“Ogni paziente che riceviamo è una ferita nell’anima”

“Basta guardare le facce delle persone che sono qui e i numeri di questo ospedale per capire questo Paese. Non c’è sicurezza. Le persone hanno perso completamente la speranza, continuano a perdere la fiducia che le cose possano migliorare. Siamo tutti rassegnati. E provo molto dolore.

 

  Logo di EMERGENCY

  Attività chirurgica di EMERGENCY a favore delle vittime della guerra e della povertà
Dona ora
EMERGENCY.IT
“OGNI PAZIENTE CHE RICEVIAMO
È UNA FERITA NELL’ANIMA”
Il chirurgo di EMERGENCY Hedayat al lavoro nel Centro chirurgico per vittime di guerra di Kabul
“Perché sto pagando? Perché ho paura, sempre. Perché mi guardo allo specchio e mi sento più vecchio di quello che sono realmente.”

Hedayat ha 38 anni, e da 14 lavora come chirurgo dentro il Centro Chirurgico per vittime di guerra di Emergency a Kabul.

Basta guardare le facce delle persone che sono qui e i numeri di questo ospedale per capire questo Paese. Non c’è sicurezza. Le persone hanno perso completamente la speranza, continuano a perdere la fiducia che le cose possano migliorare. Siamo tutti rassegnati. E provo molto dolore.

Un tempo i nostri stati d’animo erano molto diversi, ma da qualche anno, qui in Afghanistan, è tutto diverso: la gente vuole fuggire. In molti se ne stanno già andando.

Ogni giorno ho paura a uscire di casa. Perché vivere qui significa avere paura. Non avere nessuna speranza per il futuro. I miei occhi, in questi anni, hanno visto troppo dolore. Un dolore che non è solo il mio. È di tutti. E questo non è normale, non lo sarà mai.

Ogni paziente che riceviamo in questo ospedale è come una nuova ferita nell’anima.

Ma io ho deciso di restare. Lo faccio per la mia famiglia: mia madre, mio padre, i miei figli, la mia gente. Lo faccio per il mio lavoro. Anche se il prezzo che pago per essere rimasto è sempre molto alto.”

Sostieni le nostre attività in Afghanistan
CONDIVIDI SU:
TESSERA
E TU, DA CHE PARTE STAI?
La tessera di EMERGENCY
Con la tessera di Emergency scegli di essere dalla parte dei diritti, della solidarietà, della pratica di pace. Perché senza diritti non può esserci giustizia, ma solo discriminazione.

Aiutaci a fornire cure gratuite e di alta qualità alle vittime della guerra, delle mine e della povertà in Afghanistan, Iraq, Repubblica Centrafricana, Italia, Sierra Leone, Uganda, Sudan.

Richiedi la tua tessera
CONDIVIDI SU:
NEWS
LA BELLA STAGIONE. RACCONTI DALLA PUGLIA
Dove l'erba trema - La bella stagione
Dopo il lancio del primo capitolo a dicembre, è online “La bella stagione. Racconti dalla Puglia”, secondo capitolo di “Dove l’erba trema. Vite invisibili nelle campagne d’Italia”, il nostro progetto editoriale dedicato ai braccianti sfruttati nelle zone agricole e rurali del nostro Paese, dove dignità e diritti sono molto spesso negati.

L’ambientazione è la Puglia, dove alla raccolta di mezza tonnellata di pomodori corrisponde una paga di poco più di 3 euro. La Puglia del “Gran Ghetto” di Rignano…

Leggi il secondo capitolo
INIZIATIVE
TUTTE LE INIZIATIVE DEI VOLONTARI DI EMERGENCY IN ITALIA
Banchetti, eventi, incontri di approfondimento… Sul nostro sito puoi trovare tutte le iniziative organizzate dai nostri volontari in Italia e sapere dove incontrarli per avere informazioni sulle attività umanitarie di Emergency.
Scopri tutte le iniziative
EMERGENCY 
“Noi siamo qui per tutta la popolazione, non ci interessano le opinioni politiche dei terremotati, né la loro nazionalità. Curiamo tutti: bene e gratis. Non esiste nessuna contrapposizione tra italiani e stranieri
[…leggi tutto]

 

Emergency
“Mangiatoia”? Ormai si calunnia senza avere in mano nessun fatto. Le ONG sono migliaia: o si fanno nomi e cognomi, numeri e dati, altrimenti si fa un danno indiscriminato a organizzazioni che salvano vite umane. @GinoStrada #ottoemezzo @OttoemezzoTW
 
EMERGENCY
Segui EMERGENCY su Google+ e ricevi i nostri aggiornamenti e le nostre notizie.
Dona ora
EMERGENCY.IT
Emergency – Via Santa Croce 19 – 20122 Milano Tel (+39) 02 881881 Fax (+39) 02 86316336

 

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *