Palestina occupata, ICAHD e IAI chiedono fine demolizioni case

Nelle scorse settimane, la polizia israeliana e i paramilitari, insieme a gruppi di insediamenti violenti, hanno aggravato i loro attacchi contro i palestinesi a Gerusalemme.

125 ANNI DI DISPOSTITUZIONE: UN ICAHD – DICHIARAZIONE DELL ‘ ASSALTO DI ISRAELE SULLA PALESTINA OCCUPATA

11 maggio 2021

ICAHD E IAI CHIAMANO PER LA FINE IMMEDIATA A TUTTE LE DEMOLIZIONI DELLA CASA, LE EVIZIONI E IL PIANIFICATORIO DISCRIMINATORIO. LASCIATE CHE LE NOSTRE VOCI SI FACCIANO SENTIRE DAL POPOLO E DAL GOVERNO!

Nelle scorse settimane, la polizia israeliana e i paramilitari, insieme a gruppi di insediamenti violenti, hanno aggravato i loro attacchi contro i palestinesi a Gerusalemme. Nello specifico sono i residenti dello Sheikh Jarrah, che affrontano imminente sfratto da parte dei coloni israeliani, e degli adoratori del Ramadan alla moschea di al-Aqsa e dintorni della Città Vecchia. Questi attacchi localizzati si sono ulteriormente aggravati in una campagna militare tutta esterna contro Gaza, totalmente assediata dal 2006 ma senza voler abbandonare i loro fratelli a Gerusalemme.
Questo particolare round di guerra a bassa intensità si verifica come Ramadan, in cui migliaia di musulmani convergono su Gerusalemme. Lì, la polizia israeliana li molesta violentemente, dimostrando il totale controllo israeliano attraverso la pura forza. Abbastanza brutto di per sé, questo periodo di tensione si scontra con le celebrazioni trionfaliste del Giorno dell’Indipendenza di Israele e del Giorno di Gerusalemme, una ′′ festa ′′ ufficiale in cui migliaia di coloni religioso-nazionalisti vengono per affermare l’′′ ebrezza ′′ della città. Una componente importante di queste ′′ celebrazioni ′′ è l’umiliazione degli abitanti palestinesi di Gerusalemme, marciando con grandi bandiere israeliane e tamburi attraverso i loro quarti della città vecchia, urlando canzoni patriottiche.
Questi non sono semplici ′′ scontri ′′ tra ′′ schieramenti ′′ in un ′′ conflitto ′′ simmetrico tra due popoli. Sono piuttosto azioni di conquista, repressione politica e disposizione degli ebrei israeliani incontrati con una reazione palestinese sfidante. Il sionismo, un movimento coloniale coloniale della fine del XIX secolo, aveva un ordine del giorno chiaro ed esplicito: nella lingua del movimento sionista, verso la Palestina giudaize, per trasformare una terra araba in ebrea; insomma, per ′′ purificare ′′ il paese etnicamente. Al centro di questo progetto c’era lo spostamento. I coloni ebrei potevano solo affermare le loro esclusive rivendicazioni di diritto al paese facendo scendere la popolazione indigena dalla terra e prendendo il controllo demografico e politico. La pulizia etnica rimane la preoccupazione singola del moderno Israele. È il cuore degli attacchi e delle proteste di resistenza nello sceicco Jarrah e nella moschea di al-Aqsa, oltre che nella continua resistenza dei popoli di Cisgiordania, Gaza e anche, appare, cittadini palestinesi di Israele che si ritrovano ancora sfollati e senza pari diritti.
Il processo di spostamento di massa dei palestinesi è evidente dalle figure. Durante e dopo la Nakba del 1948-quella che i palestinesi definiscono ′′ la catastrofe ′′ e la loro ′′ guerra d’indipendenza ′′ degli israeliani – l’esercito israeliano ha demolito circa 52,000 case, oltre 530 interi villaggi, città e aree urbane .. Non nel calore della battaglia, ma sistematicamente, per prendere la terra e impedire il ritorno dei rifugiati. L ‘ ottantacinque per cento dei palestinesi che vivono in Israele, 750,000 persone, sono diventati rifugiati – ora sette milioni e ancora non sono in grado di tornare a casa.
Nella guerra del 1967 Israele ha completato la sua acquisizione militare in Palestina, conquistando la Cisgiordania, Gerusalemme Est e Gaza, riprendendo lo spostamento forzato dei palestinesi. Tra il 1967-2021, le autorità israeliane hanno demolito più di 55,000 case, strutture agricole, imprese, centri comunitari, scuole e moschee. Migliaia di case e strutture continuano ad essere demolite in Israele oggi. La comunità beduina Negev / Nakab di al-Araqib è stata demolita e ricostruita dai suoi abitanti 186 volte!
A Gerusalemme, la pulizia etnica assume altre forme. Il governo israeliano ha costruito decine di enormi nuovi insediamenti / quartieri in tutto e intorno a Gerusalemme Est, isolando la popolazione palestinese in piccole e disconnesse enclave per garantire il controllo demografico e fisico. Inducendo intenzionalmente una carenza di 25,000 unità abitative nel settore palestinese, il Comune di Gerusalemme non garantisce praticamente alcun permesso edilizio per le case popolari palestinesi, mentre demoliscono fino a 200 case all’anno. Trentamila case palestinesi hanno ricevuto ordini di demolizione. In questi modi ′′ invisibili ′′ la pianificazione viene utilizzata come strumento di spostamento e di Giuda.
Le sfratto dei palestinesi dalle loro case costituiscono un’altra forma di spostamento di massa a Gerusalemme. Le associazioni di coloni ben finanziate, sostenute dai tribunali israeliani, polizia e governo, stanno conquistando i quartieri palestinesi stabiliti. Silwan, ora ribattezzata ′′ la città di David ′′ dagli israeliani; Sheikh Jarrah, ora noto ufficialmente come ′′ Simon the Just ′′ dopo un antico rabbino; Ras el-Amud, Jabal Mukaber, la città vecchia stessa e altri. In quasi tutti i quartieri del centro storico di Gerusalemme, le famiglie palestinesi affrontano una violenta espulsione dalle loro case, mentre i coloni utilizzano i loro considerevoli fondi e canali legali per disporli. Lo spostamento forzato, comunque sia fatto, è un crimine contro l’umanità nel diritto internazionale. Questo è lo sfondo dei violenti scontri nello Sheikh Jarrah, dove le ultime famiglie palestinesi affrontano imminente sfratto e sostituzione dei coloni.
La resistenza palestinese in tutte le sue forme non può, non può, finire fino a che la politica di dislocamento di Israele e pulizia etnica non termina. Finché i governi continueranno a sostenere Israele, nonostante tutto, finché Israele non avrà bisogno di temere sanzioni significative, non avrà alcuna motivazione per alterare il suo storico obiettivo di Giudaizzare la Palestina, con tutte le violenze, le violazioni dei diritti umani e le violazioni del diritto internazionale che comporta. Noi popolo del mondo siamo solo palestinesi alleati. Dobbiamo far sentire la nostra voce nei corridoi del potere. Ripetiamo:
L ‘ICAHD E L’ ALLEANZA INTERNAZIONALE DEGLI INABITANTI CHIAMATE PER LA FINE IMMEDIATA DI TUTTE LE DEMOLIZIONI, LE EVICZIONI E IL PIANIFICATORIO DISCRIMINATORIO. LASCIATE CHE LE NOSTRE VOCI SI FACCIANO SENTIRE DAL POPOLO E DAL GOVERNO!
📌 Per ulteriori informazioni contattare:
Il comitato israeliano contro la demolizione della casa https://icahd.org

Zero sfratti per i palestinesi, ORA! https://www.habitants.org/…/zero_evictions_for…

Sharing - Condividi