“Il dominio di Big Tech”

L’emergenza Coronavirus, con l’aumento del tempo trascorso su web, lo smart working e l’insegnamento a distanza, spinge a grande velocità i processi inarrestabili di cattura delle vite delle persone, campionate attraverso i dati personali.

logo-comune

Newsletter

Il dominio di Big Tech

Il dominio di Big Tech
L’emergenza Coronavirus, con l’aumento del tempo trascorso su web, lo smart working e l’insegnamento a distanza, spinge a grande velocità i processi inarrestabili di cattura delle vite delle persone, campionate attraverso i dati personali. Giganti dell’informatica come Google, Amazon, Microsoft, Facebook e Apple si sono buttati a capofitto per approfittare di questa straordinaria occasione per accumulare dati. Tuttavia, spiega Davide Lamanna, esistono saperi, strumenti e movimenti con cui creare alternative, ma sarà un processo lungo, complesso e collettivo. “Perché dovrebbe essere facile? Avete mai sentito di una rivoluzione avvenuta senza coraggio e impegno?”

Sedati da angoscia e tristezza

Sedati da angoscia e tristezza
Ci sono spazi oscuri, svelati da questi giornate, che fatichiamo a riconoscere e mettere in discussione. Ci riconsegniamo totalmente allo Stato, lasciamo chiudere tutto ma non alcuni luoghi di lavoro, accettiamo clima e linguaggio da guerra, abbiamo perfino paura a criticare le lezioni a distanza. Scrive Enrico Euli: “Ci stiamo avviando al peggio di una catastrofe: una gestione catastrofica della catastrofe… Siamo troppo presi dall’angoscia e dalla tristezza per badare al futuro”

Pandemie e condizioni del pianeta

Pandemie e condizioni del pianeta
La storia delle epidemie dimostra che quanto più si superano i limiti della disponibilità di risorse del territorio, quanto più si altera l’ambiente di vita, tanto più facilmente si verificano epidemie e pandemie. Per questo c’è chi da tempo avvertiva del rischio di nuovi virus. “Il Covid-19 è una reazione, tra le altre, allo stato di stress che abbiamo causato al pianeta – spiega Gianni Tamino – Per prevenire nuovi eventi simili dobbiamo ridurre le alterazioni dell’ambiente, come la perdita di biodiversità, l’alterazione degli habitat e i cambiamenti climatici, favorendo processi produttivi industriali e agricoli basati sull’economia circolare, sostenibili, con ricorso a fonti energetiche rinnovabili”

I bambini dimenticati

I bambini dimenticati
Chiediamo un’ora d’aria per tutti i bambini/e e ragazzi/e, senza alcun assembramento nel rispetto delle distanze di sicurezza e delle normative. Lettera aperta di associazioni, genitori, insegnanti, educatori ed educatrici, psicologi e psicologhe, antropologi e antropologhe, artisti e artiste. È possibile firmarla in coda, nello spazio commenti
logo_page-0001-1
Uno spazio per riempire di idee, pensiero critico e libertà questi giorni dominati da isolamento dei corpi, scuola a distanza e paura

Il respiro del mondo

Il respiro del mondo
Ci porteremo a lungo dietro le immagini dei camion militari carichi di bare e quella di papa Francesco, su quel selciato coperto solo dalla pioggia. Immagini di un mondo in sofferenza. Non è vero che andrà tutto bene e che saremo come prima. “I morti e le sofferenze ci dicono che le cose saranno diverse, ma soprattutto dovremmo sperare che proprio non sia come prima perché il prima era malato – scrive Antonio De Lellis – La pandemia ha solo reso evidente ciò che eravamo già da tempo: malati… La ricerca del respiro che drammaticamente ascoltiamo, come bisogno estremo di chi è malato, è il respiro che manca al mondo”

I nostri leader sono terrorizzati

I nostri leader sono terrorizzati
Hanno paura del virus? No, di noi. La triste favola del neoliberismo è finita

Abbiamo paura

Abbiamo paura
Malgrado tutto, possiamo trasformare la paura in empatia

Disinfettare a prezzi popolari

Disinfettare a prezzi popolari
No, questa notizia su Farmacoop, il primo laboratorio farmaceutico del mondo nato da un’occupazione, stavolta, non serve a dare indicazioni utili e concrete immediatamente utilizzabili da chi vive nel paese che finora ha offerto più vittime sacrificali al virus, per quello su Comune c’è Condomini Virali. Serve invece, forse, a ragionare meglio su quelle alternative – che molti chiamano “ideologiche”, come le imprese argentine abbandonate dai padroni e recuperate dai lavoratori in autogestione cooperativa – che non perseguendo il business come prima o sola ossessione, oggi, nell’emergenza mondiale, possono tornare molto utili. Dite la verità, trovate tutto questo ideologico?
cover-4-1024x421-1

L’economia solidale condominiale

L'economia solidale condominiale
La campagna della Rete di economia sociale e solidale romana

Lo sciopero degli affitti

Lo sciopero degli affitti
Dal pimo aprile migliaia di persone non saranno in grado di pagare l’affitto

In paese

In paese
Qui, se e quando passerà l’epidemia, sarà rimasto il resto di niente

Mai più come prima!

Mai più come prima!
Un appello dalla Francia: il giorno dopo deve essere del tutto diverso

La Total e il virus in Basilicata

La Total e il virus in Basilicata
Se poi la contingenza mondiale diventa sfavorevole…

Il lockdown non è una transizione

Il lockdown non è una transizione
Per cambiare cominciamo a ragionare su ciò che la crisi ci ha insegnato

Psicopatologia del voto

Psicopatologia del voto
Si può rinunciare all’aula ma non alla delirante morbosità delle classifiche
benvenutiovunque
Benvenuti ovunque, testata interna a Comune, dedicata al migrare e all’affermazione della libertà di movimento, è curata con la Rete dei Comuni Solidali. È possibile iscriversi alla Newsletter di Benvenuti ovunque cliccando qui
Agenda
--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.