Energia, il duro attacco del Governo Renzi alle rinnovabili

Il Governo vuole ridurre la bolletta elettrica del 10% per le PMI, ma per farlo propone di agire quasi esclusivamente sulla componente che va a incentivare le fonti rinnovabili, e in maniera retroattiva (lo ‘spalma-incentivi’ obbligatorio).










IL DURO, INUTILE E CONTROPRODUCENTE
ATTACCO ALLE RINNOVABILI E AL FOTOVOLTAICO DEL GOVERNO RENZI
 
Il Governo vuole ridurre la bolletta elettrica del 10% per le PMI, ma per farlo propone di agire quasi esclusivamente sulla componente che va a incentivare le fonti rinnovabili, e in maniera retroattiva (lo ‘spalma-incentivi’ obbligatorio).

Un gravissimo danno per decine di migliaia di imprenditori, amministrazioni locali e cittadini che hanno realizzato negli scorsi anni un impianto alimentato a fonte rinnovabile, in particolare fotovoltaico. Inoltre una irrimediabile perdita di credibilità di fronte agli investitori stranieri.
Si tratta di un provvedimento che espone lo Stato a migliaia di ricorsi e ad un risarcimento che si prevede molto oneroso (senza contare poi le mancate entrate fiscali conseguenti).

L’attacco non è solo per gli impianti già installati, ma anche per quelli futuri che verranno realizzati senza incentivi, perché le linee guida indicate dal Ministero dello Sviluppo Economico diffondono incertezza sul trattamento dell’energia autoconsumata.

Un approccio miope (perché i risultati sarebbero modesti) e ideologico, spiegato in alcuni articoli pubblicati da Qualenergia.it, dove si forniscono anche soluzioni alternative.
 

Taglia-bollette e rinnovabili: si uccide il diritto e si semina incertezza

Il sistema è in equilibrio, i prezzi già in discesa. Eppure per ridurre la bolletta si vogliono sacrificare le rinnovabili. Lo spalma-incentivi obbligatorio stravolge il diritto. Gli oneri ‘crescenti’ sull’autoconsumo seminano incertezza e stroncano il FV non incentivato. Benvenuti nello Stato libero di Bananas. Ma il cartello non diceva ‘Destinazione Italia’?
leggi l’articolo
 
Bolletta, invece di colpire le rinnovabili rendiamo il sistema più efficiente

Se il mercato elettrico fosse gestito in modo efficiente, gli utenti potrebbero beneficiare da subito di una buona parte dei 23 €/MWh di riduzione del PUN che si sono avuti anche grazie alle rinnovabili. Un valore che corrisponde proprio al 10% di sconto in bolletta promesso da Renzi. Un intervento di Dario Di Santo, direttore generale di FIRE.
leggi l’articolo
 
Ecco come il Ministero dello Sviluppo Economico vuole tagliare la bolletta

Spalma-incentivi obbligatorio e retroattivo per il fotovoltaico, oneri di sistema da pagare, in parte, anche sull’energia autoconsumata, possibilità di avere prezzi negativi in Borsa. Ma anche taglio agli sprechi e ad alcune discutibili agevolazioni. Ecco cosa bolle nella pentola del decreto MiSE che punta a ridurre del 10% la bolletta elettrica delle PMI.
leggi l’articolo 

 

www.qualenergia.it 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.