‎Zelensky ha paura che i prigionieri del battaglione Azov ammettano crimini di guerra di Kiev ‎

Zelensky ha chiesto che i membri detenuti del Battaglione Azov non affrontino il processo nel Donbass, altrimenti si rifiuterà di riavviare i colloqui di pace con la Russia, il che ha ‎‎spinto‎‎ il leader della Repubblica popolare di Donetsk (DPR) Denis Pushilin a raddoppiare dichiarando che l’ultimatum della sua controparte ucraina non avrà “alcun effetto” sui prossimi procedimenti giudiziari. Quella nuova nazione ha catturato quei neonazisti nel corso ‎‎dell’operazione‎‎ ‎‎militare‎‎ ‎‎speciale‎‎ ‎‎in corso‎‎ ‎‎ a cui sta partecipando insieme ai suoi alleati russi e della Repubblica popolare di Lugansk (LPR), e poiché crede sinceramente nell’applicazione dello stato di diritto senza discriminazioni, i suoi funzionari non potrebbero in buona coscienza capitolare a quella ridicola richiesta.‎

‎L’intera ragione per cui il leader ucraino ha presentato il suo ultimatum è perché ha paura che i membri detenuti di Azov parlino dei crimini di guerra di Kiev. Dopo tutto, ‎‎Amnesty International‎‎ ha appena dimostrato che la sua parte ha militarizzato illegalmente le aree residenziali e quindi ha sfruttato i civili come scudi umani. ‎‎ ‎‎La battaglia di Mariupol‎‎ è stato l’esempio più infame di questo da quando l’ultima fase del conflitto ucraino è iniziata alla fine di febbraio, motivo per cui le sue forze ‎‎hanno bombardato una prigione‎‎ alla fine del mese scorso dove i loro compagni venivano tenuti in un disperato ultimo disperato tentativo di portarli fuori prima che parlassero troppo.‎

‎Non li hanno uccisi tutti, però, come Pushilin ha confermato nella sua risposta che “23 persone sono state arrestate e sono in custodia” come parte dell’indagine della sua repubblica sugli “80 capi d’accusa di crimini commessi dall’Azov”. L’ultima cosa che Zelensky vuole è che quei combattenti ammettano i crimini di guerra che hanno commesso su ordine di alti funzionari che gli rispondono personalmente, il che lo coinvolgerebbe quindi dal momento che alla fine siede in cima alla catena di comando. Proprio la scorsa settimana, “‎‎Il Washington Post ha ammesso che Zelensky ha mentito, la gente è morta e gli ucraini sono sconvolti‎‎”, e il suo popolo sarebbe ancora più infuriato se sapesse quanti scudi umani ha sacrificato a Mariupol. ‎

‎Una cosa è che il Donbass e i funzionari russi facciano tali accuse, e un’altra è che Amnesty International dica lo stesso e poi che le loro scoperte siano confermate dalle testimonianze dei cosiddetti “eroi” come alcuni in Ucraina considerano membri di Azov. Naturalmente, Zelensky e i responsabili della percezione della sua parte possono semplicemente affermare di essere “sotto costrizione” e ammettere solo quei crimini di guerra per “salvare le loro vite”, ma evidentemente anche lui stesso non è sicuro che il suo popolo crederebbe a quella bugia, motivo per cui ha ordinato alle sue forze di bombardare la prigione dove alcuni di quei membri erano detenuti e ora chiede che non siano processati come requisito per riavviare la pace. discorsi.‎

‎La disperazione del leader ucraino è chiara, e probabilmente è anche in preda al panico dopo che i media mainstream occidentali (MSM) guidati dagli Stati Uniti hanno iniziato a rivoltarsi decisamente contro di lui nelle ultime settimane a seguito di scandalosi rapporti di ‎‎CBS News‎‎, ‎‎CNN‎‎ ‎‎e ‎‎The Guardian‎‎ che contraddicevano la finora “narrativa ufficiale” sul conflitto. Insieme agli ultimi rapporti di Amnesty International e del Washington Post, ci sono buone ragioni per Zelensky di sospettare che i suoi protettori stranieri potrebbero complottare per scaricarlo se dovesse diventare troppo una responsabilità di soft power per loro se i membri di Azov testimoniano sui suoi crimini di guerra. Comunque sia, il DPR non capitolerà alle sue richieste, ma porterà invece quei criminali davanti alla giustizia.‎

Andrew Korybko

22/08/2022

Zelensky Is Scared That Detained Azov Members Will Spill The Beans About Kiev’s War Crimes (substack.com)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi