Per quale motivo l’Occidente vuole negare il visto di ingresso ai cittadini russi?

Andrew Korybko – 04/09/2022

What Explains Western States’ Divergent Stances Over Banning Russian Visas? (substack.com)

La questione è estremamente delicata poiché riguarda questioni socio-politiche e strategiche che influenzano in modo prominente ciò che ogni stato considera come i propri interessi nazionali.

Il tema del divieto totale dei visti russi è recentemente venuto alla ribalta della politica occidentale. Alcuni paesi dell’Europa centrale e orientale (CEE) come gli Stati baltici e la Polonia vogliono impedire a tutti i russi, senza eccezione, di visitare mai l’Occidente, mentre altri come Francia, Germania e Stati Uniti vogliono solo vietare i cosiddetti “sostenitori del regime”. La questione è estremamente delicata poiché riguarda questioni socio-politiche e strategiche che influenzano in modo prominente ciò che ogni stato considera come i propri interessi nazionali.

Quei paesi CEE che vogliono bandire completamente tutti i russi dai loro rispettivi territori e l’Occidente più in generale credono nella punizione collettiva di quella popolazione per la decisione del loro governo di lanciare la sua operazione militare speciale in corso. in Ucraina. Ciò che è ironico in questa posizione è che loro stessi in precedenza hanno affermato di aver sperimentato la loro cosiddetta “punizione collettiva” per mano dell’ex Unione Sovietica, il che rende estremamente ipocrita per loro infliggere questo ai russi.

Quei paesi occidentali che sono contrari a vietare completamente i russi non hanno mai sperimentato ciò che le loro controparti considerano una “punizione collettiva” da parte dell’ex Unione Sovietica. Per questi motivi, sperano di fare appello ai cosiddetti “russi dissidenti” per incoraggiarli a emigrare, il che sta fondamentalmente incoraggiando la “fuga di cervelli”.

Gli Stati baltici e la Polonia hanno un tale odio patologico per i russi a causa del “nazionalismo negativo” che ha preso il sopravvento sulle loro società negli ultimi anni che stanno abbandonando unilateralmente qualsiasi schema di “fuga di cervelli” poiché preferirebbero non avere nessuna di quelle persone nei loro paesi. Le loro controparti occidentali, nel frattempo, comprendono l’utilità strategica di incoraggiare i russi istruiti a emigrare dalla loro patria in massa con promesse di cosiddetta “libertà politica” e ricompense finanziarie.

È a questo punto che alcune parole dovrebbero essere dette sul pubblico mirato in quella potenza mondiale appena restaurata. Tutti in Russia hanno il diritto di andarsene se vogliono, ma alcuni di coloro che lo fanno per “ragioni politiche” soggettive non si rendono conto a cosa vanno incontro. Il più delle volte, sono attratti da messaggi manipolatori da forze ostili all’estero che intendono sfruttarli come manodopera relativamente più economica e / o trofei simbolici da mostrare alla comunità internazionale.

In poche parole, questi “russi dissidenti” sono rozzamente oggettivati e successivamente sfruttati, con solo una minuscola quantità di loro che ha mai ricevuto i benefici tangibili che ingenuamente si aspettavano quando sono emigrati in primo luogo. Per ogni Kamil Galeev, che è un noto agente di influenza finanziato dal governo degli Stati Uniti che è anche famigerato per il thread twitter traditore e pro-terrorismo che ha pubblicato la scorsa primavera, ci sono migliaia di Ivan e Svetas casuali che faticano ingrato nell’oscurità.

Guardando al futuro, il tema del divieto totale dei visti russi per i paesi occidentali rimarrà sensibile a causa degli interessi divergenti di quegli stati rispetto all’odio letteralmente fascista di quelle persone da parte dei CEE e allo schema strategico delle loro controparti occidentali per incoraggiare la “fuga di cervelli” dalla Russia. I cosiddetti “russi dissidenti” probabilmente continueranno a emigrare, ma ci si aspetta che la stragrande maggioranza di loro continui a essere spietatamente sfruttata anche se sono troppo sottoposti al lavaggio del cervello dal soft power occidentale per rendersene conto.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi