Lukashenko (Bielorussia): “Il regime di Zelensky sull’orlo del conflitto con i propri militari”

MINSK, 1 settembre. /TASS/.

Regime di Zelensky sull’orlo del conflitto con i propri militari, Lukashenko avverte – Mondo – TASS

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha detto giovedì che in Ucraina si sta preparando un conflitto tra i militari e il presidente del paese e che il suo picco dovrebbe essere previsto nel prossimo futuro.

“C’è un conflitto tra il presidente e l’esercito. Solo i militari possono dire con coraggio: “Dobbiamo raggiungere un accordo altrimenti l’Ucraina potrebbe essere cancellata dalla faccia della terra”, ha rivelato Lukashenko durante una discussione aperta trasmessa in diretta giovedì.

Secondo il leader bielorusso tutto dipende in Ucraina “non dal presidente, ma dai militari”.

“Loro [i militari] vengono massacrati lì. Non vedono prospettive. Dai un’occhiata all’ovest dell’Ucraina; i polacchi si stanno fregando le mani e stanno già ritagliando la terra dell’Ucraina”, ha detto Lukashenko aggiungendo che “il picco è atteso molto presto”.

 Il capo di Stato bielorusso ritiene che il popolo ucraino “dovrebbe dire la sua, perché il presidente non ha nulla da dire”.

Lukashenko ha anche detto che è anormale “che carichi di cibo e grano vengano trasportati in Europa”, quando non c’è nulla da mangiare per il popolo ucraino.

Le Nazioni Unite hanno ripetutamente osservato che le esportazioni alimentari dall’Ucraina sono effettuate come parte di operazioni commerciali, la loro destinazione è determinata da società private in base ai propri interessi.

La situazione in Ucraina e le sanzioni generalizzate imposte alla Russia dagli Stati Uniti e dall’Unione europea hanno portato a interruzioni nelle forniture di cereali, il che aumenta il rischio di una crisi alimentare in un certo numero di paesi.

Dall’inizio dell’anno, i prezzi del grano e del mais sono aumentati in modo significativo. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov aveva precedentemente dichiarato che la crisi alimentare globale era iniziata molto prima dell’inizio dell’operazione militare speciale di Mosca in Ucraina. In particolare è stato causato dalla pandemia e da errori di calcolo da parte dei paesi occidentali, ha specificato.

L’operazione militare speciale della Russia in Ucraina

La situazione lungo la linea di impegno nel Donbass si è intensificata il 17 febbraio. Le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR) hanno riportato allora la peggiore ondata di bombardamenti da parte dell’esercito ucraino, che ha danneggiato le infrastrutture civili e causato vittime civili.

Il 21 febbraio, il presidente Vladimir Putin ha annunciato che Mosca stava riconoscendo la sovranità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. La Russia ha firmato accordi di amicizia, cooperazione e assistenza reciproca con i loro leader. Mosca ha riconosciuto le repubbliche del Donbass in conformità con le costituzioni DPR e LPR all’interno dei confini delle regioni di Donetsk e Lugansk a partire dall’inizio del 2014.

Il presidente russo Putin ha annunciato il 24 febbraio che in risposta a una richiesta di assistenza da parte dei capi delle repubbliche del Donbass aveva deciso di effettuare un’operazione militare speciale in Ucraina. Il leader russo ha sottolineato che Mosca non aveva intenzione di occupare i territori ucraini, osservando che l’operazione era finalizzata alla denazificazione e alla smilitarizzazione dell’Ucraina.

La DPR e la LPR lanciarono un’operazione per liberare i loro territori sotto il controllo di Kiev.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi