Sospensione a tempo indeterminato da parte della Russia dell’accordo sul grano: in sostanza non cambia nulla

Andrew Korybko – 30 Ottobre 2022 (traduzione automatica)

Russia’s Indefinite Suspension Of The Largely Superficial Grain Deal Doesn’t Change Anything (substack.com)

 

Col senno di poi, la Russia, Kiev e i mecenati del Golden Billion di quest’ultimo avevano tutti motivi diversi nell’accettare l’accordo. Il primo lo considerava un atto di buona fede e un mezzo per contrastare tangibilmente le notizie false secondo cui il Cremlino stava armando la carestia in tutto il Sud del mondo. Il secondo, nel frattempo, voleva aprire un corridoio marittimo per ricevere clandestinamente più armi. E il terzo, pur condividendo l’obiettivo precedente, voleva anche comprare più grano ucraino per se stesso.

L’attacco dei droni assistito dal Regno Unito da Kiev contro Sebastopoli sabato non è riuscito a raggiungere nessuno dei suoi obiettivi militari, ma è riuscito a spingere la Russia a sospendere a tempo indeterminato la sua partecipazione all’accordo sul grano. La spiegazione di Mosca è che questo corridoio umanitario è stato utilizzato come copertura per facilitare l’incidente, che ha preso di mira specificamente quelle delle sue navi che stavano fornendo sicurezza alle navi civili. Kiev e Washington hanno reagito con indignazione, sostenendo che il Cremlino vuole affamare il Sud del mondo.

La realtà, tuttavia, è che l’affare del grano è sempre stato in gran parte superficiale, come evidenziato dalle precedenti dichiarazioni del presidente Putin. Harivelato di recente, alla fine di settembre, che “stanno esportando grano dall’Ucraina ora. Dove la stanno prendendo con il pretesto di garantire la sicurezza alimentare dei paesi più poveri? Dove sta andando? Lo stanno portando negli stessi paesi europei. Solo il cinque per cento è stato consegnato ai paesi più poveri. Di nuovo altri imbrogli e nudi inganni”.

L’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov ha risposto alle calunnie del Golden Billion contro il suo paese con la seguente dichiarazione: “Per quanto riguarda le insinuazioni sul ‘provocare’ la fame, vorremmo ricordarvi i nostri ripetuti appelli a inviare spedizioni di cibo, prima di tutto, ai paesi bisognosi. Invece una buona metà di tutti i vettori nell’ambito dell'”accordo sui cereali” è andata ai paesi sviluppati. Mentre Somalia, Etiopia, Yemen, Sudan e Afghanistan hanno ricevuto solo circa il 3% del volume dei prodotti agricoli.

Questa era una descrizione effettivamente accurata dell’oscura realtà dietro l’affare del grano. In effetti, anche la CNN ha ammesso all’inizio di agosto che la crisi alimentare non è interamente dovuta al conflitto ucraino, che è stato seguito poco dopo dal New York Times che ha confermato che nessun carico di grano era stato inviato in Africa fino a quel momento. E’ chiaro quindi che la questione del grano è stata solo un’invenzione in quanto  non ha raggiunto le popolazioni che ne avrebbero potuto trarne beneficio.

Col senno di poi, la Russia, Kiev e i mecenati del Golden Billion di quest’ultimo avevano tutti motivi diversi nell’accettare l’accordo. Il primo lo considerava un atto di buona fede e un mezzo per contrastare tangibilmente le notizie false secondo cui il Cremlino stava armando la carestia in tutto il Sud del mondo. Il secondo, nel frattempo, voleva aprire un corridoio marittimo per ricevere clandestinamente più armi. E il terzo, pur condividendo l’obiettivo precedente, voleva anche comprare più grano ucraino per se stesso.

Mosca si è rapidamente resa conto della partita che si stava giocando e aveva già precedentemente segnalato che non avrebbe potuto estendere l’accordo sui cereali dopo che le sue disposizioni iniziali sarebbero scadute a metà del mese di novembre. La dichiarazione precedentemente citata dal presidente Putin e quelle supplementari di funzionari di livello inferiore confermano la veridicità di questa valutazione. Percependo questo risultato apparentemente inevitabile, Kiev e il Regno Unito hanno cercato di approfittare della finestra di opportunità rimanente per utilizzare l’accordo sul grano come copertura per effettuare un grande attacco di droni.

Questo spiega la tempistica specifica dell’incidente di sabato, che può oggettivamente essere descritto come un attacco terroristico. La Russia ha naturalmente sospeso la sua partecipazione all’accordo subito dopo, anticipando così la sequenza degli eventi di quasi tre settimane. In pratica, con questa decisione le forze navali russe navigheranno con una maggiore sicurezza intorno alla rimanente costa ucraina del Mar Nero, anche se le preoccupazioni per i missili anti-nave terrestri potrebbero complicare la situazione.

C’è anche la questione di come Kiev e i suoi sostenitori del Golden Billion reagiranno a questo sviluppo, che devono essersi aspettati che sarebbe accaduto quando pianificavano il loro attacco terroristico. C’è la possibilità che chiedano una cosiddetta “coalizione dei volenterosi” per “difendere” unilateralmente questo “corridoio umanitario” descritto in modo fuorviante con il falso pretesto di “prevenire la carestia” in tutto il Sud del mondo, ma tale retorica probabilmente non sarebbe seguita da alcuna mossa militare che potrebbe seriamente rischiare la guerra con la Russia.

Per quanto riguarda i paesi in via di sviluppo che hanno urgente bisogno di assistenza alimentare, possono essere certi che la Russia farà tutto il possibile per aprire la strada a corridoi di esportazione alternativi, forse attraverso l’Iran e / o la Turchia. Kiev, tuttavia, è improbabile che contribuisca a questi sforzi poiché Mosca ha già mostrato come l’ex Repubblica sovietica sia in realtà interessata solo a esportare i suoi prodotti agricoli al Golden Billion. Questo probabilmente continuerà, anche se attraverso rotte terrestri anziché marittime.

Considerando tutto questo, si può concludere che la sospensione a tempo indeterminato dell’accordo sul grano da parte della Russia non cambia nulla poiché questo accordo era comunque in gran parte superficiale. Kiev e il Golden Billion hanno sfruttato questo corridoio umanitario per facilitare rispettivamente le importazioni di armi e le esportazioni agricole, senza preoccuparsi di quei paesi in via di sviluppo che hanno bisogno di assistenza alimentare. La Russia può ancora aiutarli, tuttavia, e non ha bisogno dell’accordo sul grano per farlo.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi