La fantasia politica di “decolonizzare la Russia” è destinata a fallire a causa del patriottismo del suo popolo

Andrew Korybko – 01/09/2022 (traduzione automatica)

The Political Fantasy To “Decolonize Russia” Is Doomed To Fail Due To Its People’s Patriotism (substack.com)

‎La Russia ha padroneggiato l’arte della “sicurezza democratica” in patria, quindi non c’è dubbio che la fantasia politica del Golden Billion di “decolonizzare” (“balcanizzare”) è destinata a fallire. Invece di “riposare sugli allori”, questa potenza mondiale recentemente restaurata che sta guidando la transizione sistemica globale verso il multipolarismo è desiderosa di aiutare altri stati presi di mira in tutto il Sud del mondo a difendersi dalle minacce della guerra ibrida attraverso i mezzi su misura connessi con l’applicazione di questo concetto nelle loro diverse società.‎

‎Gli influencer del Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti ‎‎ hanno spinto la fantasia politica di “decolonizzare la Russia”, o in altre parole “balcanizzarla”, sin dall’inizio dell’ultima ‎‎ fase ‎‎provocata dagli americani‎‎ del ‎‎conflitto‎‎ ‎‎ucraino‎‎ ‎‎ sei mesi fa. Come l’autore ha scritto all’inizio di questa estate, “‎‎Il multiculturalismo armato ammanta l’imperialismo occidentale sotto una falsa veste di decolonizzazione‎‎”, che ha messo in guardia sulla manipolazione perniciosa dell’interpretazione iper-liberale del multiculturalismo per scopi di divisione e regola. Non c’è nulla di nuovo in questo dato che è letteralmente l’implementazione della stessa ‎‎ strategia di ‎‎guerra‎‎ ‎‎ibrida‎‎ ‎‎ che è stata applicata contro il ‎‎Sud globale guidato dai‎‎ ‎‎BRICS‎‎ per anni.‎

‎A differenza di molti di quegli altri paesi contro cui è stato applicato con successo, questo complotto è destinato a fallire quando si tratta della Russia a causa del patriottismo del suo popolo. Il capo dell’Agenzia federale per gli affari etnici Igor Barinov ha recentemente toccato questo punto durante ‎‎l’incontro con il presidente Putin‎‎ lunedì:‎

‎”Comprendiamo che la nostra sfera è molto sensibile per le persone e non riposeremo sugli allori, perché i momenti negativi, gli aspetti negativi, i rischi nella nostra sfera non sono scomparsi e nuovi sono arrivati con il lancio dell’operazione militare speciale. Possiamo vedere come i nostri avversari in Occidente stiano cercando di screditare la nostra politica etnica statale.‎

‎Hanno spostato l’attenzione, cambiato la loro terminologia e ora parlano di “decolonizzazione della Russia”, non di “esportazione della democrazia”.‎

‎Hanno già contato in quante parti dovremmo essere divisi e calcolato il numero massimo di persone che dovrebbero vivere lì, ma a quanto pare, non conoscono bene la storia della Federazione Russa: non siamo mai stati una potenza coloniale e siamo stati formati su principi completamente diversi e vissuti da principi diversi.‎

‎Il filosofo russo Ivan Ilyin li ha descritti molto bene: “Rispetta tutti, riconciliali tra loro, permetti a tutti di pregare e lavorare come vogliono, e scegli il meglio da ciascuno per lo stato e la costruzione culturale”.‎

‎A proposito, questa citazione è stata usata anche dieci anni fa, quando è stato pubblicato il tuo articolo su questioni etniche. Poche persone nella nostra società cadono sotto questa influenza; vediamo i processi opposti, quelli del consolidamento. Apparentemente, questo è specifico per la nostra gente: di fronte a sfide serie, ci dimentichiamo dei nostri problemi, delle nostre rimostranze personali o degli stereotipi negativi e diventiamo uno, ci consolidiamo.‎

‎Nonostante la sua storia secolare come grande potenza, la Russia non ha mai praticato una politica di colonialismo. Ha sempre rispettato la diversità di civiltà dei suoi abitanti sin dall’incorporazione dei musulmani tatari quasi mezzo millennio fa.‎

‎È proprio per questo motivo collegato al ‎‎modello di multiculturalismo di‎‎ questo stato-civiltà‎‎, che il presidente Putin ha ampiamente elaborato nel suo ‎‎manifesto sull’immigrazione del 2012‎‎ quando stava brevemente servendo come Primo Ministro, che lo stato predecessore della Federazione Russa dell’Unione Sovietica ha sostenuto le lotte di decolonizzazione del Sud del mondo contro le grandi potenze europee dopo la seconda guerra mondiale. Questa tradizione continua durante la ‎‎transizione sistemica globale al multipolarismo‎‎ dopo che il presidente Putin ha svelato il suo ‎‎manifesto rivoluzionario globale‎‎ alla fine di luglio, che è stato seguito poco dopo dal ministro degli Esteri Lavrov che ha promesso che il suo paese aiuterà gli africani a ‎‎completare pienamente i loro processi di decolonizzazione‎‎.‎

‎Sul fronte interno, la‎‎ ‎‎Russia ha aperto la strada a una serie completa di politiche che l’autore descrive come “‎‎Sicurezza democratica‎‎”. Questo si riferisce all’impiego creativo di tattiche e strategie di guerra anti-ibrida allo scopo di “rinforzo del regime” e unità nazionale di fronte al cambio di regime e alle minacce di “balcanizzazione”. Da allora è stato esportato con successo nella ‎‎Repubblica Centrafricana‎‎ e ‎‎ in ‎‎Mali‎‎, anche se personalizzato per le loro condizioni uniche. Dal momento che “‎‎il ruolo dell’Africa nella nuova guerra fredda‎‎” sarà probabilmente un teatro di guerra per procura tra il Golden Billion e il Sud del mondo mentre i suoi cittadini ‎‎combattono per liberarsi‎‎ dal giogo neo-imperiale del primo, più paesi importeranno sicuramente anche questo modello.‎

‎La chiave del loro successo sarà esattamente ciò da cui la Russia è dipesa per così tanto tempo, e questo è il ‎‎ragionevole patriottismo‎‎ del suo popolo‎‎. Questo concetto può essere riassunto come una società che è stata preventivamente educata dallo stato e dalle parti interessate responsabili come i media e le organizzazioni non governative per identificare e difendersi dalle minacce della guerra ibrida, in particolare quelle che mirano a dividerle e governarle esattamente come gli Stati Uniti intendono fare attraverso la loro fantasia politica di “decolonizzare la Russia” che è stata applicata con successo contro una serie di stati del Sud del mondo nel corso dei decenni. La popolazione deve essere “inoculata” contro questi “virus ideologici” e informata su come “trattare” coloro che sono vicini a loro che “si ammalano”.‎

‎Qui sta la complessità dietro qualsiasi strategia di “sicurezza democratica” di successo poiché deve includere non solo mezzi cinetici connessi con la risposta fisica a minacce vive come quelle poste dai terroristi, ma anche quelle non cinetiche che evitano preventivamente tutti tranne gli individui più radicalizzati che minacciano le loro società. Il primo menzionato è molto più chiaro del secondo, che richiede una conoscenza a livello di esperti delle relazioni e delle strutture storiche, politiche e socio-economiche del paese bersaglio della guerra ibrida. Ciò diventa ancora più difficile se il paese in questione è ultra-diversificato come molti in tutto il Sud del mondo, specialmente in Africa.‎

‎Tuttavia, la Russia stessa è anche straordinariamente diversificata con quasi 200 gruppi etnici separati che vivono all’interno del suo territorio moderno. Lo stato e la sua cittadinanza cosmopolita godono di una perfetta sinergia rispetto alla conservazione della diversità tradizionale della loro civiltà e quindi alla difesa dalle minacce del divide et impera, soprattutto perché questa relazione ferrea è stata forgiata dal fuoco della campagna separatista-terroristica sostenuta dagli Stati Uniti in Cecenia che alla fine è stata sconfitta attraverso la ‎‎volontà‎‎ patriottica ‎‎ ‎‎ del suo popolo.‎‎ . Naturalmente, il caso russo è unico proprio come tutti quelli della “sicurezza democratica”, ma c’è comunque qualche intuizione tattica e strategica che è universalmente rilevante e può quindi essere condivisa con gli altri.‎

‎La Russia ha quindi padroneggiato l’arte della “sicurezza democratica” in patria, quindi non c’è dubbio che la fantasia politica del miliardo d’oro di “decolonizzare” (“balcanizzare”) è destinata a fallire. Invece di “riposare sugli allori”, questa ‎‎potenza mondiale recentemente restaurata‎‎ che sta guidando la transizione sistemica globale verso il multipolarismo è desiderosa di aiutare altri stati presi di mira in tutto il Sud del mondo a difendersi dalle minacce della guerra ibrida attraverso i mezzi su misura connessi con l’applicazione di questo concetto nelle loro diverse società. Sia i successi che le battute d’arresto sono attesi, ma il risultato inevitabile sarà il pieno completamento dei processi di decolonizzazione di quei paesi e la fine finale dell’egemonia occidentale. ‎

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi