Cremlino: “‘Inspiegabili’ le cifre proposte dall’UE per il tetto al prezzo del petrolio russo”

MOSCA, 24 novembre. /TASS/.

В Кремле назвали обсуждаемый ЕС уровень потолка цен на нефть “малообъяснимыми цифрами” (tass.ru)

 

La Russia non prevede di fornire petrolio e gas ai paesi che aderiranno all’introduzione di un tetto al prezzo per le  risorse energetiche, ma le cifre discusse in Europa sembrano del tutto ingiustificate. Lo ha dichiarato giovedì ai giornalisti l’addetto stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov. Secondo le fonti, gli europei vorrebbero infatti stabilire il tetto su cifre tra i 65 e i 70 dollari al barile per il petrolio russo.

In precedenza era stato riferito che gli ambasciatori dei paesi dell’UE non hanno concordato una posizione comune sull’introduzione di un tetto ai prezzi del petrolio russo nell’ambito del Gruppo dei Sette (G7), ma i negoziati continueranno. Alcuni Stati, tra cui la Polonia e gli Stati baltici, ritengono che questo massimale sia troppo elevato e i paesi che ricevono una parte significativa delle entrate derivanti dal trasporto marittimo di petrolio – Grecia, Cipro, Malta e altri – ritengono che il livello soglia sia troppo basso e minacci di compromettere il commercio mondiale di petrolio.

Il petrolio russo è ora scambiato a circa $ 70 al barile con uno sconto, quindi da un punto di vista economico, il tetto di $ 65-70 al barile non avrà molta importanza. Tuttavia, ciò potrebbe avere implicazioni strategiche a lungo termine in caso di un nuovo picco dei prezzi del petrolio. Secondo gli esperti europei, a questo proposito, c’è un serio rischio che la Russia fermi le consegne ai paesi che aderiranno a questo meccanismo, anche se attualmente è indolore per la Federazione Russa. Questo, a sua volta, potrebbe causare un forte aumento dei prezzi sul mercato mondiale, se altri produttori di petrolio non aumentassero bruscamente la produzione.

Secondo Peskov “è ancora difficile prevedere” quale impatto avrà questo [tetto] sul mercato dell’energia. “Non forniremo petrolio e gas a quegli stati che introdurranno il tetto”, ha continuato l’addetto stampa del presidente della Federazione Russa. Tuttavia, la Federazione Russa, vedendo le cifre discusse in Europa, intende analizzare la situazione “prima di formulare una posizione”, ha aggiunto il portavoce del Cremlino.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi