La Russia vieterà la vendita del suo petrolio al prezzo stabilito dalla UE

MOSCA, 4 dicembre. /TASS/.

Кабмин подготовит механизм, запрещающий торговлю на условии ценового потолка на нефть (tass.ru)

 

La Russia non venderà petrolio ai sensi del tetto dei prezzi, anche se per questo il paese dovrà ridurre la produzione, in quanto la ritiene inaccettabile, contraria alle regole del mercato e dell’OMC. Lo ha detto il vice primo ministro russo Alexander Novak in un’intervista a Rossiya-24

Venderemo petrolio e prodotti petroliferi a quei paesi che lavoreranno con noi a condizioni di mercato, anche se dobbiamo ridurre in qualche modo la produzione”, ha detto.

“Voglio sottolineare ancora una volta che la nostra posizione è invariata, il Presidente della Federazione Russa ha parlato di questo. Il governo ha ripetutamente affermato che questo strumento [il tetto ai prezzi deciso dalla UE]  interferisce con gli strumenti di mercato, contraddice tutte le regole della stessa OMC “, ha aggiunto.

Secondo lui, il Consiglio dei ministri preparerà un meccanismo che vieta il commercio alle condizioni imposte del tetto del prezzo del petrolio. “Nella nostra pratica, non utilizzeremo strumenti relativi al price cap (price ceiling – ca. TASS). Ora stiamo lavorando su meccanismi per vietare l’uso dello strumento del price cap, indipendentemente dal livello che verrà fissato”, ha affermato.

“Tale interferenza, crediamo, può portare a una destabilizzazione ancora maggiore, a una carenza di risorse energetiche e a una diminuzione degli investimenti. Può influenzare non solo il petrolio, ma anche altri prodotti che sono sul mercato, influenzare non solo la Russia ma anche altri paesi “, ha aggiunto.

Il 5 dicembre entra in vigore un embargo sulla fornitura di petrolio russo via mare ai paesi dell’UE. I paesi dell’UE hanno anche concordato venerdì un tetto regolamentato sul prezzo del petrolio russo fornito via mare a 60 dollari al barile. Una decisione simile è stata annunciata dai paesi del Gruppo dei Sette (G7) e dall’Australia.

Gli Stati Uniti, l’Unione europea e il Regno Unito impongono alle loro società il divieto di fornire servizi di trasporto, finanziari e assicurativi alle petroliere che trasportano petrolio dalla Russia a un prezzo superiore al livello concordato.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi