Konstantin Kosachev (Russia): “E’ il momento di costruire istituzioni multipolari”

di Andrew Korybko – 26/08/2022 (traduzione automatica, revisione testo: ambienteweb.org)

A Top Russian Policymaker Has A Point: It’s Time To Prioritize Building Multipolar Institutions (substack.com)

‎Il vice presidente del Consiglio della Federazione russa e presidente della sua commissione per gli affari esteri Konstantin Kosachev ha condiviso alcune intuizioni politiche cruciali con il prestigioso Valdai Club giovedì, partecipando ‎‎a una conferenza‎‎ dedicata all’ultima fase del ‎‎conflitto‎‎ ‎‎ucraino‎‎. ‎‎ ‎‎TASS‎‎ ha riportato l’essenza dei suoi commenti, che riguardavano in modo importante l’urgente necessità di dare priorità alla costruzione di istituzioni multipolari. Secondo Kosachev, i BRICS e la SCO possono formare le basi organizzative per l’emergente ‎‎Ordine Mondiale Multipolare‎‎, che a sua volta può aiutare a contrastare l’influenza perniciosa di quelle istituzioni nominalmente neutrali che sono state dirottate dall’Occidente guidato dagli Stati Uniti dalla fine della Vecchia Guerra Fredda.‎

‎Questo alto politico ha suggerito che l’obiettivo dei pensatori moderni dovrebbe essere “creare istituzioni che forniscano la libertà di scelta”. Dopotutto, il principale contrasto tra la visione del ‎‎mondo multipolare‎‎ e quella unipolare è che la prima rispetta la libertà di scelta di tutti i legittimi attori internazionali per determinare autonomamente il loro futuro, mentre la seconda è ossessionata dal costringerli a piegarsi alle richieste dell’egemone unipolare americano in declino. La ‎‎transizione sistemica globale verso il multipolarismo‎‎ è irreversibile anche se ci vorrà ancora del tempo per svolgersi pienamente a causa della ‎‎ guerra ‎‎ibrida‎‎ ‎‎ divide et impera degli Stati Uniti ‎‎ che si intromette nel Sud del mondo.‎

‎Come ha sottolineato Kosachev, i BRICS e la SCO possono costituire le basi per questo ordine mondiale emergente, ma è ancora necessario costruire più istituzioni. È qui che si possono consigliare le opere visionarie del pensatore russo Yaroslav Lissovolik, che ha dedicato anni della sua vita a elaborare come il primo menzionato possa essere ampliato attraverso BRICS + e altre nuove costruzioni come BEAMS. I lettori interessati possono rivedere il suo archivio al Valdai Club ‎‎qui‎‎. Per coloro il cui tempo è limitato, una sintesi molto semplificata dei suoi numerosi materiali riguardano l’emergere di reti multipolari economicamente guidate dai BRICS in tutto il Sud del mondo.‎

‎Qui sta il punto più cruciale dal momento che le reti economiche hanno la possibilità di migliorare tangibilmente la vita di innumerevoli persone, il che a sua volta può ridurre le possibilità che vengano radicalizzate da narrazioni di guerra dell’informazione fabbricate artificialmente per funzionare come “utili idioti” contro i loro governi multipolari per volere dell’egemone unipolare in declino. Il modus operandi degli Stati Uniti in questa fase della transizione sistemica globale è quello di rivolgere il popolo dei suoi avversari contro di loro in modo che organizzino ‎‎rivoluzioni colorate‎‎ e alla fine ricorrano alla guerra non convenzionale (terrorismo) nel caso in cui il primo menzionato fallisca. Questo stratagemma viene spinto perché la capacità militare dell’America è limitata.‎

‎Non può più lanciare invasioni convenzionali su larga scala di paesi stranieri, o meglio, può ancora farlo tecnicamente ma con spese immense per se stesso in termini di costi e opportunità perse altrove. Per questo motivo, le guerre ibride guidate dall’infowar sono il suo metodo di destabilizzazione preferito al giorno d’oggi, e si basano in modo sproporzionato sullo sfruttamento di legittime rimostranze (o almeno della loro percezione) che sono il più delle volte collegate in una misura o nell’altra alle condizioni economiche del loro pubblico di destinazione. Ne consegue quindi naturalmente che migliorare gradualmente i loro standard di vita può ridurre immensamente il pool di “utili idioti” che l’America mira a fuorviare nel diventare i suoi delegati della guerra ibrida.‎

‎Detto questo, ci sono anche “guerrieri ibridi” professionisti che tradiranno le loro terre d’origine per motivi finanziari, ideologici o di altro tipo, ma non sono in grado di avere successo senza l’esercito di “utili idioti” che le reti multipolari economicamente guidate dai BRICS di Lissovolik in tutto il Sud del mondo mirano a ridurre in modo tangibile la vita dei cittadini di quei paesi. Naturalmente, il “diavolo è nei dettagli” per quanto riguarda la determinazione esatta di come funzioneranno queste istituzioni proposte e le specifiche dei termini commerciali e di investimento tra i loro membri, ma il punto principale è che il progresso è impossibile senza prima dare priorità alla costruzione di queste reti.‎

‎Tutto deve essere più equo e giusto dello status quo al fine di ridurre il numero di persone socialmente emarginate le cui situazioni l’America mira a sfruttare per i suoi fini divide et impera a somma zero. L’incapacità di impegnarsi sinceramente per migliorare la vita di tutti è controproducente poiché scredita il governo in questione, i loro partner e qualsiasi accordo economico stiano negoziando, che può quindi infondere una seconda vita alle operazioni di destabilizzazione degli Stati Uniti. Ecco perché è assolutamente fondamentale che queste reti multipolari emergenti tengano veramente conto degli interessi della popolazione e offrano loro benefici tangibili, altrimenti rischiano di generare proteste reali.‎

‎Tornando alla cruciale visione politica di Kosachev, è infatti vero che i BRICS e la SCO possono funzionare come le basi primarie su cui possono essere costruite altre istituzioni multipolari, il che porta alla rilevanza delle opere visionarie di Lissovolik rispetto all’espansione completa del primo. Proprio come Roma non è stata costruita in un giorno, né lo sarà l’emergente Ordine Mondiale Multipolare, ma ora è il momento per tutti gli attori interessati di dare priorità a compromessi pragmatici rispetto a qualsiasi differenza preesistente che possano avere al fine di contribuire collettivamente alla creazione di più istituzioni multipolari che alla fine ripristineranno la stabilità nelle relazioni internazionali e miglioreranno la vita delle persone.‎

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi