L’inquinamente in India è reale, ma non deve essere usato dal nuovo “imperialismo verde”

Andrew Korybko – 11/12/2022

India’s Pollution Problem Is Real But Mustn’t Be Politicized For Pushing “Green Imperialism” (substack.com)

 

La CNN ha titolato un articolo in prima pagina domenica “Un mucchio di spazzatura alto 62 metri mostra la portata della sfida climatica dell’India“, che superficialmente mirava a sensibilizzare sul problema dell’inquinamento di quel paese, ma probabilmente funzionava come una forma di “imperialismo verde”. Questo concetto si riferisce alla politicizzazione delle questioni ambientali come mezzo per promuovere fini egemonici, che in questo caso si riferisce a quel principale organo di stampa mainstream occidentale (MSM) che fa pressione sull’India per limitare il suo sviluppo con quel pretesto.

Però nel’articolo il problema dell’inquinamento, realmente esistente, è stato utilizzato come arma per inquadrare la posizione di principio dell’India di rifiutare di concedere unilateralmente i suoi interessi di sviluppo in una luce negativa. Il sottotesto è che questa politica è responsabile del peggioramento della vita di persone innocenti, che avrebbero potuto avere un destino completamente diverso se Delhi si fosse sottomessa alle richieste dell’Occidente di accelerare la sua transizione verde.

La dura verità è che l’Occidente stesso non crede veramente nell’urgenza di dare priorità a questa stessa transizione, come dimostrato dalla riapertura delle centrali a carbone dell’UE in tutto il blocco come parte della sua radicale diversificazione dalla sua precedente dipendenza energetica russa. Inoltre, “i doppi standard della Germania sul carbone sudafricano espongono il suo ‘imperialismo verde’” dopo che è diventato ovvio che Berlino stava costringendo Pretoria a deindustrializzare con finti pretesti “verdi”, il tutto mentre esportava otto volte più carbone nell’UE.

Questo stesso “imperialismo verde” viene condotto contro l’India con un pretesto simile con l’intento di offuscare la sua reputazione in Occidente dopo che ha rifiutato di prendere le distanze dalla Russia contemporaneamente alla speranza di fare pressione su quel paese per limitare il suo sviluppo per “colpa”. Il rapporto dell’OCSE alla fine del mese scorso ha dimostrato che la sua economia sta crescendo al doppio del ritmo della Cina, il che sta accelerando l’ascesa dell’India come Grande Potenza di rilevanza globale che a sua volta sta rivoluzionando le relazioni internazionali.

Esula dallo scopo di questa analisi discutere la transizione sistemica globale in dettaglio, ma i lettori possono rivedere tre dei miei ultimi articoli qui, qui e qui per saperne di più su questo sviluppo. Il significato di questa tendenza nel contesto del presente articolo è che il ruolo centrale dell’India nell’emergente ordine mondiale multipolare ha ridotto l’influenza del Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti esattamente come il ministro degli Esteri Jaishankar ha dichiarato durante il fine settimana è già un fatto compiuto.

Che de facto il blocco della Nuova Guerra Fredda è ferocemente in competizione con il Sud Globale guidato congiuntamente da BRICS e SCO, di cui l’India è la voce sulla direzione della transizione sistemica globale, con il primo che spera che il risultato finale mantenga le trappole dell’unipolarismo mentre il secondo spera di riformare gradualmente le relazioni internazionali in modo che siano più democratiche, uguale e giusto. A tal fine, il Golden Billion sta spingendo “l’imperialismo verde” come arma di guerra ibrida per ostacolare lo sviluppo del Sud globale.

Il doppio standard in gioco in base al quale il Sud del mondo è costretto dal Golden Billion a limitare volontariamente il suo sviluppo dando priorità alla transizione verde mentre quest’ultima riapre letteralmente le centrali a carbone in tutta Europa ha lo scopo di ritardare la crescita del primo in modo da dare al secondo un vantaggio maggiore. L’obiettivo finale è quello di ampliare ulteriormente il divario di sviluppo tra di loro, poiché la sua riduzione comporterà che il Sud del mondo avrà maggiore influenza sulla direzione della transizione sistemica globale.

Considerando la velocità con cui l’economia indiana sta crescendo, che è il risultato diretto di garantire importazioni affidabili di materie prime dalla Russia in piena sfida all’Occidente, ne consegue naturalmente che questo stato dell’Asia meridionale contribuirà a stabilire le nuove regole e gli standard dell’emergente ordine mondiale multipolare. In un disperato tentativo di evitare quello scenario apparentemente inevitabile che il Golden Billion sa che ridurrà ulteriormente la propria influenza in questo senso, stanno ricorrendo all'”imperialismo verde” contro l’India.

Per essere chiari, il problema dell’inquinamento dell’India è reale, ma non può essere risolto in modo sostenibile attraverso misure radicali come quelle collegate alle richieste di transizione verde del Golden Billion. Tutto deve procedere senza intoppi al fine di prevenire eventuali interruzioni non intenzionali che potrebbero invertire il graduale miglioramento degli standard di vita di 1,4 miliardi di persone, da qui l’approccio cauto di Delhi e il suo interesse ad acquistare gas naturale da Mosca per facilitare la sua transizione pianificata da anni attraverso quella risorsa più pulita.

Se l’Occidente fosse stato sincero riguardo ai propri impegni dichiarati pubblicamente per la transizione verde, allora i suoi paesi non avrebbero smesso unilateralmente di importare il gas naturale relativamente più pulito della Russia e quindi si sarebbero costretti a fare affidamento su carbone molto più sporco per un futuro indefinito. Né, del resto, sarebbero così sconvolti dal fatto che l’India sia interessata ad acquistare GNL dalla Russia poiché i potenziali accordi faciliterebbero la propria transizione verde pianificata rendendola sostenibile e quindi più responsabile.

Guardando al futuro, sembra inevitabile che “l’imperialismo verde” giocherà un ruolo più importante nella guerra ibrida del Golden Billion contro il Sud del mondo, in particolare il suo leader indiano in ascesa. La retorica altisonante piena di richieste presumibilmente ben intenzionate maschera la realtà machiavellica secondo cui la transizione verde viene armata come mezzo per limitare il rapido sviluppo delle grandi potenze multipolari in ascesa al fine di impedire loro di plasmare le regole dell’ordine mondiale emergente.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi