La mobilitazione parziale della Russia è in realtà finalizzata alla de-escalation

Andrew Korybko – 24/09/2022 (traduzione automatica)

Russia’s Partial Mobilization Is Actually Aimed At De-Escalation (substack.com)

 

Kiev e i suoi alleati della NATO possono accettare la realtà geopolitica emergente che il presidente Putin immagina al fine di rifocalizzare i loro sforzi sul fronte interno in vista delle previste crisi socio-politiche ed economiche del prossimo inverno o respingerla militarmente con il rischio di provocare la Russia a difendere pienamente quello che considererebbe il suo territorio.

Il presidente russo Vladimir Putin si è rivolto ai suoi compatrioti mercoledì per annunciare la mobilitazione parziale delle loro riserve. Ha detto che questo è stato in risposta a una combinazione di attacchi transfrontalieri da parte delle forze ucraine sostenute dalla NATO, nonché al massiccio sostegno militare che questa alleanza anti-russa sta fornendo all’ex Repubblica sovietica. Inoltre, il leader russo ha ribadito le sue precedenti accuse secondo cui l’Occidente guidato dagli Stati Uniti sta complottando per smembrare il suo paese, promettendo che falliranno.

Il ministro della Difesa Sergey Shoigu ha immediatamente proseguito spiegando che la Russia sta effettivamente combattendo contro l’Occidente collettivo in Ucraina. Li ha accusati di fornire intelligence e armi all’avanguardia per facilitare gli attacchi transfrontalieri dell’Ucraina, per non parlare di quella che ha descritto come la sua campagna di genocidio e terrorismo. Shoigu ha anche annunciato che la mobilitazione parziale comprenderà circa 300.000 soldati, che secondo lui è solo circa l’1% della sua capacità totale.

Il contesto più ampio all’interno del quale questi annunci hanno avuto luogo coinvolge le mutevoli dinamiche strategico-militari del conflitto ucraino. Le forze armate russe hanno appena subito una battuta d’arresto nella regione di Kharkov, dopo di che altre quattro regioni ucraine – Donetsk, Kherson, Lugansk e Zaporozhye – hanno dichiarato che terranno referendum sull’adesione alla Federazione Russa. Kiev e i suoi alleati occidentali hanno denunciato quei voti come una farsa e hanno promesso di ristabilire il pieno controllo.

Tra questi due sviluppi, il presidente Putin ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a margine del vertice SCO della scorsa settimana nell’antica città uzbeka di Samarcanda. Il presidente Erdogan ha poi detto alla PBS in un’intervista lunedì che il presidente Putin avrebbe mostrato “che è disposto a porre fine a questo il prima possibile”, aggiungendo che “penso che un passo significativo sarà fatto avanti”. Gli eventi successivi hanno confermato che i referendum e la mobilitazione parziale erano ciò che il presidente Putin aveva in mente.

I media mainstream stanno girando entrambi come escalation disperate che presumibilmente vengono fatte fuori da una posizione di crescente debolezza militare. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in precedenza ha avvertito la sua controparte russa di non usare armi nucleari se la situazione peggiora ulteriormente per la sua parte, che segue la tendenza della paura occidentale da quando l’ultima fase del conflitto ucraino è iniziata a fine febbraio. La Russia, tuttavia, ha negato qualsiasi intento del genere, ma ha ribadito che si difenderà sempre.

Il presidente Putin ha fatto eco a questa posizione nel discorso di mercoledì, promettendo che il suo paese userà “tutti i mezzi a nostra disposizione” per difendere “la Russia e il nostro popolo”. Ha anche messo in guardia l’Occidente dall’impegnarsi in quello che ha descritto come ricatto nucleare. Questo può essere interpretato come un indizio che in realtà sono gli Stati Uniti che potrebbero prendere in considerazione l’uso di tali armi o almeno mettere la Russia in una situazione militarmente strategicamente svantaggiosa in cui Washington potrebbe un giorno avere il vantaggio in una guerra nucleare teorica.

Gli osservatori potrebbero quindi comprensibilmente interpretare gli ultimi sviluppi dei referendum nelle aree controllate dalla Russia di quelle quattro regioni ucraine e la parziale mobilitazione di Mosca come escalation, ma la realtà è che entrambi sono in realtà volti a ridurre il conflitto. Per spiegare, nel caso in cui quelle regioni votassero per aderire alla Federazione Russa come molti prevedono, sarebbero quindi considerate da Mosca come il proprio territorio alla pari con la capitale stessa.

L’Ucraina e i suoi sostenitori della NATO dovrebbero quindi considerare se valga la pena attaccare direttamente il territorio che la Russia ha promesso di trattare legalmente come proprio, poiché farlo comporterebbe certamente conseguenze importanti. Non è chiaro cosa farebbero in quello scenario, ma il Cremlino evidentemente non sta correndo alcun rischio, da qui la sua parziale mobilitazione che il presidente Putin ha detto che dovrebbe stabilizzare le linee del fronte che potrebbero molto presto essere considerate da Mosca come la nuova estensione dei suoi confini internazionali.

Potrebbe essere stato con questo in mente che il leader russo ha detto durante la sua conferenza stampa a Samarcanda dopo il vertice della SCO lì che “Se la situazione continua così (con attacchi transfrontalieri e terroristici), la nostra risposta sarà più incisiva”. Finora, ha spiegato, “Siamo stati abbastanza moderati nella nostra risposta, ma questo non durerà per sempre”. Ciò conferma che la Russia si è trattenuta militarmente per tutto questo tempo, anche se le dinamiche mutevoli la stanno costringendo a riconsiderare se necessario.

Considerando questi calcoli dal punto di vista del presidente Putin, le sue ultime intenzioni sembrano chiaramente mirare a ridurre il conflitto ucraino congelando la linea di controllo o forse espandendola leggermente ai confini di quelle quattro regioni ucraine che potrebbero votare per unirsi alla Russia. Dal momento che Mosca considererebbe quelle frontiere come le sue nuove frontiere internazionali in quello scenario, ha senso perché si sta parzialmente mobilitando per difenderle dalle forze ucraine sostenute dalla NATO.

Pertanto, la prerogativa di intensificare il conflitto ucraino spetta a Kiev e ai suoi alleati della NATO. Possono accettare questa realtà emergente come la immagina il presidente Putin al fine di rifocalizzare i loro sforzi sul fronte interno in vista delle previste crisi socio-politiche ed economiche del prossimo inverno o respingerla militarmente con il rischio di provocare la Russia a difendere pienamente quello che considererebbe essere il suo territorio. Speriamo che le teste più fredde prevalgano dopo aver apprezzato le mosse di de-escalation della Russia.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi