Assad: “Negli USA non c’è sistema politico, governano le lobby di armi, petrolio e banche”

Il presidente siriano Bashar Al-Assad, ha rilasciato un’intervista alla televisione cinese Phoenix TV durante la quale ha affrontato diverse questioni relative alla situazione in Siria, nella regione e nel mondo

“La ricostruzione è iniziata ma abbiamo bisogno di maggiori investimenti all’interno e all’esterno per renderla più ampia”

Sulla ricostruzione del paese e su dove lo stato siriano inizierà questo processo, il presidente siriano ha affermato che “la prima fase della ricostruzione inizia con la riparazione delle infrastrutture, in particolare elettricità e acqua, e poi la costruzione di scuole, centri sanitari e ospedali
Ha sottolineato che la fase successiva della ricostruzione, che è la più importante, rappresenta una grande sfida e consiste nel ripristinare lo stile di vita, in particolare l’aspetto economico.

“Ciò richiede molti sforzi e condizioni sia interne che esterne; e il blocco dei paesi occidentali contro la Siria influenza negativamente questo processo e lo rallenta ”, ha spiegato.
Ha aggiunto: “possiamo dire che la ricostruzione è iniziata ma abbiamo bisogno di più investimenti dall’interno e dall’esterno in modo che inizi in modo ampio”.

“Prevediamo che le aziende cinesi inizieranno a studiare il mercato siriano che ha iniziato a migliorare in termini di sicurezza e opportunità di investimento”.

Per quanto riguarda il tipo di aiuto di cui la Siria ha bisogno dai paesi amici, tra cui la Cina, al-Assad ha risposto che “la Cina può offrire aiuto nella ricostruzione e anche nell’aspetto umanitario”.
“La Cina sta attualmente aiutando attraverso le donazioni umanitarie che utilizziamo nelle aree più bisognose”.
Secondo il presidente siriano, “con la liberazione di molte aree del terrorismo e il consolidamento della stabilità, la Siria ha iniziato a dialogare con alcune società cinesi per la ricostruzione”, e ha affermato che “la cosa più importante in tutto questo processo è ripristinare il ciclo di vita economica ”.
“Prevediamo che le società cinesi inizieranno a studiare il mercato siriano che ha iniziato a migliorare in termini di sicurezza e opportunità di investimento”, ha affermato il presidente.
Ha rivelato che il governo siriano ha iniziato a contattare diverse società cinesi per evitare sanzioni e quindi entrare nel mercato siriano.
“Gli investimenti in Siria sono redditizi e c’è desiderio da parte delle società cinesi, ma ci sono ancora timori circa l’effetto delle sanzioni; e ora abbiamo raggiunto formule sicure per entrare nel mercato siriano “.

“Il contributo dei paesi amici alla ricostruzione è importante tanto quanto il loro contributo nella lotta al terrorismo”

Ha anche ribadito che la ricostruzione è importante non solo in termini economici, ma aiuta anche milioni di rimpatriati a trovare opportunità di lavoro e quindi impedire loro di unirsi alle organizzazioni terroristiche o essere manipolati dall’estero, approfittando delle loro esigenze; pertanto,  il contributo dei paesi amici alla ricostruzione è importante tanto quanto il loro contributo militare nella lotta contro il terrorismo e il ripristino della sicurezza.
“Lavoriamo per fornire un ambiente sicuro per la ricostruzione attraverso la lotta al terrorismo e la liberazione delle aree”, ha affermato.

“Alcune società cinesi hanno recentemente iniziato a inviare esperti per esplorare l’ambiente di investimento in Siria”

Ha aggiunto che il governo siriano lavora per fornire un ambiente di investimento facilitando le procedure e rendendole più trasparenti, e ha rivelato che una legge sugli investimenti che soddisfa gli standard di investimento internazionali e offre garanzie legali e finanziarie agli investitori sarà approvata molto presto.
“Esistono due sfide: la prima è la mancanza di canali finanziari efficaci tra Cina e Siria per il trasferimento di denaro e la causa di questo problema è il blocco, e questo è un ostacolo da eliminare; mentre la seconda sfida è la paura che alcune aziende cinesi hanno ancora, ma possiamo dire che recentemente hanno iniziato a inviare esperti per esplorare l’ambiente e le opportunità di investimento “, ha affermato.
Ha ribadito che il governo siriano offre garanzie di sicurezza alle società cinesi che vogliono venire in Siria.

“A differenza degli Stati Uniti, la Cina cerca di rafforzare la sua influenza nel mondo contando sugli amici e raggiungendo interessi comuni”.

Per quanto riguarda la questione della cintura e della via della seta, il presidente ha commentato che “si tratta di un’iniziativa strategica che ha apportato un grande cambiamento in tutto il mondo” e ha sottolineato che “a differenza dei tentativi di colonizzazione, occupazione ed egemonia da parte dell’Occidente , in particolare gli Stati Uniti, la Cina cerca di rafforzare la sua influenza nel mondo contando sugli amici e raggiungendo interessi comuni “.
“La Siria è storicamente parte della via della seta e quando la Cina mostra interesse per un piccolo paese come la Siria a far parte di questa iniziativa che mostra una forma di parità nel trattamento; significa che la Cina non guarda alla Siria dal punto di vista di un potere “, ha detto.

“La via della seta per noi significa stabilità e prosperità”

Ha assicurato che ci sono benefici per la Siria, la Cina e tutti i paesi che si trovano su questa rotta ed è un rapporto civile e culturale che genera prosperità e migliora la situazione economica, sociale e di sicurezza di tutti i paesi che fanno parte di questo progetto.
“La via della seta per noi significa stabilità e prosperità”, ha detto al-Assad.
A questo proposito, ha rivelato che con il consolidamento della sicurezza e l’inizio del ciclo economico, il governo siriano ha avviato un dialogo serio con le autorità cinesi in modo che la Siria faccia parte di questa rotta, dal momento che attualmente non è in atto ma non lo impedisce nemmeno, secondo il presidente siriano, di farne parte in futuro.
“Abbiamo presentato sei progetti infrastrutturali al governo cinese per la Via della Seta e attendiamo una risposta su quale di essi sia appropriato per questa iniziativa; e la verità è quando questa infrastruttura è garantita la Via della Seta passerà sicuramente attraverso la Siria come era nel corso della storia “, ha spiegato.

“Il sistema politico americano non è un sistema statale ma lobby e chi governa negli Stati Uniti è il denaro”

In risposta a una domanda se il fallimento di Trump nelle prossime elezioni sarà positivo per la Siria, il presidente siriano ha risposto che l’attuale inquilino della Casa Bianca è il presidente più trasparente degli Stati Uniti, ma non significa che sia bravo.
“L’Occidente indossa sempre delle maschere per nascondere le sue intenzioni; e il sistema politico americano non è un sistema statale ma lobby e chi governa negli Stati Uniti è il denaro proveniente da armi, petrolio o banche, e sono queste lobby che governano e controllano la politica di USA “, ha ribadito.
Secondo il presidente Al-Assad, i presidenti americani con cui la Siria ha avuto a che fare da Nixon nel 1974 (quando i rapporti con Washington erano normalizzati) a Trump oggi, non possono uscire dalla linea politica tracciata da quelle lobby anche se provano a farlo.
Su questo tema, ha anche affermato che “l’impegno per un cambiamento di un presidente degli Stati Uniti non è reale ed è fuori luogo. “Non credo che la politica americana cambierà nei prossimi anni”, ha lamentato.

“La politica americana non dipende dai principi ma dagli interessi delle aziende”

Nel suo commento sull’annuncio del ritiro delle truppe di Washington dalla Siria e poi sull’annuncio che quelle truppe rimarranno nei campi petroliferi, il presidente siriano ha affermato che ciò conferma che le lobby sono ciò che governa la politica americana.
“La politica americana non dipende dai principi ma dagli interessi delle compagnie e se i loro interessi sono occupare i campi petroliferi siriani e rubarli, lo farebbero anche se ciò andasse contro il diritto internazionale o addirittura contro le leggi degli Stati Uniti “, ha ricordato Assad.
“Gli Stati Uniti non dipendono nelle loro guerre dai loro soldati ma da compagnie private come Black Water; e forse hanno migliaia di combattimenti in Siria ”
Rispondendo a una domanda sul numero di forze statunitensi in Siria, Assad ha commentato: “A volte gli americani dicono che sono migliaia e a volte centinaia, e quando annunciano queste cifre, tengono conto del fatto di piacere alle lobby”.
Ha aggiunto: “la verità è che entrambe le figure sono errate perché non tengono conto di coloro che combattono con l’esercito americano”.
Secondo il presidente, il regime americano, oggi, non dipende dalle sue guerre dai suoi soldati ma da compagnie private come Black Water in Iraq; e forse hanno alcune centinaia di militari operativi in ??Siria ma anche migliaia, e forse decine di migliaia di civili che lavorano per queste compagnie e combattono all’interno della Siria.
“È difficile conoscere il numero esatto ma la verità è che ce ne sono migliaia”, ha detto.

“La Turchia è coinvolta in tutte le operazioni di vendita e acquisto di greggio siriano rubato”   

D’altro canto, il presidente siriano ha denunciato che i terroristi del Daesh-ISIS e del Fronte di Al-Nousra hanno rubato petrolio siriano e lo hanno venduto alla Turchia, e attualmente questa rapina è in corso negli Stati Uniti e vende petrolio siriano uguale alla Turchia, e quest’ultima è coinvolta in tutte le operazioni di vendita e acquisto di greggio siriano rubato.
“Le entrate petrolifere all’inizio della guerra sono state ridotte a zero per il governo siriano, ma abbiamo recuperato alcuni pozzi e attualmente stiamo producendo una quantità molto modesta di greggio; pertanto, l’impatto del petrolio sull’economia siriana è molto limitato, poiché la maggior parte dei giacimenti petroliferi è ancora nelle mani di gruppi terroristici o gruppi armati che disobbediscono alle leggi e operano sotto il comando di Washington”.

“Colpire il terrorismo indebolisce la presenza militare americana in Siria in un modo o nell’altro”

In che modo il governo siriano dovrebbe affrontare la presenza militare americana in Siria? Il giornalista ha chiesto, e il presidente ha risposto che “la forza degli Stati Uniti proviene da terroristi e l’attuale priorità per lo stato siriano è quella di combattere contro quei terroristi.

“Colpire il terrorismo indebolisce la presenza americana in un modo o nell’altro; ed è necessario convincere – attraverso il dialogo – i gruppi siriani che operano sotto il comando di Washington che l’interesse del paese richiede che si uniscano allo Stato siriano nei loro sforzi per liberare l’intero territorio nazionale; e quando ciò sarà raggiunto, non ci sarà alcuna prospettiva per la permanenza degli Stati Uniti; ma se rimane, ci sarà una resistenza popolare e pagherà il prezzo “, ha avvertio Assad e ha sottolineato che” alla fine, gli Stati Uniti lasceranno la Siria “.

“Il caos nella regione è contagioso e spero che le mobilitazioni in alcuni paesi vicini rimangano nel quadro popolare e spontaneo”

Su proteste e rivolte nei paesi vicini come l’Iraq, il Libano e persino l’Iran, il presidente ha commentato che “influenzano direttamente la Siria, poiché abbiamo relazioni familiari ed economiche come qualsiasi altro paese vicino.

“Se le mobilitazioni in questi paesi cercano di risolvere problemi o migliorare la situazione economica e politica, ciò avrebbe un impatto positivo sulla Siria, ma se gli Stati Uniti e altri paesi occidentali intervengono in queste mobilitazioni popolari, smetterebbero di essere spontanei e quindi generare caos”. ha ammonito.
“La politica americana si basa sulla generazione di caos o” caos costruttivo “, come la chiamavano Condoleezza Rice e George Bush; È un caos a beneficio dei loro interessi “.
Ha aggiunto che il caos nella regione è contagioso e spera che le mobilitazioni rimangano nel quadro popolare e spontaneo.

“A differenza di Stati Uniti, Russia e Cina credono che la stabilità favorisca gli interessi di tutti”

Ha concluso che “è già ovvio per tutti la differenza tra potenze come gli Stati Uniti e i suoi alleati come la Francia e il Regno Unito, che cercano di provocare il caos per favorire i loro interessi, mentre la Russia e la Cina credono che la stabilità e il diritto internazionale sono quelli che favoriscono gli interessi di tutto il mondo, siano essi grandi o piccoli paesi ”.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-assad_negli_usa_non_c_sistema_politico_governano_le_lobby_di_armi_petrolio_e_banche_la_via_della_seta__stabilit_e_prosperit/82_32182/