Iran, Rohani condanna l’invio di “terroristi siriani” in Nagorno-Karabakh. Rischio di conflitto regionale

Teheran non può tollerare il dispiegamento di terroristi provenienti dalla Siria nella contesa regione del Nagorno-Karabakh, dove i combattimenti tra Azerbaigian e Armenia colpiscono i confini dell’Iran e potrebbero evolversi in un conflitto regionale. Lo ha denunciato oggi il presidente iraniano Rouhani.

La Repubblica islamica dell’Iran si concentrerà nel garantire “la sicurezza delle nostre città e villaggi” che sembrano essere alla portata di proiettili vaganti o razzi provenienti dalla zona di conflitto, ha proseguito il presidente iraniano al termine di una riunione di gabinetto mercoledì. Lo riporta RT.

Parlando alle tv russe, come l’AntiDiplomatico vi riportava ieri, il presidente siriano Bashar Assad aveva dichiarato che è “certo” che la Turchia stia traghettando jihadisti siriani per combattere nel conflitto in Nagorno-Karabakh “istigato da Erdogan”

Nei giorni scorsi, colpi di mortaio vaganti avevano ferito un bambino e danneggiato alcuni edifici nella campagna iraniana settentrionale, vicino al confine con l’Azerbaigian, secondo quanto riportato dai media iraniani. Le ostilità che hanno coinvolto l’Armenia e le forze del conteso Nagorno-Karabakh da un lato e l’Azerbaigian dall’altro, avvengono in prossimità dell’Iran. Pertanto, Teheran sta seguendo da vicino gli sviluppi sul campo e rimane preoccupata per il fatto che “questa guerra non si trasformi in una guerra regionale e non si diffonderà [ulteriormente]”. Facendosi portavoce delle preoccupazioni del suo paese, Rouhani ha sottolineato che è “inaccettabile” che “alcune persone vogliano trasferire alcuni terroristi dalla Siria e da altri luoghi nella regione [del Caucaso meridionale] e vicino ai nostri confini”. Il presidente iraniano non ha chiarito da quale paese si rifornisce la forza lavoro ausiliaria dalla Siria tormentata dal conflitto, ma ha detto che questo messaggio è stato trasmesso sia a Yerevan che a Baku.

L’Iran, che condivide quasi 760 km di confine con l’Azerbaigian e un breve tratto di confine con l’Armenia, ha annunciato che sta sviluppando un piano di pace per il Nagorno-Karabakh. Il portavoce del ministero degli Esteri, Saeed Khatibzadeh, non ha annunciato i dettagli, ma ha detto che saranno coinvolti tutti i paesi della regione. La speculazione sui “mercenari siriani” che si riversano nell’infiammato punto caldo del Nagorno-Karabakh è stata diffusa da quando il conflitto è scoppiato il 27 settembre. Organizzazioni terroristiche che combattono in Medio Oriente “si stanno muovendo nella zona del conflitto alla pari con” gruppi curdi estremisti”.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-iran_rohani_condanna_linvio_di_terroristi_siriani_in_nagornokarabakh_e_parla_di_scintilla_per_un_conflitto_regionale/82_37652/

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi