Alexander Schallenberg (Austria): “UE non deve eccedere con le sanzioni contro Mosca”

RT – 17/01/2023

Il principale diplomatico del paese dell’UE mette in guardia contro l’eccesso di sanzioni alla Russia – RT World News

 

I paesi europei dovrebbero mantenere il senso delle proporzioni quando puniscono la Russia per le sue azioni in Ucraina, ha sostenuto il ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg. Il diplomatico ha messo in guardia contro tali misure punitive come un divieto di visto generale per tutti i cittadini russi.

Parlando all’università di ricerca Sciences Po di Parigi lunedì, Schallenberg ha detto: “Non dovremmo sparare oltre il bersaglio, ad esempio, imponendo un divieto di visto per 144 milioni di russi”.

Il ministro ha anche detto che la Russia rimarrà parte della storia e della cultura europea nonostante le attuali tensioni tra l’UE e il suo vicino orientale.

Il diplomatico austriaco ha chiarito, tuttavia, che Vienna sostiene incondizionatamente l’Ucraina nel suo conflitto con la Russia.

Ma, secondo il ministro, l’Occidente “deve anche pensare al giorno dopo, alla settimana dopo e ai mesi che seguono”.

Schallenberg ha osservato che l’architettura di sicurezza dell’Europa includerà ancora la Russia, in un modo o nell’altro, in futuro, tenendo conto del suo ruolo di membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dello status di potenza nucleare.

Ha continuato sottolineando l’importanza dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e ha criticato la Polonia, che ha presieduto l’ultima riunione dell’entità all’inizio di dicembre, per aver escluso il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov dall’evento.

“L’OSCE è una delle poche piattaforme rimaste dove i diplomatici russi siedono ancora e devono ascoltare le nostre argomentazioni, le nostre aspre critiche alla guerra di aggressione russa”, ha spiegato il principale diplomatico austriaco.

Oltre a mantenere quello che ha descritto come un senso delle proporzioni, l’Occidente dovrebbe anche sforzarsi di rimanere unito nel 2023, ha sostenuto il funzionario.

Ha detto che “la nostra condotta oggi definirà lo status del mondo libero nei prossimi anni”.

La Russia ha inviato truppe in Ucraina il 24 febbraio, citando il fallimento di Kiev nell’attuare gli accordi di Minsk, progettati per dare alle regioni di Donetsk e Lugansk uno status speciale all’interno dello stato ucraino. I protocolli, mediati da Germania e Francia, sono stati firmati per la prima volta nel 2014. L’ex presidente ucraino Pyotr Poroshenko ha ammesso che l’obiettivo principale di Kiev era quello di usare il cessate il fuoco per guadagnare tempo e “creare potenti forze armate”.

Poco prima dello scoppio delle ostilità, il Cremlino ha riconosciuto le repubbliche del Donbass come stati indipendenti e ha chiesto che l’Ucraina si dichiarasse ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai a nessun blocco militare occidentale. Lo scorso settembre, Donetsk e Lugansk, così come le regioni di Kherson e Zaporozhye, sono state incorporate nella Russia a seguito di referendum.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi