I tre scenari più probabili dopo il ritiro parziale della Russia dalla regione di Kherson

Andrew Korybko – 09/11/2022 (traduzione automatica)

The Three Most Likely Scenarios After Russia’s Partial Pullback From Kherson Region (substack.com)

 

Le seguenti tre interpretazioni forniscono la spiegazione più probabile per l’ultimo sviluppo: 1) Kiev sta respingendo con successo le forze russe con il pieno sostegno occidentale; 2) Mosca sta preparando un’abile trappola militare per i suoi oppositori; o 3) ritirarsi parzialmente da Kherson è il prerequisito segreto per un cessate il fuoco.

L’annuncio del Ministero della Difesa russo mercoledì sera che le sue forze si stanno ritirando oltre il fiume Dneprnella sua regione meridionale recentemente riunificata di Kherson è stato accolto con shock tra coloro che in tutto il mondo sono solidalicon l’operazione speciale di Mosca in Ucraina. Anche se le autorità avevano evacuato i civili dalla riva destra nell’ultimo mese e il generale dell’esercito Surovikinaveva precedentemente detto al suo popolo in quel periodo di aspettarsi decisioni militarmente difficili in futuro, pochi da questa parte della Nuova Guerra Freddasi aspettavano effettivamente un altro ritiro russo.

Ciò segue la battuta d’arresto a sorpresa nella regione di Kharkov due mesi fa, che è stata molto più caotica e disorganizzata del ritiro parziale dalla regione di Kherson, anche se il primo menzionato non era una parte costituente della Federazione Russa quando ciò è accaduto a differenza del secondo. L’ottica dell’ultimo sviluppo è quindi estremamente scomoda e non può essere edulcorata, anche se a loro merito, il Ministero della Difesa russo non ha tentato di farlo. Invece, il generale dell’esercito Surovikin e il ministro della Difesa Shoigu hanno candidamente informato il popolo russo sul perché ciò stava accadendo.

Secondo loro, mantenere quel territorio ha poco senso militare, soprattutto perché la spada di Damocle di Kiev che attacca la vicina diga di Kakhovka pende sulle teste di tutti e potrebbe alla fine isolare quelle delle sue forze rimaste sulla riva destra in quello scenario. Con questo in mente, è stata presa la decisione di iniziare il ritiro delle loro forze da lì. La cosa più dolorosa di tutte, tuttavia, è che anche l’omonima capitale della regione sarà evacuata come parte di questo processo. Per questo motivo, Kiev, i suoi protettori occidentali e i loro sostenitori stanno celebrando selvaggiamente ciò che è appena accaduto.

Le seguenti tre interpretazioni forniscono la spiegazione più probabile per l’ultimo sviluppo:

1. Kiev sta respingendo con successo le forze russe con il pieno sostegno occidentale

Questa interpretazione convenzionale degli eventi indica che la guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti contro la Russia attraverso l’Ucraina che ha provocato l’operazione speciale di Mosca lì in primo luogo si è evoluta al punto di respingere con successo le forze avversarie dallo stesso territorio che ora rivendicano come proprio.

2. Mosca sta preparando un’abile trappola militare per i suoi oppositori

La seconda interpretazione è sospettare che le cose non siano come sembrano e che Mosca stia preparando una trappola intelligente per i suoi avversari per indurli a allungare eccessivamente le loro linee di rifornimento, esponendosi più facilmente agli attacchi e combattendo una battaglia cruciale in stile Stalingradonella città di Kherson.

3. Ritirarsi parzialmente dalla Kherson è il prerequisito segreto per un cessate il fuoco

L’ultima interpretazione che si basa sulla sequenza di segnali che gli Stati Uniti hanno inviato prima di questa settimana (dettagliati qui) e sulla riaffermazione della portavoce del ministero degli Esteri Zakharova degli interessi della Russia nei colloqui di mercoledì per suggerire che questo ritiro è il prerequisito segreto per un cessate il fuoco.

Per quanto riguarda la prima interpretazione, sarà considerata credibile se accade quanto segue:

1A) Le forze sostenute dall’Occidente di Kiev occupano con successo l’intera riva destra da cui la Russia si è ritirata;

1B) Attraversano quindi con successo il fiume Dnepr nella regione di Kherson;

1C) E questo li porta a tagliare o schiacciare rapidamente il “Corridoio di Crimea” della Russia.

La seconda interpretazione richiede che ciò accada per essere considerata credibile:

2A) Le forze sostenute dall’Occidente di Kiev lottano per occupare l’intera riva destra della regione di Kherson;

2B) Allo stesso modo lottano per occupare la città di Kherson;

2C) E i loro sforzi finiscono con la riva destra della regione di Kherson che diventa una zona cuscinetto (smilitarizzata?).

Infine, quanto segue deve presto accadere affinché la terza teoria non venga respinta come coping:

3A) La riva destra della regione di Kherson rimane smilitarizzata o è solo leggermente militarizzata da Kiev;

3B) I combattimenti tra le forze sostenute dall’Occidente di Kiev e quelle russe nella regione di Kherson rallentano o si fermano;

3C) E una svolta diplomatica è raggiunta prima, durante o immediatamente dopo il G20 della prossima settimana.

Per concludere, ecco i tre principali takeaway di ciò che è appena accaduto:

1. La Russia si è ritirata dal territorio che rivendica come proprio per la delusione dei suoi sostenitori;

2. È più probabile che Kiev continui ad avanzare o si impantani in un pantanopiuttosto che accettare un cessate il fuoco;

3. E c’è la possibilità che Kiev e/o la Russia possano reagire in modo asimmetrico agli ultimi sviluppi.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi