Nello Yemen, saccheggiati in un giorno 400.000 barili di petrolio dalla coalizione saudita appoggiata dall’occidente

Non solo in Siria, in Palestina, ma gli USA e le coalizioni come quelle saudita che appoggiano in varie parti del mondo sono ormai specializzate nel saccheggiare petrolio e altre risorse naturali. A scapito di chi avvengono questi furti in piena regola è facile immaginarlo.

A questo proposito, secondo l’agenzia di stampa statale yemenita Saba, ieri, una petroliera battente bandiera degli Emirati Arabi Uniti è partita dal porto di Radhum, nella provincia meridionale di Shabwa, nello Yemen, dopo aver rubato più di 400.000 barili di greggio dalla regione ricca di petrolio.

Un funzionario yemenita che ha parlato con Saba a condizione di anonimato ha affermato che il costo stimato del carico rubato era di 43,640 milioni di dollari, secondo i prezzi del petrolio alla borsa internazionale. Ciò equivale a 49 miliardi di rial yemeniti.

Il saccheggio della nave Golf Aetos, gestita dagli Emirati Arabi Uniti, arriva appena due settimane dopo che un’altra superpetroliera ha lasciato il porto di Ash Shihr nella provincia orientale di Hadhramaut con oltre due milioni di barili di greggio, per un valore di oltre 270 milioni di dollari.

Alla fine di maggio, il ministero del petrolio del Consiglio di transizione dello Yemen sostenuto dai sauditi avrebbe venduto un giacimento petrolifero a Shabwa agli Emirati Arabi Uniti, annunciando in una dichiarazione di aver trasferito il controllo del giacimento petrolifero del settore 5 a una “compagnia locale” senza specificare il nome.

Saba ha aggiunto, tuttavia, che il giacimento petrolifero di Shabwa – che produce decine di migliaia di barili di petrolio su base giornaliera – è stato venduto a “una società fittizia con sede nel porto di Jebel Ali” a Dubai, come copertura per coprire i profitti degli Emirati Arabi Uniti realizzato attraverso il suo coinvolgimento nella guerra guidata dall’Arabia Saudita contro lo Yemen.

Un giorno prima che il Consiglio di transizione facesse l’annuncio, il gruppo mercenario della Brigata dei giganti sostenuto dagli Emirati ha assunto il controllo del giacimento petrolifero di Shabwa.

Secondo quanto riferito, l’accordo ha generato ingenti profitti per il ministero e per il primo ministro Moein Abdel-Malik, che rappresenta il nuovo Consiglio di transizione nominato dall’Arabia Saudita, dopo aver sostituito il presidente estromesso Abdrabbuh Mansour Hadi lo scorso aprile.

Dall’inizio dell’invasione dello Yemen a guida saudita nel 2015, le truppe saudite ed emiratine, con l’aiuto dei gruppi armati Takifiri, hanno occupato la maggior parte delle regioni meridionali e orientali dello Yemen ricche di risorse.

La guerra e l’occupazione hanno creato quella che l’ONU descrive come una delle peggiori crisi umanitarie del mondo. Un blocco aereo e marittimo imposto da Riad ha anche spinto la maggior parte degli yemeniti sull’orlo della carestia.

Nonostante un accordo di tregua messo in atto dall’inizio del mese sacro musulmano del Ramadan, le forze di Riad hanno continuamente sequestrato spedizioni di carburante di emergenza dirette al porto yemenita di Hodeidah, che è controllato dal governo centrale di Sanaa.

L’AntiDiplomatico

27/06/2022

Nello Yemen, saccheggiati in un giorno 400.000 barili di petrolio dalla coalizione saudita appoggiata dall’occidente – GUERRE E IMPERIALISMO – L’Antidiplomatico (lantidiplomatico.it)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi