La manipolazione della memoria storica è una potente forma di guerra ibrida

Andrew Korybko – 07/11/2022 (traduzione automatica)

The Manipulation Of Historical Memory Is A Potent Form Of Hybrid Warfare (substack.com)

 

La guerra ibridanella sua forma più semplice si riferisce all’esacerbazione esterna di linee di faglia identitarie preesistenti all’interno di uno stato mirato volto a indebolirlo dall’interno verso l’esterno. Lo scopo di questa pressione è quello di costringere la leadership di quello stato a soddisfare le richieste dell’aggressore di cedere unilateralmente i propri interessi in una determinata questione al fine di far avanzare la propria parte straniera. La guerra ibrida si manifesta quindi in molti modi, e la manipolazione della memoria storica è uno di questi.

Il Presidente Putin ha recentemente parlato proprio di questa forma, che è tra le più potenti, nel discorsoche ha pronunciato in occasione della Festa dell’Unità della Russia. Secondo il leader dell’ex potenza sovietica, “È noto che se qualcuno vuole privare uno stato di sovranità e trasformare i suoi cittadini in vassalli, inizia riscrivendo la storia del paese, privando le persone delle loro radici, condannandole all’oblio”. Ha poi prevedibilmente elaborato su come questo si collega al conflitto ucraino.

Per come la vede lui, il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti è riuscito a instillare nelle menti di milioni di persone (in Ucraina) gli pseudo-valori che hanno portato alla russofobia su questo territorio, seminando odio, violentando la coscienza delle persone, privandole della loro vera storia. Tutto è stato fatto per rimodellare la coscienza di milioni di persone, e molto abilmente hanno cercato di accendere la miccia per causare la caduta del nostro paese”.

Questo è certamente vero, così come ciò che ha aggiunto poco dopo rispetto all’osservazione di come “Sono l’Ucraina e il popolo ucraino che sono diventati le prime e le principali vittime dell’odio alimentare verso i russi e la Russia”. Gli osservatori dovrebbero ricordare il magna opus del presidente Putin “Sull’unità storica di russi e ucraini” del luglio 2021 in cui ha spiegato l’evoluzione storica dell’identità di quest’ultimo, che ha detto di rispettare pienamente contrariamente alle false notizie dei media occidentali.

L’essenza dell’intuizione che il leader russo ha condiviso nel Giorno dell’Unità del suo paese è che la manipolazione esterna della memoria storica è oggi una forma estremamente potente di guerra ibrida perché ha la possibilità di ingannare letteralmente milioni di persone nel diventare delegati di uno stato straniero. Nel caso ucraino, le indiscutibili radici russe dell’identità di questo popolo fraterno sono state cancellate dalla loro coscienza e distorte per apparire nelle loro menti come una minaccia esistenziale che deve essere contrastata.

Qualsiasi persona che si sia sinceramente convinta della presunta minaccia esistenziale posta loro da un altro reagirà automaticamente con ostilità nei confronti di quest’ultimo, tanto che la parte esterna che ha manipolato la loro coscienza a tal fine non deve intervenire oltre. Tutto ciò che devono fare è semplicemente lasciare che il ciclo autosufficiente di sfiducia e destabilizzazione che hanno catalizzato continui ad assumere una vita propria al fine di dividere e governare perennemente le due persone prese di mira.

[…]

Secondo coloro che credono che la comunità di intelligence degli Stati Uniti abbia raccontato le elezioni del 2016, alcuni russi avrebbero cercato di esacerbare le tensioni politiche – e soprattutto identitarie / razziali – prima del voto attraverso pupazzi di calzini che hanno creato sui social media per travestirsi da americani. Nel migliore dei casi, questo era il lavoro innocente (ma forse immorale) dei ricercatori sociali, mentre il peggiore è che erano i cosiddetti “troll” che stavano cercando di “immischiarsi” nelle elezioni.

La comunità di intelligence degli Stati Uniti si attribuisce alla seconda interpretazione menzionata, che insistono dimostra che la Russia sta presumibilmente conducendo una guerra ibrida contro gli americani tentando attivamente di esacerbare le differenze di identità preesistenti al fine di dividerle e governarle. Indipendentemente dalle opinioni personali del lettore su questo argomento controverso, il fatto è che tematicamente non è diverso da quello che il presidente Putin ha accusato l’Occidente di fare in Ucraina per decenni.

Sia l’Occidente in Ucraina (secondo il leader russo) che la Russia nelle elezioni del 2016 (secondo la comunità di intelligence degli Stati Uniti) sono accusati di manipolare l’identità di una società straniera – sia essa etnico-nazionale, politica, razziale, regionale, ecc. – al fine di indebolirle dall’interno prima di certe richieste politiche. L’Occidente voleva trasformare l’Ucraina in un trampolino di lancio anti-russo per condurre una guerra ibrida contro la Russia, mentre la Russia è accusata di voler manipolare Trump per permetterle di controllare l’Ucraina.

Si può riconoscere l’interpretazione del Russiagate da parte della comunità di intelligence degli Stati Uniti, ma ancora non essere d’accordo con essa, estendendo il credito alle accuse tematicamente simili del presidente Putin contro l’Occidente in Ucraina. Non si può, tuttavia, essere d’accordo con l’interpretazione del Russiagate da parte della comunità di intelligence degli Stati Uniti, rifiutando di riconoscere al presidente Putin accuse tematicamente simili contro l’Occidente in Ucraina, anche se alla fine non sono d’accordo con quest’ultimo.

Il nocciolo della questione è che gli Stati Uniti e la Russia hanno accusato l’altro di condurre una guerra ibrida contro di loro, anche se attraverso forme diverse e in misura diversa, ma che tuttavia hanno il comune denominatore di manipolare linee di faglia identitarie preesistenti nella società straniera presa di mira. Ciò non significa che ogni accusa di guerra ibrida sia effettivamente vera, ma solo che nessun osservatore obiettivo può respingere la possibilità senza prima esaminarla e riflettere sull’affermazione.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi