Ministro Difesa russo Shoigu: “Operazione speciale per fermare il genocidio in Ucraina”

La Russia è stata costretta ad avviare un’operazione militare speciale per proteggere le persone dal genocidio e garantire lo status di Ucraina libera dal nucleare [armi] e neutrale, ha detto oggi il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu in una riunione del Consiglio dei ministri della Difesa della CSTO.

Ha osservato che a causa del nazionalismo russofobo che si è sviluppato nella società ucraina, con la complicità occidentale, è iniziata la persecuzione della lingua e della cultura russa e la storia comune dei due paesi.

“Per otto anni, il regime di Kiev ha metodicamente bombardato città e villaggi nel Donbass. Durante quel periodo, più di 14.000 persone furono uccise e circa 33.000 furono ferite. Tutti i nostri tentativi di costringere Kiev ad attuare gli accordi di Minsk sono stati vani”, ha detto il ministro.

“Nella situazione determinatasi la Russia è stata quindi costretta ad avviare un’operazione militare speciale per proteggere le persone dal genocidio, oltre a smilitarizzare e denazificare l’Ucraina, garantendo il suo status di libero e neutrale dal nucleare”, ha sottolineato.

MOSCA, 24 maggio. /TASS/

(traduzione e rielaborazione testo: ambienteweb.org – ci scusiamo per eventuali imprecisioni)

La Russia ha dovuto iniziare un’operazione speciale per fermare il genocidio in Ucraina – Ministro della Difesa – Politica e diplomazia russa – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi