Clima, l’Italia vuole tagliare le emissioni al 2030 solo del 37%, l’Ue punta a oltre il 50%

Cambiamenti climatici, Kyoto Club: “Mentre l’Italia vuole tagliare le emissioni al 2030 solo del 37%, l’Ue rilancia e punta a oltre il 50%”.

Oggi, giovedì 12 dicembre 2019, Kyoto Club ha organizzato un convegno per celebrare l’anniversario dell’Accordo di Parigi e riflettere sulle strategie per il taglio delle emissioni al 2030 e il loro azzeramento al 2050.  Per evitare la catastrofe climatica “anche le imprese devono mobilitarsi con nuovi investimenti”.

Mentre i giovani di tutto il Pianeta riempiono le piazze per chiedere ai nostri governanti di fare in fretta e agire per affrontare la crisi climatica, la comunità scientifica internazionale – radunata dal 2 al 13 dicembre alla Conferenza delle parti sul clima di Madrid (COP25) – ha lanciato l’ennesimo avvertimento: se le attuali tendenze dovessero continuare, le temperature globali potrebbero aumentare dai 3,4 ai 3,9°C già in questo secolo, causando effetti distruttivi su larga scala.

A fine novembre 2019, il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che dichiara l’emergenza climatica e ambientale in Europa e nel mondo.
In un’altra risoluzione, l’Eurocamera esorta l’UE a presentare alla COP25 una strategia per raggiungere la neutralità climatica al più tardi entro il 2050.

“‘Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur’. Purtroppo, temo si debba ricorrere a Tito Livio per descrivere la situazione attuale sui negoziati internazionali sulla crisi climatica. Mentre a Madrid si discute su dettagli, la concentrazione di CO2 in atmosfera e la temperatura media del pianeta conseguentemente continua ad innalzarsi – sono le parole del Vicepresidente di Kyoto Club, Francesco Ferrante, intervenuto al convegno in collegamento dalla COP25 di Madrid –  E’ abbastanza stupefacente come, nonostante i ripetuti allarmi provenienti dalla comunità scientifica e le straordinarie opportunità che ci offre l’innovazione tecnologica, le scelte politiche – a livello internazionale ma anche dei singoli Paesi (tranne poche lodevoli eccezioni) – siano così drammaticamente inadeguate e ancora influenzate dagli ‘antichi’ poteri fossili. Madrid temo sia l’ennesima tappa di ‘transizione’ e l’appuntamento decisivo sarà quello dell’anno prossimo a Glasgow nel quale dovranno essere approvati gli aggiornamenti dei piani nazionali di riduzione delle emissioni. Ma il tempo sta davvero scadendo”.

Per aprire uno spazio di riflessione e approfondimento su queste tematiche, Kyoto Club ha organizzato oggi a Roma, presso “Spazio Europa”, un convegno per riflettere su quali debbano essere le priorità ambientali per l’Italia e l’Europa al 2030 con uno sguardo più lungo al 2050. L’evento è stato anche l’occasione per celebrare l’Anniversario della firma dell’Accordo di Parigi. Il momento è particolarmente delicato, anche perché a breve sarà finalizzata la versione finale del Piano energia e clima (Pniec) da parte del Governo italiano.

“Il Green New Deal presentato ieri da Ursula von der Leyen rappresenta il primo atto politico della nuova Commissione e indica la chiara volontà di dare centralità alla questione climatica – dichiara il Direttore scientifico di Kyoto Club, Gianni Silvestrini – Il documento contiene diverse suggestioni interessanti, fra cui l’impegno ad alzare il target 2030 al 50-55% (ma l’auspicio è che si passi al 60%) e a tracciare il percorso per un’Europa “carbon neutral” al 2050. Se a queste enunciazioni seguiranno impegni concreti, ad esempio sul versante degli investimenti e della fiscalità ambientale, dei modelli di consumo e di produzione, l’Europa tornerà al ruolo di guida mondiale della lotta climatica che si era un poco offuscato. Alcuni paesi, del resto, stanno rispondendo adeguatamente all’emergenza in atto. La Danimarca la settimana scorsa, ad esempio, ha deciso di ridurre del 70% le emissioni al 2030. Stonano invece, nell’attuale delicata fase, posizioni come quella italiana che prevede un taglio delle emissioni limitato al 37%. Dobbiamo e possiamo essere più coraggiosi. E nei prossimi mesi andranno varati alcuni provvedimenti essenziali per accelerare gli interventi di riduzione delle emissioni”.

Quella della decarbonizzazione è una sfida che riguarda non solo gli Stati o le Istituzioni sovranazionali, ma anche le imprese e il settore privato, dove si stanno affermando nuovi modelli di business e strumenti per contrastare il cambiamento climatico.

“La direzione verso la quale si muovono molti Governi è giusta ma è ingenuo pensare che i loro sforzi possano oggi rallentare in modo sostanziale il riscaldamento climatico – il commento è del Vicepresidente di Kyoto Club, Gianluigi Angelantoni – Non riuscire a ridurre drasticamente le emissioni causerà un disastro ambientale e anche economico. Per questo anche le Imprese devono mobilitarsi con nuovi investimenti nelle Rinnovabili, nell’ Efficientamento Energetico e nell’ Economia Circolare. Ne va del nostro stesso futuro come operatori economici, non solo come cittadini!”.

Se fino a poco tempo fa la crisi climatica sembrava un problema che investiva il nostro futuro, negli ultimi anni il tema è diventato più che mai attuale ed immediato: per contenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2/1,5 gradi centigradi, come deciso a Parigi nel 2015, serve accelerare la transizione da un sistema basato sulle fonti fossili ad una economia circolare e a zero emissioni.

Comunicato stampa
Roma, 12 dicembre 2019


www.kyotoclub.org

 


Comunicato stampa

Roma, 12 dicembre 2019

Trasformazione Digitale & Sostenibilità, Kyoto Club lancia un sondaggio per le aziende

La digitalizzazione è un’opportunità reale di sviluppo sostenibile? Chi ha approfittato dei piani governativi Industria/Impresa 4.0 sta ottenendo benefici anche in termini di efficienza energetica? E perché la “Digital Transformation” rappresenta un’importante occasione differenziante per le aziende anche in termini di “Green Economy”?

Il Gruppo di Lavoro “Efficienza Energetica” di Kyoto Club lancia un sondaggio rivolto alle imprese, con l’obiettivo di raccontare le buone pratiche digitali e sostenibili già avviate e di avvicinare le aziende che non hanno ancora colto le opportunità di questa rivoluzione.

Con l’obiettivo di fare sistema e di rendere replicabili gli interventi virtuosi già messi a processo da alcune realtà produttive del nostro Paese, il Gruppo di Lavoro “Efficienza Energetica” di Kyoto Club lancia un sondaggio rivolto alle imprese.

Perché prendere parte all’indagine?

  • Per raccontare la propria eccellenza, Digital & green. Le pratiche raccolte saranno valorizzate e promosse in convegni e pubblicazioni.
  • Per partecipare ad un osservatorio esteso, di cui saranno protagoniste le PMI italiane, i cui primi esiti verranno resi noti in importanti occasioni pubbliche a partire dalla primavera/estate 2020.
  • Per avvicinarsi all’opportunità della trasformazione digitale come leva di sviluppo, per chi non lo avesse ancora fatto, con la possibilità di approfondimenti mirati e customizzati in caso di interesse.

“Siamo convinti che si possa coniugare in modo efficace e virtuoso l’innovazione tecnologica e la sostenibilità ambientale. Questa indagine sarà un’occasione per indagare sul campo il legame effettivo tra interventi di trasformazione digitale, crescita della competitività delle imprese e possibile impatto sulla sostenibilità di processi e sviluppi aziendali – dichiara Laura Bruni, Coordinatrice GdL ‘Efficienza Energetica’ di Kyoto Club e Direttore Affari Istituzionali di Schneider Electric –                 Vorremmo dare voce alle eccellenze italiane, per renderle note e replicabili, ma anche comprendere le ragioni di chi non percepisce la trasformazione digitale come opportunità di crescita, facendoci portavoce di bisogni e necessità di chiarimento”.

Scopri di più su www.kyotoclub.org/gruppi-di-lavoro/efficienza-energetica/digitalizzazione

 

Un grido mondiale per il clima

Oggi, 28 novembre, l’Ue ha trovato il coraggio di approvare almeno la Dichiarazione di emergenza climatica e ambientale. “Sarà che cominciano a sentire il nostro fiato sul collo?”, scrivono quelli di Fridays for future Italia che domani saranno per la quarta volta nelle piazze di 157 paesi e in oltre cento città italiane, con azioni dirette, cortei e sit-it. “I leader mondiali ci hanno tradito di nuovo. Vi avevamo avvisato. Ci vediamo il 29 novembre. #ComeOsate”.

Ecco l’elenco delle città italiane, qui la mappa in continuo aggiornamento, qua infine l’evento facebook 4º Global Strike For Future.

.

Acireale / Delle Aci • Piazza Duomo

Agrigento • 4°Global Climate Strike

Agropoli • Liceo Alfonso Gatto

Alberobello • 4° GlobalClimateStrike

Alessandria • Piazzetta della Lega

Alzano Lombardo (BG) • LSS “Edoardo Amaldi”

Ancona • 4°Global Climate Strike

Aosta • Piazza Narbonne

Asti • Piazza San Secondo

Avellino • 4°Global Climate Strike

Aversa • Piazza Municipio

Avigliana / Val Susa • 4°Global Climate Strike

Bari • 4°Global Climate Strike

Battipaglia • 4° GlobalClimateStrike [6 DIC]

Bellinzona • Largo Elvezia

Belluno • Piazza dei Martiri

Benevento • Piazza Risorgimento

Bergamo • Piazzale Marconi

Bergamo • I.S. “Bortolo Belotti”

Bergamo • LLS “Giovanni Falcone”

Bitonto • Piazza Cavour

Bologna • Piazza XX Settembre

Bolzano / South Tyrol • Piazza Verdi

Brescia • Piazza della Vittoria

Brindisi • Piazzale della Stazione

Busto Arsizio • Piazza San Giovanni

Cagliari • Piazza Garibaldi

Caltanissetta • Piazza Grazia

Campobasso • Piazza San Francesco

Carpi • Via Peruzzi

Carrara • Piazza Menconi

Caserta • Stazione

Castelfranco Emilia • 4° GlobalClimateStrike

Castelfranco Veneto • Centro Bordignon

Catania • Piazza Roma

Catanzaro • 4° Global Climate Strike

Cesena • via Piersanti Mattarella

Chieri • 4°GlobalClimateStrike c/o Torino

Chioggia • via Palmiro Togliatti

Civitanova Marche • 4° GlobalClimateStrike c/o Ancona

Civitavecchia • Piazzale Frati Cappucini

Collegno / Grugliasco • 4° Global Climate Strike

Cosenza • Piazza Kennedy

Como • Palazzo Cernezzi

Crema • Piazza Duomo

Cremona • Autostazione

Dolo / Riviera del Brenta • 4° Global Climate Strike

Fabriano • 4°GlobalClimateStrike c/o Ancona

Faenza • Parco Ugonia, Brisighella

Fano • 4°GlobalClimateStrike

Ferrara • Piazza del Municipio

Firenze • Piazza della Repubblica

Fiumicino • Darsena

Foggia • Piazza Italia

Forlì • Piazzale Atleti Azzuri d’Italia

Forlimpopoli • 4°GlobalClimateStrike

Gangi (PA) / Madonie • Comune

Genova • Sala Quadrivium

Grosseto • Piazza Etrusco Benci

Imola • Scuole -> Piazza Matteotti

Jesi • 4°GlobalClimateStrike c/o FFF Ancona

Lanciano • Piazzale Petrosa

La Spezia • 4° GlobalClimateStrike!

Lecce • Porta Napoli

Lecco • 4° GlobalClimateStrike

Legnago (VR) • 4°GlobalClimateStrike

Livorno • Piazza Cavour

Lodi • Piazza Castello

Lucca • Piazza San Michele

Luino • Centro Città

Macerata • 4°GlobalClimateStrike c/o Ancona

Manfredonia (FG) • via Barletta

Mantova • Piazza dei Mille

Martina Franca • Piazza Vittorio Veneto

Matera • Piazza Matteotti

Mazara del Vallo • 4°GlobalClimateStrike

Messina • Piazza Antonello

Mestre • Liceo Stefanini

Milano • Largo Cairoli

Modena • 4° GlobalClimateStrike!

Mogliano Veneto • Municipio

Monopoli • 4°GlobalClimateStrike

Monterosso Almo • IC Capuana

Monza • Piazza Trento e Trieste

Morbegno / Valtellina • Piazza S. Antonio

Napoli • Piazza Garibaldi

Novara • Piazza Cavour

Olbia • 4° GlobalClimateStrike

Oristano • Piazza Roma

Padova • Stazione

Palermo • Piazza Castelnuovo

Parma • Barriera Bixio

Perugia • Piazza Italia

Pavia • 4°GlobalClimateStrike

Pesaro • 4° GlobalClimateStrike c/o Ancona

Pescara • Piazza dell’Unione

Piacenza • Liceo Respighi

Pinerolo • 4°GlobalClimateStrike

Pisa • Piazza XX settembre

Pomigliano d’Arco • Stazione

Pordenone • Piazzetta Cavour

Prato • Piazza del Comune

Ravenna • Piazza Anita Garibaldi

Reggio Emilia • Parco Cervi

Rimini • Arco d’Augusto

Rivoli (TO) • 4° GlobalClimateStrike c/o Torino

Roma • Piazza della Repubblica

Salerno • 4°GlobalClimateStrikeSalsomaggiore – Piazza Berzieri

Saluzzo (CN) • gruppo locale FFF

San Donà di Piave – Centro Studi

San Marino • Piazza della Libertà

Sassari • Piazza Castello

Savona • Piazza Garibaldi

Settimo Torinese • 4°GlobalClimateStrike

Schio / Alto Vicentino • 4°GlobalClimateStrike

Senigallia  – 4° GlobalClimateStrike c/o Ancona

Siena • Via Pianigiani

Siracusa • Piazzale Marconi

Taranto • Arsenale Via di Palma

Tempio Pausania • 4° Global Climate Strike

Termoli • 4°GlobalClimateStrike

Torino • 4°GlobalClimateStrike

Torino Liceo Cavour • 4°GlobalClimateStrike c/o Torino

Trento • Via Giuseppe Verdi

Treviso • 4°GlobalClimateStrike

Trieste • 4°GlobalClimateStrike!

Trino – gruppo locale P4F

Udine • XX Settembre

Urbino • 4°GlobalClimateStrike c/o Ancona

Valdango • I.I.S. “G.G. Trissino”

Varese • Piazza Montegrappa

Venezia • 4°GlobalClimateStrike

Verona • Piazza Brà

Viareggio / Versilia • 4°GlobalClimateStrike c/o Lucca

Vicenza • Piazzale della Stazione

Vigevano • Piazza Ducale

Vimercate • Omnicomprensivo

Vittorio Veneto • 4° GlobalClimateStrike c/o…

 

R.C.28 Novembre 2019
Foto di Fridays for future Venezia

Un grido mondiale per il clima