato un sapore molto aspro in bocca a molte persone che hanno iniziato a chiedersi se le loro tasse stiano almeno in parte finanziando lo stile di vita sontuoso della sua famiglia. L’ultimo sviluppo di questa tendenza negativa è arrivato subito dopo che il rappresentante di Kiev in Vaticano ha vilmente giustificato ‎‎l’assassinio‎‎ di ‎‎Darya‎‎ ‎‎Dugina‎‎ in seguito alle ‎‎condoglianze pubbliche‎‎ di ‎‎Papa Francesco‎‎ per la sua morte.‎

‎Il leader cattolico aveva detto: “Penso a quella povera ragazza fatta saltare in aria da una bomba sotto il suo seggiolino a Mosca. Gli innocenti pagano per la guerra. Gli innocenti! Pensiamo a questa realtà e diciamoci l’un l’altro: la guerra è follia”. Queste frasi di Papa Francesco hanno spinto Andrey Yurash a ‎‎twittare‎‎ che “Il discorso di oggi del pontefice è stato deludente e mi ha fatto pensare a molte cose: non posso mescolare tra aggressore e vittima, stupratore e stuprato; come è possibile menzionare gli ideologi dell’imperialismo come una vittima innocente? In poche parole, Yurash crede di essere proverbialmente “più santo del Papa”, che è un suo diritto, naturalmente, ma è ancora molto offensivo.‎

‎Molti in Occidente hanno generalmente una percezione positiva del leader cattolico. Questo è particolarmente vero per Francesco, che è considerato di sinistra sia dai critici che dai sostenitori. La Russia e in particolare la famiglia Dugin, al contrario, sono state erroneamente definite come la cosiddetta “estrema destra”. Considerando questo, le condoglianze pubbliche del Papa per il vile attacco terroristico che ha brutalmente posto fine alla vita di Darya sono particolarmente significative nel senso del soft power poiché sta riaffermando il fatto che era davvero una vittima innocente che non meritava di morire, per non parlare delle sue convinzioni patriottiche che sono state erroneamente descritte come “genocide” da alcuni influencer occidentali.‎

‎Yurash, d’altra parte, ha fortemente implicato che le opinioni politiche di qualcuno (o la loro falsa percezione come in questo tragico caso) possono presumibilmente giustificare la condanna a morte nei modi più atroci possibili come farli esplodere con un’autobomba come capitato a Darya. La sua opinione può oggettivamente essere descritta come incitamento all’odio fascista, ma è alla pari quando si tratta dei rappresentanti di Kiev e dei loro sostenitori all’estero, compresi quelli della società occidentale che sono stati radicalizzati dall’incessante campagna di propaganda anti-russa del MSM. La stragrande maggioranza delle persone, tuttavia, reagirà prevedibilmente con disgusto dopo ciò che ha appena scritto, e giustamente.‎

‎Ciò può a sua volta ridurre ulteriormente il loro già declinante sostegno a Kiev, che quindi lavora contro gli interessi del soft power di quel regime e quelli dei suoi sponsor statali occidentali. Dopotutto, il suo processo di pensiero è indistinguibile dall’ISIS e da altri gruppi terroristici, che affermano anche che coloro che considerano loro nemici ideologici presumibilmente meritano di morire, anche nei modi più violenti. Era già abbastanza brutto che l’ambasciatore ucraino in Kazakistan fosse stato ‎criticato‎ dai suoi ospiti per incitamento all’odio etnico dopo essersi spudoratamente vantato di come la sua parte voglia letteralmente “uccidere il maggior numero possibile di russi”, e ora il rappresentante di Kiev in Vaticano ha agito “più santo del Papa”.‎

‎Non solo si è comportato in modo così arrogante e irrispettoso, ma lo ha fatto per giustificare l’assassinio di una giornalista innocente, che va contro tutto ciò che tutte le persone oneste – cattoliche o meno – rappresentano. Ciò è destinato a offendere decine di milioni di persone in Occidente, specialmente coloro che si rivolgono al Papa per una guida spirituale o almeno rispettano le sue intenzioni positive nonostante non siano d’accordo con lui su alcune questioni. Yurash ha attraversato la linea rossa, dalla quale non c’è modo di tornare indietro. La maschera del suo regime fascista è appena scivolata e tutti coloro che hanno visto il suo volto veramente spregevole non dimenticheranno mai ciò che hanno visto.‎

(traduzione automatica e rielaborazione testo: ambientewb.org)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi