Gruppo Mozart: un ex militare occidentale addestra le reclute ucraine in Donbass

I volontari tengono corsi intensivi sulle tattiche sul campo di battaglia che dovrebbero richiedere sei mesi per insegnare

“Stai in attesa”, grida un ex marine degli Stati Uniti. “Minaccia!” arriva la chiamata successiva e una raffica di colpi di pistola riecheggia intorno a una cava in disuso, in una collina ucraina, a pochi chilometri dalla linea del fronte della guerra.

La polvere sollevata dai proiettili si mescola con il sudore degli uomini nel caldo di 30 ° C. “Questa non è la pistola”, dice l’allenatore, individuando un uomo dall’aspetto frustrato che aveva punteggiato un bersaglio a cinque metri di distanza con piccoli fori. “Stavi mettendo la vista in un punto diverso ogni volta.”

Le reclute ucraine intraprendono la pratica del bersaglio in una cava vicino alla linea del fronte.

Nel cuore del Donbass, un gruppo di otto ex militari occidentali di grande esperienza sta offrendo un corso intensivo di formazione di 10 giorni per 40 nuove reclute ucraine che sono state estratte direttamente dai combattimenti.

Mentre la battaglia per l’est dell’Ucraina continua, i soldati nel Donbass hanno subito pesanti perdite in una feroce battaglia di artiglieria. Le forze combattenti professionali dell’Ucraina, che difendono la linea del fronte orientale dal 2014, sono gravemente impoverite. Dal 24 febbraio le nuove reclute sono salite in prima linea, molte con una formazione incredibilmente scarsa.

Le reclute del corso hanno un mosaico di equipaggiamenti: diverse armi, fatica e armature del corpo di varia qualità. Di età compresa tra i 20 e i 50 anni, gli uomini sono di tutte le forme, dimensioni e livelli di fitness.

Andy Milburn, a sinistra, parla con un interprete.

Uno su 10 era nell’esercito prima della guerra e ha avuto pochissima formazione formale, spiega Andy Milburn, fondatore del Mozart Group, una nuova società di sicurezza privata che ha il compito di addestrare i soldati ucraini.

Milburn, un colonnello in pensione del Corpo dei Marines che ha trascorso 31 anni nell’esercito americano, ha riunito volontari esperti per addestrare i civili che combattono nella forza di protezione civile di Kiev mentre difendevano la loro capitale. Ora con sede nel Donbas, il Gruppo Mozart è composto da 20-30 volontari provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Irlanda e altri paesi occidentali.

[…]

Reclute nel corso di formazione di 10 giorni

Dal 2014 il Gruppo Wagner opera in paesi insicuri e a basso reddito, tra cui Siria, Libia e Repubblica Centrafricana, proteggendo gli interessi russi con scarso riguardo per i diritti umani o il diritto internazionale.

[…]

In gran parte finanziato da donatori privati statunitensi e composto da reclute attentamente controllate, il Gruppo Mozart fornisce anche aiuti umanitari tra cui prodotti sanitari e cibo alle città in prima linea ed estrae persone vulnerabili da aree ad alto rischio di combattimento.

Ai soldati ucraini vengono dati corsi intensivi di cinque o 10 giorni in gestione delle armi di base, tiro, fuoco e manovra e tattiche sul campo di battaglia che idealmente richiederebbero sei mesi per insegnare. I formatori hanno insegnato a migliaia di soldati a parlare con le reclute tramite due interpreti, che Secondo Milburn non è sufficiente per il lavoro, ma hanno faticato a trovare persone con le competenze necessarie.

Bison fornisce il primo soccorso a un soldato che era stato colpito da un involucro di proiettile caldo durante la pratica del bersaglio
Bison fornisce il primo soccorso a un soldato che era stato colpito da un involucro di proiettile caldo durante la pratica del bersaglio

“Devo ancora combattere in prima linea, ma abbiamo presidiato posizioni che sono state bombardate e colpite da attacchi missilistici”, dice al Guardian un soldato di 42 anni che si è identificato solo dal suo nominativo Bison durante le prove di tiro, vestito con una tunica mimetica britannica di seconda mano con un distintivo union jack cucito sulla manica.

Bison, un ingegnere meccanico di Dnipro, ha comprato un fucile da caccia dopo l’inizio della guerra, per fare un po ‘di pratica di tiro e ora opera come medico di plotone. “Ho fatto un corso medico tattico di una settimana dopo aver avuto un brutto incidente in bicicletta durante il blocco Covid. Gliel’ho detto e mi hanno fatto diventare un medico”, dice con un sorriso e un pacchetto medico attaccato alla sua armatura.

Un interprete, al centro, fa da collegamento tra un addestratore, a sinistra, e un soldato

Questo è più della maggior parte dei medici, secondo Dathan, un ex paramedico avanzato che ha trascorso 23 anni servendo nell’esercito irlandese in contee tra cui Siria e Kosovo, e si è unito al Gruppo Mozart a maggio.

“Chiedi ai medici quali sono le loro qualifiche e loro dicono: ‘Beh, mi è stata data questa borsa e ora sono il medico’”, dice Dathan.

“Solo uno di questo gruppo di 40 persone aveva azzerato la sua arma prima dell’inizio dell’addestramento”, dice Milburn mentre cammina attraverso la macchia fino al campo di allenamento improvvisato. Azzerare un’arma significa allineare i mirini in modo da poter mirare con precisione a un bersaglio. “Questa è la prima cosa che fai”, dice Milburn.

Le truppe ucraine sono addestrate vicino alla linea del fronte poiché i loro comandanti non possono rischiare che i loro soldati siano lontani dal campo di battaglia per troppo tempo nel caso in cui i russi cerchino di avanzare. Idealmente questi gruppi dovrebbero addestrare da 100 a 120 uomini alla volta, ma non possono permettersi di toglierli dalle loro posizioni, dice Milburn.

“È all’indietro: non vai prima a combattere e poi torni ad essere addestrato”, concorda Dathan. Il governo ucraino non vuole dire che la maggior parte dei loro militari non è realmente addestrata. Ma stanno cercando di combattere i russi che, per fortuna, non sono nemmeno addestrati”.

Gli obiettivi si trovano in una cava vicino alla linea del fronte

“Questo è quello che deve essere stato nella prima guerra mondiale”, dice Alex (non il suo vero nome), parlando al Guardian al telefono dalla Bulgaria. Alex è un ex soldato britannico che si stava prendendo una pausa, ma ha detto che intendeva tornare per aiutare in modo permanente.

“Sono uomini di 36, 37 anni e quattro mesi fa questi ragazzi erano tassisti o agricoltori. Nessuno di loro vuole essere nell’esercito, ma dicono che il nostro paese è stato invaso. Cosa ti aspetti che facciamo? Enorme rispetto per loro. Ma è abbastanza triste essere onesti”, dice Alex.

Ma ciò che manca alle truppe in esperienza lo compensano con entusiasmo e determinazione. “Sono ottimisti, ascoltano, sono attenti e soprattutto hanno un grande senso dell’umorismo”, dice Milburn, guardando oltre l’esercizio di allenamento.

“Non si lamentano, prendono tutto e danno il 100%”, concorda Dathan.

Tiger, un soldato di 22 anni che stava studiando legge a Dnipro quando è iniziata la guerra, dice che ora sta completando l’ultimo anno della sua laurea da remoto mentre si prepara a combattere.

Un soldato regola il kit di Tiger

I membri di Mozart sono desiderosi di separarsi dall’afflusso di turisti di guerra e di aspiranti combattenti che potrebbero essere trovati a raccontare storie e sostenere bar d’albergo in costosi nuovi abiti militari a Kiev all’inizio del conflitto. “È pericoloso”, dice Alex. “Potresti ferire o uccidere te stesso o qualcun altro – e questo danneggia le relazioni tra occidentali e ucraini”.

Gli allenatori dicono di essersi uniti al Gruppo Mozart per diventare “moltiplicatori di combattimento”, dicendo che aveva senso addestrare centinaia di ucraini piuttosto che rischiare di essere uccisi rapidamente nei combattimenti. Il sito web del governo britannico afferma che coloro che viaggiano “per combattere o per assistere altri impegnati nella guerra” potrebbero essere perseguiti al ritorno nel Regno Unito.

Parlando con le truppe e i comandanti ucraini, Alex e Milburn concordano sul fatto che i sistemi d’arma e le attrezzature militari statunitensi e occidentali non vengono utilizzati o distribuiti correttamente a causa della mancanza di formazione e abilità da parte degli ucraini.

“Non stanno schierando le armi”, ha detto Alex, che, durante i suoi sette anni e mezzo con l’esercito britannico, si è specializzato e addestrato nell’uso di javelin e NLAW, armi anticarro hi-tech statunitensi e britanniche, il cui uso si è rivelato fondamentale per il successo dell’Ucraina nel respingere la Russia da Kiev a marzo.

Alex dice di capire dalle conversazioni con i comandanti che senza l’addestramento adeguato, i sistemi Javelins da $ 178.000 vengono utilizzati in modo improprio o diventano ridondanti, con sofisticate batterie di mirino che si esauriscono prima che i razzi vengano sparati. “Non ricevono la formazione di cui hanno bisogno”, afferma Alex.

Nestor, centro, un soldato ucraino di 26 anni di Dnipro

Alla fine della lezione di tiro, le truppe si riuniscono per un briefing e una sessione di domande e risposte. “Dove dovrebbero essere posizionate idealmente le piastre metalliche nella nostra armatura?” chiede un uomo, e l’allenatore dà una dimostrazione mentre gli uomini guardano, ascoltando intensamente. “Sto diventando più calmo man mano che mi alleno di più”, dice Bison quando gli viene chiesto se fosse preoccupato di andare in prima linea.

Nestor, un soldato ucraino di 26 anni anche lui di Dnipro, uno dei pochi che combatteva nel Donbas dal 2014, è tornato al loro poligono di tiro con Rob, l’ex marine degli Stati Uniti, per ottenere qualche altro consiglio su come cambiare i caricatori una volta terminato il debriefing. “Questi istruttori sono fantastici, è così dettagliato indipendentemente dal tuo livello di esperienza”, afferma Nestor. Dei 15 amici che Nestor ha perso combattendo nel conflitto dal 2014, 10 sono morti quest’anno.

Le truppe ucraine sono addestrate vicino alla linea del fronte in quanto i loro comandanti non possono rischiare che i loro soldati siano lontani dal campo di battaglia per troppo tempo

Mentre hanno fornito armi e addestramento all’estero, gli Stati Uniti, il Regno Unito, l’UE e altri alleati occidentali non hanno schierato truppe in Ucraina per paura che il conflitto degeneri in una guerra tra Russia e NATO. Tuttavia, Andy Milburn vorrebbe avere più contatti con il governo degli Stati Uniti.

Alla domanda se condivide l’intelligence con gli Stati Uniti, risponde: “Questa è una parte facile” – e spiega che il governo degli Stati Uniti è preoccupato che se finanziano Mozart, il gruppo potrebbe trasformarsi in un appaltatore militare privato coinvolto nei combattimenti stessi.

Se qualcuno dei volontari del Gruppo Mozart viene coinvolto nei combattimenti, non fa più parte del Gruppo Mozart, spiega Milburn. “C’è una linea molto chiara.”

Luca Harding Corrispondente estero The Guardian

05/08/2022

Gruppo Mozart: l’ex militare occidentale che addestra le reclute ucraine | Ucraina | Il Guardiano (theguardian.com)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi