La minaccia di una guerra nei Balcani rimane, ma la diplomazia ha una possibilità

Il rischio di una situazione di stallo militare tra Kosovo e Serbia rimane, ma la decisione di Pristina, presa a seguito degli sforzi internazionali, di rinviare al 1° settembre la procedura di applicazione del divieto dei documenti serbi apre una finestra di opportunità per intensificare gli sforzi diplomatici in grado di prevenire un confronto militare diretto. Un’agenda sensata dell’integrazione di Belgrado e Pristina con l’UE e lo sviluppo di una corrispondente tabella di marcia potrebbero essere una delle possibili soluzioni su questo binario, ha detto a TASS il capo del Consiglio russo per gli affari internazionali, Andrey Kortunov.

“Per ora, è prematuro dire che la crisi è stata risolta. È solo un rinvio, e non un cambiamento fondamentale nella posizione di Pristina”, ha detto Kortunov. “È molto importante utilizzare questa finestra di opportunità per intensificare i tentativi diplomatici di risolvere in qualche modo questa crisi. La minaccia [di uno scontro militare] è ancora lì”.

L’esperto ha richiamato l’attenzione su una dichiarazione dell’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell, che ha accolto con favore il ritardo e la tempestiva prevenzione della fase attiva del conflitto. Il capo della diplomazia europea ha sottolineato che “le questioni aperte dovrebbero essere affrontate attraverso il dialogo facilitato dall’UE e concentrarsi sulla normalizzazione globale delle relazioni tra Kosovo e Serbia”, che è necessaria per la loro integrazione nell’UE. Kortunov ritiene che su questa strada dell’integrazione si possa ottenere un certo successo nel persuadere le parti in conflitto ad astenersi dalle ostilità dirette se viene offerta “una prospettiva convincente di integrazione nell’Unione europea”.

“Sia alla Serbia che al Kosovo verrebbero offerte alcune tabelle di marcia specifiche, preferibilmente ben definite, per la loro integrazione”, ha ipotizzato. “Sappiamo che ci sono stati precedenti nell’Unione europea di paesi che hanno trascorso molti decenni in lista d’attesa ma non hanno aderito all’unione fino ad oggi. Questo, ovviamente, mina la credibilità delle proposte che provengono da Bruxelles. Alcune domande sono rivolte anche all’Unione europea. Quanto è pronta l’Unione europea a considerare concretamente la questione dell’ammissione del Kosovo e della Serbia? Ci sono altri paesi nelle vicinanze che sono probabilmente più pronti ad aderire, ma le loro prospettive di adesione sono piuttosto vaghe. Questo, ovviamente, mina in qualche modo la credibilità dei discorsi sull’integrazione”.

In una certa misura Kortunov ha concordato con il ministero degli Esteri russo che al momento non è possibile considerare “inequivocabilmente riuscita” l’attività dell’Unione europea sulla via della risoluzione della crisi balcanica.

“La missione principale dell’Unione europea era cercare di costruire istituzioni forti, contribuire a formare una società civile e creare i prerequisiti per lo sviluppo democratico del Kosovo e per lo sviluppo economico sostenibile di quel territorio”, ha detto Kortunov. “Ora vediamo che questi sforzi sono continuati per quasi un quarto di secolo, ma i risultati non sono molto impressionanti. E, naturalmente, questo influisce sulla sicurezza nei Balcani e oltre la penisola balcanica in Europa nel suo complesso”.

Questione dell’integrazione europea
La politica estera della Serbia prevede l’adesione all’Unione europea mantenendo relazioni amichevoli con Mosca e Pechino, oltre a sviluppare legami con Washington. Belgrado intende mantenere la neutralità militare ed evitare di aderire alla NATO e ad altri blocchi militari e politici. Questa posizione attira obiezioni da parte dell’Occidente. Alla Serbia è stato ripetutamente detto che l’integrazione europea sarà possibile solo a due condizioni: il riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo e la cessazione delle relazioni amichevoli con la Russia.

La provincia autonoma serba del Kosovo e Metohija ha dichiarato l’indipendenza unilateralmente nel febbraio 2008. Ultimamente, ha cercato attivamente di aderire a organizzazioni internazionali, tra cui l’UNESCO e l’Interpol. Più di 60 paesi, tra cui Russia, India e Cina, così come cinque Stati membri dell’UE sono contrari al riconoscimento del Kosovo. In precedenza, il primo ministro del Kosovo non riconosciuto, Albin Kurti, ha detto in un seminario del Consiglio Atlantico a Washington che Pristina desiderava aderire alla NATO e all’UE. Il 12 maggio, il Kosovo non riconosciuto ha fatto domanda per l’adesione al Consiglio d’Europa.

Nuova spirale di tensioni
Domenica sera, la situazione in Kosovo e Metohija è peggiorata bruscamente dopo che la polizia dell’entità non riconosciuta ha chiuso il checkpoint sulla linea amministrativa con la Serbia. In risposta, i serbi nella parte settentrionale del Kosovo sono scesi in strada per manifestare e bloccare le strade principali. Le sirene sono state udite in un certo numero di città nel nord della regione. La polizia e il personale della forza di sicurezza internazionale in Kosovo KFOR, che opera sotto l’egida della NATO, sono stati spostati sul ponte sul fiume Ibar, che collega il nord e il sud di Kosovska-Mitrovica.

Come risultato degli sforzi internazionali, Pristina ha rinviato la procedura di applicazione del divieto sui documenti serbi al 1° settembre.

Il precedente tentativo di Pristina di vietare l’ingresso nel territorio ai veicoli con targhe serbe ha provocato una grave escalation del conflitto. Il 20 settembre 2021, centinaia di agenti di polizia del Kosovo, compresi i cecchini, hanno occupato i checkpoint di Jarinje e Brnjak. Gli albanesi kosovari hanno iniziato a rimuovere con la forza le targhe dalle auto serbe, sostituendole con le targhe del Kosovo e addebitando una “tassa” di 5 euro. In risposta, i serbi hanno bloccato i posti di blocco e organizzato proteste di massa. Dieci giorni dopo, Belgrado e Pristina hanno raggiunto un accordo per allentare le tensioni nel nord del Kosovo e hanno concordato di istituire un gruppo di lavoro per affrontare il problema a lungo termine delle targhe sui veicoli appartenenti ai residenti di questa regione prevalentemente serba.

Tuttavia, Pristina blocca qualsiasi negoziato con Belgrado e si è rifiutata di discutere anche la questione in questione. Inoltre, il 29 giugno 2022, il gabinetto guidato da Kurti ha adottato due atti, che questa volta riguardavano non solo le targhe, ma anche i documenti personali dei serbi emessi da Belgrado. All’inizio di luglio, il presidente serbo Aleksandar Vucic ha avvertito che l’iniziativa di Pristina potrebbe comportare conseguenze disastrose. Ha esortato la comunità internazionale a impegnarsi nella risoluzione della questione, ma il suo appello è caduto nel vuoto dei patroni occidentali degli albanesi del Kosovo.

MOSCA, 1 agosto. /TASS/

La minaccia di guerra nei Balcani rimane, ma la diplomazia ha una possibilità – esperto – Mondo – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi